Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Controcultura, Dibattito |  Tentativo disperato di Nortora

Controcultura, Dibattito | Tentativo disperato di Nortora

posta corrispondente Questa è una voce nella discussione, scritta da un collaboratore esterno. La pubblicazione esprime il punto di vista dell’autore.

La bozza finale finora raccomanda di dimezzare l’attuale consumo di carne, in particolare manzo, pecora/montone e maiale. Le comunità professionali dietro di esso si basano su un riassunto solido e strutturato di ricerca e scienza.

Nortura, che guadagna più carne di quanta ne mangiamo, sta facendo del suo meglio per non perdere introiti e preservare la reputazione della carne. Il 5 giugno hanno convocato una riunione di dialogo a Litteraturhuset, con un gruppo di esperti e una domanda principale, per cercare di confondere e concentrarsi su qualcosa di diverso dal fatto che dovremmo mangiare meno carne.

Leggi anche

L’agricoltura è parte della soluzione, non il problema

Il titolo dell’incontro Nortura era “La carne rossa è pericolosa o la carne ha un posto in un’alimentazione sana e sostenibile?”. L’uso di parole come “pericoloso” porta la discussione in primo piano, e Nortura ne è presumibilmente consapevole. Le menti sagge di Nortura probabilmente riconoscono anche che avviare una discussione è una tattica ben nota e ben funzionante per distogliere l’attenzione da qualcosa che non si vuole affrontare.

Organizzando un talk show e facendo discutere i professionisti sul fatto che la carne sia “pericolosa” o meno, sono riusciti a distogliere l’attenzione da ciò che la popolazione ha bisogno di sentire, vale a dire che dobbiamo ridurre drasticamente il consumo di carne.

Leggi anche

Immergi la forchetta nell’oceano per il clima

A febbraio sono stato invitato da Nortora a un incontro di dialogo, ma poi ho subito ricevuto una contronotifica che “i ruoli sono stati coperti”. Anch’io non ho partecipato all’incontro come spettatore, ma voglio raccontare ciò che è importante, nelle Nationen.

Consulenza nutrizionale da parte delle autorità sanitarie e delle associazioni professionali (daE HarvardE Società norvegese contro il cancro con più) chiaro. La bozza delle linee guida dietetiche per i paesi nordici, che sarà lanciata il 20 giugno, consigliare Un massimo di 350 grammi di carne rossa preparata a settimana. Nel 2021, i norvegesi mangiavano 572-650 g di carne rossa cotta a settimana (41,8 kg di carne cruda e disossata all’anno, Secondo i dati per l’industria della carnediviso per 51 settimane all’anno e aggiustato per il fattore di variazione del peso 0,7-0,8)

Inoltre, NNR raccomanda l’anno 2023, simile a Organizzazione mondiale della sanità e i principali ricercatori sul cancro nel mondo (WCRF), a mangiare il meno possibile delle cosiddette carni lavorate. Le carni lavorate sono salsicce, pancetta, salame, crocchette e simili, praticamente tutti i prodotti a base di carne già pronti che abbiamo nei negozi norvegesi. La carne lavorata è riconosciuta come cancerogeno specifico (causalità convincente).

Le linee guida dietetiche norvegesi del 2011, basate su Norkost3, indicano che la metà del consumo totale di carne della Norvegia è sotto forma di carne lavorata.

Chiara è anche la risposta alla domanda successiva di Nortura: “Cosa sappiamo veramente degli effetti della carne sulla nostra salute? E cosa non sappiamo?”.

Dalla stessa industria della carne, la carne rossa viene spesso presentata come una fonte proteica molto importante e quasi insostituibile. Sulla base dei numeri di Norkost 3, la carne contribuisce solo per il 27% alla quantità di proteine ​​consumate nella dieta. Inoltre, i norvegesi mangiano quasi il doppio delle proteine ​​di cui il corpo umano ha bisogno, compresi gli amminoacidi essenziali. Quindi è completamente sicuro ridurre significativamente l’assunzione giornaliera di carne e non è necessario sostituire le proteine ​​della carne con nient’altro.

Nortura capisce da dove vengono i consigli nutrizionali. Sulla domanda di Nortura “Come può Nortura contribuire a migliorare la salute pubblica?” Risponderò che devono riprogrammare. In altre parole, dimezzare la produzione di carne e cercare nuove opportunità per coprire i mancati guadagni con ciò di cui i consumatori avranno bisogno in futuro, come hamburger di ortaggi a radice norvegesi e colture di cavoli.

READ  Stolpersteine ​​​​zum Gedenken an Nazi-Verbrechen geschändet