Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il Congo accusa i militanti dell’uccisione dell’ambasciatore italiano

L’ambasciatore d’Italia in Congo, l’autista e la sua guardia del corpo sono stati uccisi lunedì in un attacco a una colonna di aiuti di emergenza. Il Congo dice che dietro c’era un forte combattente ruandese.

Lunedì le forze di pace delle Nazioni Unite rimuovono i morti da una colonna del Programma alimentare mondiale (WFP) nell’area di Niragongo. Foto: Justin Kabumba / AP / NTB

Secondo i primi rapporti, l’ambasciatore Luca Attancio è rimasto ferito quando uomini armati hanno attaccato una colonna del Programma alimentare mondiale (Wfp) a nord di un coma nell’est del Congo.

L’ambasciatore stava uscendo dal coma per visitare un programma scolastico sponsorizzato dal WFP a Ruth Shuru.

Poco dopo, la Farnesina ha confermato l’uccisione dell’ambasciatore e della sua guardia del corpo italiana, il poliziotto Vittorio Icovachi.

Morto anche l’autista congolese, riferiscono fonti locali.

Luca Attancio, ambasciatore d’Italia in Congo, parte con moglie e tre figli. Foto: la community di Sand’jidio tramite AP/NTB

I feriti sono stati portati in un vicino ospedale delle Nazioni Unite. Sono stati portati in ospedale.

Ritenuto il modo più sicuro

Secondo il WFP, la colonna in precedenza utilizzava la strada rimossa per il traffico senza carte di sicurezza. L’organizzazione sta ora cercando di scoprire cosa è successo.

Mambo Kave, il leader di un gruppo della comunità locale, ha affermato che l’attacco è avvenuto nel 2018 nella stessa zona in cui sono stati rapiti i due britannici.

Il presidente italiano Sergio Materella ha condannato l’attentato a Kiev nord e lo ha descritto come vigliaccheria.

“La Repubblica italiana esprime le sue condoglianze a coloro che hanno perso la vita al servizio del Paese”, ha detto Matarella in una nota.

READ  Alto Cardinale Vaticano accusato di frode - è comparso in tribunale nel nostro Paese

Temevano i militanti

Più tardi quella sera, il ministero dell’Interno congolese ha rilasciato una dichiarazione scritta in cui affermava che dietro l’attacco c’erano militanti ruandesi delle FDLR.

Le FDLR sono state fondate nel Congo orientale nel 2000 da Houtus, un ex militare del governo ruandese e militante interhamway, responsabile del genocidio di circa 800.000 persone in Ruanda sei anni fa, principalmente dalla minoranza tutsi.

Da allora i militanti hanno diffuso il terrorismo nell’est del Congo e sono stati accusati di omicidio, stupro di massa e altre atrocità contro i civili.

Vittorio Igovacchi, un poliziotto italiano ucciso in un attentato in Congo, è stato ucciso insieme a un autista e a un ambasciatore italiano del Congo. Foto: Ufficio Stampa Carabinieri Italiani via AP/NTB

– In un articolo sul Programma alimentare mondiale (WFP), il ministero scrive che membri delle Forze Democratiche per la Liberazione del Ruanda (FDLR) sono stati uccisi in un attacco armato.

Diceva che quattro persone erano state rapite e una di loro era stata trovata.

Fucile

Gli aggressori hanno preso il controllo dei veicoli e li hanno portati fuori dalla boscaglia, ma la gente del posto li ha visti e ha allertato le autorità, afferma il governatore della Carolina del Nord Carly Nansu Kasivita.

L’esercito e le guardie nel Parco nazionale di Virunga sono stati così salvati. Un portavoce del parco nazionale ha detto che si trattava di un rapporto delle Nazioni Unite. Potrebbe essere un tentativo di contrabbandare dipendenti.

L’ambasciatore Luca Attancio, che è stato ucciso insieme alla sua guardia del corpo e autista in un attacco a una colonna di aiuti di emergenza in Congo, è stato fermato lunedì nella sua città natale di Limbiot, fuori Milano. Foto: Colonia Antonio / AP / NTB

– C’è stato uno scontro a fuoco. Kasivita ha detto che gli aggressori hanno sparato all’ambasciatore e alla guardia del corpo.

READ  Gloria mondiale? I tifosi norvegesi sono più preoccupati per i diritti umani

Il ministro degli Esteri del Paese, Mary Tumba Nsenza, ha inviato le sue condoglianze all’Italia, promettendo che le autorità congolesi faranno tutto il possibile per indagare sugli omicidi e scoprire chi c’è dietro.

terra di confine

Situato al confine tra Uruganda e Ruanda, il Parco Nazionale di Virunga ospita diversi gruppi armati ed è famoso per i suoi guerriglieri. Circa 200 ranger del parco sono stati uccisi nel parco nazionale negli ultimi 20 anni.

Nel novembre dello scorso anno, più di 30 funzionari locali sono stati uccisi in un massacro nella zona. Alle sue spalle è stato accusato un gruppo islamico estremista ugandese.

L’anno scorso più di 2.000 civili sono stati uccisi nell’est del Congo. L’area è stata devastata per anni da brutali gruppi militanti, costringendo 5,2 milioni di persone a fuggire.

Luca Attancio ha 43 anni ed è diplomatico di carriera. Lascia una moglie e tre figli.