Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Calcio, Arabia Saudita |  I piani di lavanderia sportiva fanno scalpore: – Non mi interessa

Calcio, Arabia Saudita | I piani di lavanderia sportiva fanno scalpore: – Non mi interessa

In un’intervista con Fox News, a Mohammed bin Salman è stato chiesto di tutti i soldi che sono stati investiti recentemente nello sport. Viene usata la parola “sportswash”, senza che sembri significare nulla di particolare per il principe ereditario.

– Se il lavaggio sportivo aumentasse il PIL dell’Arabia Saudita dell’1%, continueremo a fare il “lavaggio sportivo”, dice al giornalista che ha incontrato nella sua zona natale.

Quando gli è stato chiesto cosa pensasse dell’espressione, ha risposto allo stesso modo.

– Non mi interessa. Punto a un altro 1,5%, dirai tu.

“distinto”

Sportswashing è un termine che è stato usato molto recentemente in relazione allo sport in Medio Oriente. secondo Il grande dizionario norvegese È “un termine usato quando uno Stato organizza, sponsorizza o possiede eventi sportivi o organizzazioni sportive di alto livello, con l’obiettivo di distogliere l’attenzione da circostanze in cui quello stesso Stato è soggetto a intense critiche”.

Ciò si riferisce spesso ai diritti umani e ad altre condizioni negate.

Frank Conde Tangberg di Amnesty International è molto scontento di ciò che vede nel clip dell’intervista.

L’intervista mostra la fredda distanza mostrata dal principe ereditario nei confronti dei diritti umani. Sorprendentemente, non prende sul serio le critiche. Abbiamo criticato le autorità saudite per aver utilizzato lo sport per nascondere le sfide del Paese in materia di diritti umani e aumentarne la popolarità. Lui ha detto a Netavicin che le critiche sono del tutto giustificate, poiché ci sono enormi sfide nel campo dei diritti umani.

READ  I rematori olimpici hanno ordinato di uscire dalla barca

Leggi anche

Le stelle norvegesi rifiutano l’accordo con la nazionale

– arrogante

A Tangberg non sono piaciute le risposte date dal principe ereditario nell’intervista a Fox News.

Questa è una risposta un po’ arrogante da parte di chi si pone al di sopra di ogni forma di critica, e dice e continua:

– Questo è un paese in cui le autorità hanno messo un freno all’intrattenimento, qualcosa di cui gli arabi sauditi stanno morendo di fame. Auguro loro la possibilità di vedere una partita di calcio o di andare al cinema, ma è comunque pericoloso per chi osa criticare le autorità.

Tangberg afferma che l’Arabia Saudita ha recentemente condannato a morte Mohammed bin Nasser Al-Ghamdi per essersi espresso negativamente su Twitter, e sottolinea diversi esempi di episodi in cui sono state commesse gravi violazioni dei diritti umani. Alcuni anni fa, anche il giornalista Jamal Khashoggi fu ucciso in un consolato, oltre ad attiviste femministe come Loujain Al-Hathloul che furono torturate e incarcerate per la loro lotta per il diritto di guidare.

Recentemente, diversi giocatori di calcio senior si sono uniti ai club sauditi. Sono stati concordati miliardi di corone per portare alcune delle più grandi star in Medio Oriente.