Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Russia, Ucraina |  Un esperto lancia l'allarme: – Il pericolo dell'hacking russo

Russia, Ucraina | Un esperto lancia l'allarme: – Il pericolo dell'hacking russo

L’Ucraina non dispone di munizioni sia per l’artiglieria che per la difesa aerea, mentre fatica anche a reclutare abbastanza soldati.

Il sostegno americano è cessato del tutto e non è sicuro che arriveranno altre armi dalla Casa Bianca.

I video che mostrano soldati russi che vengono decapitati sono quasi un evento quotidiano su Twitter/X. Un tipico video mostra un veicolo corazzato russo pieno di soldati che viene fatto saltare in aria da un drone d’attacco ucraino.

Per saperne di più: Le forze russe hanno imparato dai propri errori: – Uno sviluppo preoccupante

Pesanti perdite russe

Oltre all’elevato numero di vittime tra i soldati, la Russia sta perdendo anche un gran numero di carri armati, veicoli blindati, sistemi di artiglieria e altro equipaggiamento militare.

Nel frattempo, la Russia dovrebbe essere in grado di reclutare circa 1.000 nuovi soldati ogni giorno, più o meno lo stesso numero di morti.

– È possibile che col tempo i russi siano riusciti a identificare le categorie di individui che avevano perso, racconta Tobias Sather… Ukrainapodden, podcast di Nettavisen.


Sather è ricercatore presso la Norwegian Staff School e partecipa al programma ucraino presso il Norwegian Defense College.

– La Russia ha subito perdite significative tra quelle che chiamano “indispensabili”, cioè le potenze che possono permettersi di perderle. Tra questi figurano ex detenuti. È una cosa terribile da pensare, ma riguarda anche le persone che sono state mobilitate in tempi relativamente recenti. In questo modo la Russia può mantenere l'efficienza delle sue forze, anche se subisce pesanti perdite, ha detto Sather a Ukrainabudien.

Leggi anche: – I russi si sono esposti al mondo intero con quell'attacco

READ  Un aereo con a bordo 15 persone è precipitato in Russia - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

La Russia avrà difficoltà nel tempo

Sather ritiene che la Russia possa ancora mantenere la pressione per qualche tempo a venire, nonostante l’enorme numero di vittime.

– Probabilmente soffriranno nel tempo e potrebbero non essere in grado di produrre abbastanza per compensare le perdite. Tuttavia, hanno aumentato la loro produzione industriale sia di sistemi d’arma che di munizioni in misura molto maggiore di quanto siamo riusciti a ottenere sul versante ucraino e occidentale, e questo sarà un fattore importante per il futuro, ritiene Sather.

Leggi anche: Gli Stati Uniti hanno accettato di trasferire 22 aerei F-16 norvegesi in Ucraina

Secondo il sito olandese oriceche si basa sul cosiddetto La Russia ha perso almeno 2.920 carri armati e 1.290 veicoli corazzati. Queste sono solo le perdite che sono state verificate tramite foto o video, quindi la cifra della perdita reale è più alta.

Ci sono un certo numero di esperti che hanno seguito da vicino la dimensione economica della guerra, e questi ambienti credono che la Russia potrebbe essere in grado di mantenere l’economia di guerra al livello attuale, per un altro anno o due. Si prevede quindi che la capacità industriale diminuisca gradualmente, ma si tratta di cifre altamente incerte. Sather ritiene che ciò dipenda, tra le altre cose, dai proventi delle esportazioni russe di petrolio e gas, compresi i proventi delle esportazioni provenienti da alcuni degli stessi paesi che sostengono militarmente l’Ucraina.

Leggi anche: I risultati dell'Ucraina: – Abbiamo dimostrato che siamo in grado di superare la Russia

Molte attrezzature in stock

Si ritiene inoltre che difficilmente la Russia finirà presto le attrezzature dell’Unione Sovietica.

READ  Svezia: - Incendio al traghetto

Alcuni rapporti hanno dimostrato che circa l’80% dei materiali utilizzati dai russi in determinate categorie provengono dall’era sovietica, quindi hanno ancora molte attrezzature sovietiche, dice Sather.

Allo stesso tempo sottolinea che l’Ucraina possiede anche un grande stock di equipaggiamento militare proveniente dall’Unione Sovietica. Dopo la caduta dell’Unione, l’Ucraina era conosciuta come la terza potenza nucleare al mondo, ma nel 1994 l’Ucraina rinunciò alle sue armi nucleari in cambio di garanzie di sicurezza da parte di Russia e Stati Uniti.

Leggi anche: La sanguinosa vendetta di Putin: – Era scioccato e insultato

La parte anteriore può crollare

– Esiste il pericolo reale di una penetrazione russa sul fronte?

Il pericolo è molto concreto. Allo stesso tempo, l’Ucraina ha dimostrato di potersi difendere efficacemente anche con poche risorse, ma ciò non significa che potrà farlo per sempre. Sather ritiene che la crisi che sta attraversando l’Ucraina potrebbe essere emersa molto prima che finisse nella discussione pubblica.

Egli ritiene che l’Ucraina abbia iniziato a sentire seriamente la carenza di munizioni già nell’ottobre-novembre 2023. A quel punto, l’Ucraina si è resa conto che la controffensiva contro il Mar d’Azov, annunciata da tempo, non aveva raggiunto i suoi obiettivi.

Allo stesso tempo, iniziarono ad apparire problemi nel mantenere la stabilità della linea del fronte. L’Ucraina è stata sottoposta a enormi pressioni mese dopo mese, e credo che ciò continuerà finché non sarà possibile raggiungere una visione e piani globali per sostenere l’Ucraina da parte occidentale. Sather ritiene che il sostegno degli Stati Uniti sia un fattore X, soprattutto se Trump diventa presidente.

READ  La guerra in Ucraina - pensi che Putin abbia cambiato comportamento

Leggi anche: La guerra ha cambiato tutto: – Ero immaturo

Speranza in un accordo NATO

Allo stesso tempo, ritiene che la NATO fornirà un importante pacchetto di sostegno all’Ucraina in vista del vertice NATO di Washington, D.C., a luglio. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha proposto la creazione di un fondo a lungo termine del valore di 100 miliardi di euro per l'Ucraina.

– Sarà assolutamente cruciale per lo sviluppo del campo di battaglia a medio termine, e poi la questione è se il pacchetto sarà abbastanza ampio da consentire all’Ucraina di passare nuovamente all’offensiva.