Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fumare nell’adolescenza può avere conseguenze a lungo termine, anche se smetti di fumare prima dei 30 anni

Se sei un giovane fumatore, sei a maggior rischio di contrarre un gran numero di malattie già nella tua giovinezza.

Anche se smetti di fumare a 30 anni, il rischio di morire di cancro ai polmoni è quasi il doppio rispetto ai non fumatori. Per le donne, c’è anche un aumento del 5% del rischio di morte entro dodici anni dopo aver smesso di fumare, cioè in giovane età rispetto a coloro che non hanno mai fumato.

Questi sono i risultati di quattro ricercatori danesi del Center for Clinical Research and Prevention del Bispyberg Hospital Frederiksberg in un articolo pubblicato su Ugeskrift per Læger.

A proposito dell’articolo in Ugesskrift di Læger

Il saggio di ricerca raccoglie prove da quattro principali studi longitudinali; Sono state esaminate le morti totali.

Gli studi sono indagini ampie, complete e basate sulla popolazione che tengono conto dei fattori sottostanti (cause di altre malattie come il livello di istruzione e il consumo di alcol) che possono anche avere un effetto sull’aumento della mortalità.

Gli studi sono di alta qualità scientifica, secondo Charlotte Bessinger, professore di prevenzione del tabacco.

Non è possibile eseguire studi randomizzati, che è il “vertice della piramide” nella scienza. Per ragioni etiche, i ricercatori non possono tirare a sorte e richiedono a un gruppo di continuare a fumare e uno a smettere di fumare.

In questo articolo, i ricercatori hanno condotto una revisione sistematica di quattro studi longitudinali, ovvero hanno esaminato i risultati di quattro studi che hanno seguito un gruppo di persone nel tempo ed esplorato il significato del fumo negli adolescenti.

Gli studi esaminati dai ricercatori sono questionari ampi e completi basati sulla popolazione che tengono conto dei cosiddetti fattori sottostanti (cause di malattia come il livello di istruzione e il consumo di alcol).

Quindi, un altro mito sul fumo è stato respinto.

Hai bisogno di questa conoscenza

Il nuovo articolo riunisce le conoscenze esistenti in questo settore ei risultati contano, perché c’è ancora una percezione diffusa – soprattutto tra i giovani – che se smetti di fumare prima dei 30 anni, non avrà conseguenze sulla salute.

Ecco cosa dice Charlotte Bissinger, uno dei ricercatori dietro lo studio:

Ma non è vero, afferma Pisinger, professore di prevenzione del tabacco all’Università di Copenaghen.

Spiega che la motivazione dei ricercatori è proprio quella di rivedere studi precedenti e di raccogliere le conoscenze contenute in un articolo.

READ  Le istantanee di trasformazione ultraveloce nell'elettronica quantistica potrebbero portare a dispositivi di elaborazione più veloci

Il fumo e il tabacco contengono molte sostanze cancerogene e tossiche che causano alcuni gravi danni già nell’adolescenza, ma sono anche permanenti ma il corpo non può ripararle di nuovo. Aggiunge che questo è particolarmente vero per il cancro ai polmoni.

Pisinger spiega che poiché i ricercatori hanno seguito a lungo lo stesso gruppo di giovani adulti, sia che fumassero che non fumatori, hanno concluso che il fumo porta a una cattiva funzionalità polmonare. Anche quando si prendono in considerazione altri fattori che possono influenzare il risultato.

Il fumo nell’adolescenza influisce anche sulla fertilità di una donna e sulla forza di un uomo, quindi può essere difficile concepire.

Inoltre, il fumo può portare a complicazioni della gravidanza come una gravidanza extrauterina e il fumo può danneggiare i polmoni, il sistema cardiovascolare e portare ad altri danni alla salute in tenera età.

Abbiamo esaminato le prove generali e possiamo vedere che esiste una certa correlazione basata sui numeri trovati, afferma Pisinger.

Ma i ricercatori non hanno menzionato alcun numero specifico nel loro articolo, perché è difficile, dice Beinger. Inoltre, questo non era l’obiettivo dei ricercatori perché si sono concentrati sulla mortalità.

Se i ricercatori dovessero includere numeri specifici per ciascun fattore di rischio, dovrebbero raccogliere tutti gli studi specifici che esaminano e rivedono per preparare una meta-analisi.

– Pisinger dice che sarebbe un’enorme mole di lavoro.

Risultati sorprendenti

I risultati sono stati una sorpresa per Uff Bodetger, capo di pneumologia al Næstved Hospital e professore presso l’Università della Danimarca meridionale. Non era coinvolto nella stesura del nuovo articolo, ma l’aveva letto e rivisto gli studi citati.

Sto lavorando a un’indagine sul cancro ai polmoni e devo ammettere di essere rimasto sorpreso dalle conseguenze a lungo termine che sono state descritte. Suscita pensiero e aggiunge:

– È stata la “verità” che se sei stato libero dal fumo per 20 anni, corri un rischio che corrisponde al background demografico, ma qui è contestato.

