Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’elefante nella stanza – la.no

Per natura e animale Ida Skjerden

Non è una brutta parola per un elefante, ma può riempire rapidamente una piccola stanza. L’idea è che se nessuno ne parla o fa finta che non esista, occupi sempre più spazio, e non sparisca da sola. Questo vale anche per il fenomeno della sovrappopolazione: le persone occupano sempre più spazio e nessuno ne parla.

La popolazione mondiale aumenta di 80 milioni all’anno. Nel 2022 siamo ora 8 miliardi di persone (Nazioni Unite). La popolazione aumenta di circa 220.000 persone al giorno. Ogni settimana, 1,6 milioni di nuove persone, nuovi consumatori, vengono sulla Terra, nuovi violatori delle risorse della Terra. Ci sono 10.000 nuove persone ogni ora. Numeri incredibili.

La crescita è maggiore in Africa. Le Nazioni Unite stimano che la popolazione africana raddoppierà nei prossimi 40 anni, da 1,34 miliardi nel 2020 a 2,7 miliardi negli anni ’50. Nell’Africa subsahariana ogni donna ha oggi in media 5,7 figli.

Ida Skjerden, sostenitrice della natura e degli animali
immagine: Speciale

Questo non solo perché ci alleviamo come conigli, ma anche perché non moriamo più come mosche, invecchiamo e la mortalità infantile è diminuita. Kurt Oddekalv (2018), ex presidente della Environmental Protection Society, ha affermato che la nostra enorme capacità di sopravvivere e riprodurci e di consumare sempre più risorse su un pianeta che ospiterà qualcosa di più del semplice essere umano, è la più grande del mondo . problema ambientale. La Terra sta vivendo una grande perdita di natura e biodiversità e un grande cambiamento climatico. Lo zoologo Harald Creavey (2018) ritiene che la sovrappopolazione sia il problema di cui nessuno vuole parlare perché colpisce, tra le altre cose, la cultura e le pratiche religiose.

Qual è il piano? Hai una casa, un lavoro, mezzi di trasporto, belle vacanze, cibo a sufficienza e acqua pulita per tutti? eliminare la povertà? Crediamo che la crescita della prosperità non finirà mai? Oh sì, lo farà.

La sovrappopolazione è un disastro naturale. Le foreste pluviali vengono bruciate e coltivate, le zone umide vengono prosciugate per l’agricoltura, i fiumi vengono ridistribuiti e le acque sotterranee vengono pompate da grandi profondità, causando siccità. Il bracconaggio e altre attività predatorie si verificano in natura con la piena benedizione delle autorità. Costruiamo il terriccio. Pesticidi e fertilizzanti rappresentano una minaccia diretta per il suolo, le acque sotterranee e la biodiversità. Spostiamo animali e piante dai loro habitat. L’infrastruttura che pesa assume o divide porzioni più ampie del suo habitat. Le zone umide si stanno riducendo, colpendo gli uccelli migratori e riducendo la protezione contro i danni causati dalle inondazioni e dalle frane. I predatori devono morire per poter utilizzare i loro territori. I conflitti tra animali e umani aumentano man mano che penetriamo nei loro habitat. Siamo noi a seguire le loro orme, non il contrario. Ne risentono anche insetti, uccelli, rettili e piccoli mammiferi, oltre a piante, funghi e alberi. È in corso la sesta estinzione di massa irreversibile.

Tutto ciò che avvantaggia le persone qui e ora supera i bisogni della natura, gli diamo una giustificazione morale e ci mettiamo in cima, nell’Antropocene. Ci godiamo i piatti della terra, qualunque sia il costo della natura. Noi umani esigiamo di avere tutti i bambini che vogliamo e la natura deve essere molto brava ad adattarsi a tutte le richieste che ciò comporta. È un nostro diritto perché siamo umani, una visione umana. Quasi nessuno vuole discutere di questa situazione. Ma non possiamo sopravvivere come specie senza natura.

Il cambiamento climatico e la crisi naturale sono sintomi, la sovrappopolazione è il problema. Ora stiamo distruggendo la natura a un ritmo che il mondo non ha mai visto prima. Non ci sono problemi ambientali non legati alla sovrappopolazione. David Attenborough ha detto: “Non si può più permettere alla popolazione umana di crescere nello stesso vecchio modo incontrollato. Se non ci assumiamo la responsabilità delle dimensioni della nostra popolazione, la natura lo farà per noi e saranno i poveri del mondo a soffrirà di più”.

