Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Ci sentiamo come se fossimo già in guerra – VG

Preoccupazione: VG ha incontrato Julia Solovy (23) e Anatoly Solovy (23) a Kiev.

Ancora una volta, l’Ucraina è sotto i riflettori del mondo, ma gli ucraini hanno vissuto a lungo con la costante minaccia di una guerra.

Inserito:

– Mi dispiace tanto per quello che sta succedendo. Mi sento come se fossimo già in guerra. Julia Solovy (23 anni): Cosa accadrà dopo, sono molto preoccupata.

VG incontra la giovane donna all’angolo di una strada a Kiev, dove sta aspettando suo marito. Anatoly Solovy (23 anni) è una camminatrice e vuole anche condividere i suoi pensieri su quello che sta succedendo in questo momento.

– Ho molti amici che vivono in Oriente, che convivono con il fuoco e il tumulto già da molto tempo. L’anno scorso non hanno osato fare investimenti a lungo termine, perché non sapevano cosa sarebbe successo in futuro. Allo stesso tempo, amano la loro città natale e sono riluttanti a fuggire. Tutti gli ucraini sono colpiti da ciò che sta accadendo ora, ma soprattutto quelli dell’Est, dice a VG.

Nelle ultime settimane la situazione al confine con la Russia è tornata ad essere tesa. Ci sono grandi forze russe vicino al confine con l’Ucraina. Gli esperti dicono che l’Ucraina è usata come pezzo nel gioco della superpotenza e Come merce di scambio tra Russia, Stati Uniti e NATO. Ma i leader mondiali mettono in guardia dall’interpretare il comportamento della Russia come vuoto: La minaccia è reale.

Ricevi gli ultimi aggiornamenti: perché la Russia vuole l’Ucraina:

Nelle ultime settimane ci sono stati una serie di incontri tra NATO, Stati Uniti, Ucraina e Russia per attenuare la situazione. Finora, incontri e colloqui non sono andati avanti.

READ  Due anni dopo l'epidemia e questo è ancora un mistero irrisolto

La Russia vuole, tra le altre cose, negare l’adesione dell’Ucraina alla NATO e che l’alleanza per la difesa torni indietro di diversi decenni di espansione in Europa, cosa che gli Stati Uniti hanno categoricamente respinto.

Ma Julia e Anatoly non hanno grandi aspettative per l’aiuto di altri paesi o alleanze.

Ci sono molte promesse e accordi fatti, ma pochissimi sono stati mantenuti. Anatoly crede che, forse, se il conflitto si intensificherà e l’aggressione da parte della Russia si intensificherà, qualcuno interverrà, perché il mondo è a malapena servito dall’aggressione russa.

Julia Solovy (23) e Anatoly Solovy (23).

I separatisti sostenuti dalla Russia e le forze governative ucraine sono da tempo bloccate in una situazione di stallo. Nel 2014, le tensioni hanno portato a un conflitto in piena regola dopo che le violente manifestazioni a Kiev hanno portato alle dimissioni del presidente filo-russo Viktor Yanukovich.

La Russia ha finito per annettere la Crimea nell’Ucraina sudorientale in violazione del diritto internazionale. Da allora, la penisola, dove la maggioranza della popolazione parla russo, è stata amministrata come due sudditi federali russi.

Venerdì, numerosi siti web del governo ucraino sono stati temporaneamente disabilitati A seguito di un attacco informatico. Sebbene sia troppo presto per concludere, l’Ucraina ha subito fatto riferimento alla Russia.

Gli Stati Uniti hanno anche accusato la Russia di pianificare azioni in Ucraina che potrebbero fornire le basi per l’invasione, qualcosa che hanno rifiutato.

Yevgeny Barbarev porta il suo cagnolino per le strade di Kiev

– Questo non è normale, quello che sta succedendo ora. L’Ucraina è un paese in cui molte persone hanno pochissimi soldi e prima hanno avuto difficoltà. Ci sono molte persone che vivono male. Molti vogliono lasciare il Paese.

READ  Jens Stoltenberg: il morso di Trump dopo aver incontrato Biden
Evgenij Barbarev.

Il problema è che ascoltiamo l’Europa, ascoltiamo la Russia, ma non ascoltiamo l’Ucraina e gli stessi ucraini. Amiamo il nostro paese.

– Non ho paura della Russia, non ho paura dell’Europa, ho più paura dell’oligarchia, dice.

Non tutte le visite di VG pensano che la Russia sia l’aggressore in questo caso.

Madre e figlia Alla Solchenko, 53 anni, e Irina Solchenko, 35 anni, sono più preoccupate per ciò che ritengono essere un’interferenza non necessaria da un paese esterno.

Madre e figlia Alla Solchenko (53) e Irina Solchenko (35).

– Sì, sono preoccupato e temo che consentiremo sempre agli Stati Uniti di intromettersi negli affari di altri paesi. Ci sono sempre diverse facce di questo problema, dice Irina, che vive in Germania ma è in vacanza nella sua terra natale.

L’adesione alla NATO non è una buona idea. Guarda gli altri paesi ex-sovietici che sono diventati membri, non c’era nient’altro che caos e risentimento lì dopo che si sono uniti alla NATO, crede Ala.

Pensi che l’Ucraina sarebbe stata meglio sotto la Russia?

I grandi paesi sono sempre migliori, qualunque cosa accada. Siamo più forti insieme.

Tornando alla giovane coppia Solovy, Julia ride un po’ nervosamente alle domande sulla sua opinione sulla Russia.

In altre parole: è importante distinguere tra autorità russe e russe. Ci siamo stati diverse volte. Il paese è bellissimo, e lì abbiamo incontrato molte persone simpatiche, ma dobbiamo assolutamente evitare di parlare di politica.

– Vivrai in Ucraina?

– Amo molto il mio paese e ovviamente preferisco vivere qui. Ma poi dovrebbe essere un posto sicuro dove i nostri figli possono crescere in futuro.

READ  Sono accusati di essere dietro l'assalto al Congresso. Questi sono i custodi del giuramento.