Ciò è dimostrato dai quattro studi esaminati dai ricercatori:

  • Uno studio di gruppo di Una bambola alla base. (2004): L’effetto della cessazione del fumo è stato studiato per la prima volta in età diverse. Più di 31.000 medici britannici hanno partecipato e sono stati seguiti per un massimo di 50 anni. Lo studio ha mostrato che coloro che hanno smesso di fumare prima dei trent’anni avevano la stessa aspettativa di vita degli uomini che non avevano mai fumato.
  • Uno studio di coorte giapponese per Sakata et al. (2012): con circa 70.000 uomini e donne seguiti per una media di 23 anni, non è stata trovata alcuna differenza significativa nella morte tra coloro che hanno smesso di fumare prima dei 35 anni e coloro che non avevano mai fumato. Il rischio di morte (per tutte le cause) era 1,02 in chi fumava, rispetto a 1,00 in chi non aveva mai fumato dopo aver tenuto conto di altri fattori che potevano avere un effetto sulla mortalità.
  • Jha et al. (2013): Si è concluso che la cessazione del fumo nel gruppo di età 25-35 ha un effetto benefico sulla salute. Non c’era differenza nella mortalità complessiva di coloro che fumavano e di coloro che non lo facevano. Il rischio di morte (per tutte le cause) era 1,02 in chi fumava, rispetto a 1,00 in chi non aveva mai fumato dopo aver tenuto conto di altri fattori che potevano avere un effetto sulla mortalità.
  • Uno studio di gruppo di Pirie et al. (2013): il più grande studio su quasi 1,2 milioni di donne inglesi. Qui, si riscontra un tasso di mortalità significativamente aumentato dopo nove anni di rischio relativo. Era 1,05 in coloro che fumavano contro 1,00 in coloro che non avevano mai fumato. In altre parole, c’è un rischio maggiore di circa il 5% per le donne che hanno smesso di fumare tra i 25 ei 34 anni, rispetto alle donne che non hanno mai fumato. Anche in questo caso, sono stati presi in considerazione altri fattori che potrebbero avere un effetto sulla mortalità.
READ  parlare, opinioni | Forza per creare e spazio per crescere

Fonte: Il Weekly Journal of Physicians

Molti studi sulla popolazione presentano punti deboli significativi, ma Bødtger lo considera un business solido, in particolare lo studio dell’inglese pubblicato sulla rivista Il bisturi.

Tuttavia, è importante notare che sebbene gli studi sulla popolazione possano trovare quelle che vengono chiamate correlazioni (correlazioni statistiche), un legame tra due o più fattori che sembrano convincenti, è importante tenere presente che potrebbero esserci fattori diversi dal fumo. Influisce sul risultato.

È uno studio completo basato su oltre un milione di donne che includeva anche condizioni socioeconomiche, afferma Bodegger.

Nota che è importante considerare fattori come lo stile di vita, l’alcol, la classe sociale e altri fattori associati al fumo e il rischio di malattie gravi o morte prematura.

Tuttavia, gli scienziati non possono mai tenere tutto in considerazione. Ciò significa che anche se i ricercatori si adattano a questi fattori, non possono essere completamente sicuri se il fumo o qualsiasi altra cosa stia influenzando i risultati.

Sebbene abbia lavorato come pneumologo per più di dieci anni, non aveva mai scoperto prima questa conoscenza. Ma lui lo accoglie, perché non è qualcosa di cui si discute, dice.

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare!

Allora per cosa possiamo usare i risultati?

Uwe Baudetger spera che l’articolo non porti alla posizione “non importa”.

Non è mai troppo tardi per smettere di fumare, dice:

Spero che lo usi per dire che è importante smettere di fumare il prima possibile. Prima è meglio è.

Spera inoltre che le nuove conoscenze avranno un impatto sul sistema sanitario, poiché è raro che le storie di fumo dei pazienti vengano menzionate nella cartella clinica.

READ  L'insediamento agricolo può andare al turno extra rosso e verde?

Questo studio mostra che il fumo precedente è associato a molti tipi di malattie. Forse il tabacco è la causa diretta di tutte queste malattie, o forse ci sono altri fattori allo stesso tempo. La ricerca futura dovrebbe rivelarlo.

Charlotte Bissinger afferma inoltre che è sempre utile smettere di fumare.

Tutti gli studi concludono che prima si smette di fumare, minore è il rischio di ammalarsi gravemente o di morire a causa del fumo. Il danno si accumula. Bisogna fermarsi mentre si ha 20 o 25 anni invece di aspettare. In questo caso, potresti essere in grado di prevenire gravi malattie cardiache o polmonari all’inizio della vita, oppure potresti non essere in grado di concepire i bambini.

Dice che anche per un settantenne o qualcuno che si è già ammalato a causa del fumo, sarebbe un “grande guadagno” interrompendo l’esposizione ad agenti cancerogeni e tossine.

Il pericolo rimane, ma diminuisce di giorno in giorno.

Qui puoi vedere una timeline illustrata Al di sopra di ciò che accade nel corpo quando smetti di fumare.

Riferimento:

Charlotta H. Pisinger e altri: il fumo può avere effetti dannosi anche quando si smette di fumare prima dei 30 anni. Il Weekly Journal of Physicians, 2021.Sommario)

© Videnskab.dk. Tradotto da Lars Nygaard per forskning.no. Leggi il caso originale su videnskab.dk qui.