Se tutti nel mondo consumassero come noi in Norvegia, avremmo bisogno di 2,69 globi all’anno. In Norvegia abbiamo raggiunto l’Earth Overshoot Day 12.04.2022. Allora avremo esaurito la nostra quota di risorse della terra per quest’anno. Vivremo il resto dell’anno di zuppa d’aria e ciotole d’attesa. Abbiamo assistito a decenni di prosperità e crescita; Viaggi esotici all’estero e shopping in abbondanza. Siamo pronti a litigare? appena. Qui potrebbe esserci un embargo sul gas finché non incontreremo il muro. Sarebbe una morte lenta e dolorosa per i posteri su un pianeta morto.

I metodi della natura contro una specie densamente popolata sono la fame e le malattie. La natura ha offerto Ebola, SARS e il virus, ma nulla ci uccide con la forza necessaria. Inventiamo vaccini e medicinali e lui è fuori. Siamo difficili da rompere.

Il rimedio di Oddekalv è che ogni paese dovrebbe scoprire quante persone possono sfamare circa il 10-20 per cento delle importazioni di cibo. Cambiamenti climatici con danni alle colture dovuti all’esposizione delle monocolture alla carenza di cibo. Questo potrebbe accadere tra dieci anni, come aveva previsto Oddekalv nel 2018. Siamo davvero lì ora nel 2022 qua e là sulla Terra? Le terre desolate devono essere coltivate, i prezzi dei generi alimentari devono aumentare dall’11% dei nostri salari a circa il 25% e quanta più agricoltura biologica possibile che renda il suolo sostenibile per generazioni, è stata la panacea per il futuro, secondo Odcalf.

Lo sviluppo sostenibile globale e la riduzione della povertà non sono possibili con una crescita demografica illimitata e una crescita economica basata sui consumi. Una popolazione ambientalmente sostenibile deve essere garantita con l’aiuto di misure dei politici. Il nostro ex Primo Ministro Erna Solberg ci ha incoraggiato ad avere più figli. Era troppo miope per motivare i norvegesi a produrre enormi consumatori di risorse sia rinnovabili che non rinnovabili quando gli esseri umani sono davvero qualcosa che abbiamo più che abbastanza qui sulla Terra. I politici del mondo devono avere una politica chiara o un figlio.

Gli alti tassi di natalità riguardano la biologia, le esigenze di riparazione, le finanze, l’assicurazione per la vecchiaia, la cultura, lo stato di avere molti figli, la religione, i tabù contro la pianificazione familiare, la contraccezione e l’aborto.

Il bisogno di riforma su base biologica può essere regolato lavorando su atteggiamenti, educazione pubblica e accessibilità per l’adozione di bambini già nati.

La spinta economica ad avere figli può essere regolata attraverso prestazioni assistenziali. Gli assegni familiari e quelli in denaro dovrebbero essere eliminati o limitati a un figlio per famiglia. Con l’aumento del tenore di vita, i tassi di natalità diminuiscono. Nei paesi occidentali, i tassi di natalità sono relativamente bassi, da 1,5 a 2,2. Ad esempio, i pakistani di seconda generazione in Norvegia hanno tassi di natalità bassi come il resto della popolazione, mentre la prima generazione ha un numero di nascite molto più elevato per i propri figli.

La cultura è profondamente radicata in noi, ma dall’esempio dei pakistani-norvegesi vediamo che siamo influenti nel contesto culturale in cui ci troviamo. Anche in questo caso, il cambiamento degli atteggiamenti si realizzerà attraverso la diffusione delle conoscenze, l’aumento dei diritti delle donne e l’inserimento delle donne nella vita lavorativa.

I tabù religiosi, le leggi e gli atteggiamenti negativi nei confronti dell’aborto e della contraccezione sono oppressivi per le donne. Questi atteggiamenti devono anche cambiare con la conoscenza e l’azione comportamentale. I contraccettivi dovrebbero essere facilmente accessibili e dovrebbero essere economici o gratuiti.

I politici dovrebbero concentrarsi sui legami tra sovrappopolazione, natura e crisi climatica. Se i nostri politici non intervengono rapidamente su questo argomento, affrontano la questione e sviluppano un piano d’azione chiaro per tutti i paesi del mondo, il disastro è imminente. Immagino Blade Runner degli anni ’90, un film distopico su un deserto e un globo come la savana, caratterizzato da siccità, mancanza di cibo e acqua e dove tutta la natura e tutte le risorse del pianeta sono esaurite e distrutte. Il mondo della fantascienza è diventato realtà. Le cose non vanno via anche se non ne parliamo. L’elefante cresce e riempie l’intera stanza. La catastrofe si avvicina ogni giorno. I politici dovrebbero prenderlo sul serio, non incoraggiarci ad avere più figli.

READ  Abitazioni, immobili e salute Løten ha bisogno di più spazio per i malati di demenza