giovedì, Giugno 20, 2024

Un articolo del Washington Post evidenzia il colonnello ucraino come la mente dietro le esplosioni degli oleodotti nel Mar Baltico. Gli esperti marini non pensano che questo sia vero.

Must read

Silvestro Dellucci
Silvestro Dellucci
"Organizzatore. Fanatico dei social media. Comunicatore generale. Studioso di pancetta. Orgoglioso apripista della cultura pop ".

Questo colonnello ucraino è accusato di essere il principale artefice del sabotaggio che ha preso di mira gli oleodotti nel Mar Baltico. – Io non credo ciò. Probabilmente dietro a tutto ciò ci sono i russi, dice un esperto a VG.

Pubblicato:

Il quotidiano americano “The Washington Post” e il tedesco “Der Spiegel” avevano una storia in comune, che ha fatto piegare il volto ai politici di spicco dell’Occidente con un’espressione preoccupata:

  • L’affermazione era che dietro l’esplosione che ha colpito i gasdotti Nord Stream nel Mar Baltico nel 2022 c’era l’Ucraina.
  • Secondo fonti anonime dei media, il coordinamento dell’operazione sarebbe stato affidato al colonnello ucraino 48enne Roman Chervinsky.

Il Washington Post e Der Spiegel hanno riferito che Chervinsky era responsabile della logistica e del supporto di una squadra di sei persone che aveva noleggiato una barca a vela e attrezzatura subacquea in modo che potessero scendere negli oleodotti e depositare esplosivi.

Anche i media tedeschi hanno precedentemente indicato l’Ucraina come colpevole. Fonti anonime hanno affermato che gli investigatori sono fiduciosi che gli autori dell’operazione di sabotaggio fossero in Ucraina prima e dopo le esplosioni. Anche molte altre prove puntano all’Ucraina.

L’Ucraina aveva precedentemente accusato la Russia di essere dietro l’esplosione avvenuta nelle acque svedesi e danesi. Le autorità danesi, svedesi e tedesche avviarono le indagini sulla fuga di notizie e presto divenne chiaro che si trattava di sabotaggio mediante esplosione.

READ  Il principale club per bambini svedese nel cortile interno è stato multato: - Completamente irrealistico

Il capitano dell’Orlog Johannes Reber dell’Accademia di difesa danese non ha cambiato la sua opinione su chi c’è dietro:

– Ancora una volta c’è una storia anonima. Non ho cambiato opinione e continuo a pensare che sia molto probabile che siano stati gli stessi russi a distruggere gli oleodotti.

– Penso che la nuova storia del Washington Post e dello Spiegel sia debole e non apporti nulla di nuovo, dice a VG.

Esplosione: compaiono bolle sulla superficie dopo un'esplosione nel Mar Baltico.

Il capitano di guerra riteneva che fosse un’operazione che solo pochissimi sarebbero stati in grado di portare a termine:

– Secondo le fonti che abbiamo adesso, molto probabilmente sono stati i russi a farlo. Il fatto è che questo doveva essere fatto da un veliero: sarebbe molto difficile trovare la metropolitana e scendere da un veliero. Non molte persone hanno idea di cosa significhi lavorare sott’acqua nel Mar Baltico.

Johannes Reber fa riferimento alle navi russe che si trovavano nella zona prima dell’esplosione e alla possibilità che per effettuare l’operazione sia stato utilizzato un piccolo sottomarino.

READ  Accusato di aver tentato di aprire in aria il portellone di un aereo

Dei tre paesi che indagano sul caso, la barca a vela è stata menzionata solo in Germania, dice l’esperto marittimo.

Esperto: Johannes Reber.

Il giornalista Seymour Hersh ha lanciato una teoria Ha partecipato la Norvegia – Insieme agli Stati Uniti?

– Eheheh, geniale! pazzo! Il signore della guerra risponde.

– Secondo te questo problema verrà risolto?

– Sarà una speculazione. Gli investigatori potrebbero essere vicini a una spiegazione, ma non è detto che riusciremo a trovarla. Potrebbero volerci molti anni prima di saperlo. Anche se la Danimarca o la Svezia lo sapessero, non è sicuro che lo direbbero prima che sia passato un po’ di tempo.

– Ma tu non credi nella via ucraina?

– Non credo alla storia apparsa sul Washington Post. Prima arriverà qualcosa di più realistico.

A proposito, lo stesso Roman Chervinsky lo ha fatto Ha negato queste accuse. russo Komsomolskaja Pravda Afferma inoltre che l’articolo del Washington Post è falso. Pensano di sapere che Chervinsky ha fallito in diverse importanti operazioni di intelligence e che comunque non sarebbe in grado di fare una cosa del genere.

Le autorità di Svezia, Danimarca e Germania stanno indagando sull’incidente, ma non hanno attribuito la colpa a un paese o un’entità specifica. La Russia ha accusato gli Stati Uniti e la Gran Bretagna di essere dietro questo sabotaggio.

Sia il presidente russo Vladimir Putin che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj Ha rifiutato categoricamente Sono indietro.

Pubblicato:

READ  Incendio boschivo a Tenerife: sembra l'inferno

More articles

Latest article