Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Chi ha salvato Bugatti

Romano Arteoli, che ora ha 88 anni, si è rifiutato di lasciar morire il sogno, e 39 anni dopo finalmente si è avverato. Ha dato una nuova prospettiva di vita a Bugatti, che è stata elogiata da molti, tra cui Michael Schumacher.

Non si arrenderà mai. Ascolta Romano Arteoli che dà nuova vita al morente marchio Bugatti.

– Romano Arteoli fa parte della storia del marchio, afferma Stephen Wingelman, l’attuale capo di Bugatti.

– La rinascita di Bugatti è stata dovuta alla sua iniziativa e perseveranza. L’energia e l’entusiasmo di Romano, e la sua passione inestinguibile per Bugatti, hanno contribuito a portare il marchio nel 21 ° secolo.

Arteoli nasce nel 1932 vicino a Mantova, città natale del famoso pilota italiano Dagio Novolari, soprannominato il “Flying Mandua”. Artioli è stato rapidamente ispirato dalle corse e dalle auto, e all’età di 12 anni si è seppellito in un libro sulle patenti di guida.

La causa è stata presentata sotto l’annuncio

“Dopo di che, è diventato chiaro per me che la mia vita dovrebbe essere dedicata alle auto e ai motori”, ha detto una volta alla rivista Classic Driver.

Arteoli ha studiato ingegneria meccanica a Bolzano, dove ha sviluppato la riparazione di automobili nel dopoguerra.

Ma a lui e alla Bugatti è successo qualcosa di molto importante.

Nel 1952, il ventenne Arteoli ricevette la notizia scioccante che la produzione si era interrotta in Bugatti. Era un marchio di alta qualità, design sofisticato, idee e prestazioni tecniche che il giovane non poteva credere fossero scomparse. Là ha promesso:

– Se nessuno fa nulla per le condizioni di Bugatti, lavorerò finché non sarà necessario per riportare il marchio.

Gli ci vollero 39 anni per mantenere quella promessa.

Nel frattempo, si è affermato come importatore di auto di vari marchi tra cui GM e Suzuki. Divenne il più grande importatore di auto giapponesi in Italia e il più grande concessionario Ferrari, e la sua collezione di auto private crebbe fino a includere molti modelli storici di Bugatti.

READ  Trump ha erroneamente autorizzato il proprietario di un ristorante italiano dalla politica estera degli Stati Uniti

A metà degli anni ’80 Arteoli contattò il governo francese perché era ora di fare qualcosa per la promessa del 1952. Per due anni ha tenuto discorsi discreti e segreti, trovando finalmente la Bugatti Automobile Spa nel 1987.

Arteoli originariamente voleva ristabilire la compagnia a Mughals, la città natale di Bugatti.

– Dice che Molsheim può essere paragonato a Maranello d’Italia o Heather d’Inghilterra.

– Era una mecca per Bogot, ma all’epoca non c’erano capannoni di produzione o ingegneri nella zona, dice l’88enne.

Per non mettere un piede sulle punte dei fan Bugatti, ha chiesto all’Italia di sostenere la selezione del posto Cambogalliano.

Negli anni successivi, su un’area di 240.000 metri quadrati, vicino a Ferrari, Maserati, de Tomaso e Lamborghini, viene costruito l’impianto di produzione automobilistica più moderno al mondo con una pianificazione intensiva.

L’area comprendeva un edificio amministrativo, uno studio di progettazione, un’area di sviluppo di macchine e prove, capannoni di produzione, pista di prova, una mensa e un’area espositiva. I corridoi erano aperti, inondati di luce naturale e l’aria condizionata era installata, dando l’impressione che il personale fosse seduto fuori.

Il lavoro dell’architetto fu lasciato al cugino Giampolo Benedini, che progettò un magnifico edificio che ancora oggi ispira altri costruttori.

Una è la fabbrica, ma la cosa più importante è soprattutto l’auto stessa.

Benatini ha contribuito a cambiare il design della prima supercar e ad appianare gli spigoli vivi e l’estrema forma a cuneo.

– Con l’EP110, abbiamo dovuto spingere i limiti quando si trattava di prestazioni e qualità. Sono in debito con Ettore Bugatti (fondatore). Arteoli spiega che il numero di auto non è importante quanto la qualità senza compromessi e la novità che viaggia oggi tra il suo ufficio di Lione e la sua casa di famiglia a Trieste.

L’attivista del progetto automobilistico ha implementato il grande progetto assumendo i migliori ingegneri e designer della regione.

READ  Sancho, Lewandowski, Tony, Young, Linkard, Bale, Holland, Tokyo

L’EP110 era costruito su carta lucida ed era superiore in termini di prestazioni e qualità, rompendo molti dei principi seguiti dalle supercar. Era la supercar migliore e più veloce del mondo.

L’auto con un telaio in carbonio, quattro ruote motrici, quattro turbocompressori e cinque valvole per cilindro con un motore V12 da 3-5 litri e la prima serie al mondo ha reso un’auto un nome speciale (scoprirai presto perché) 550 CV di potenza.

A una velocità massima di 351 km / h, i 2 sedili hanno battuto diversi record. Quasi 30 anni fa, in occasione del 110 ° compleanno di Eto’o Bugatti il ​​15 settembre 1991, Romano Arteoli presentò l’auto a EB (Ettore Bugatti) 110 (110 anni) a Parigi.

Più di 5.000 giornalisti e professionisti di spicco e innumerevoli pubblici interessati da tutto il mondo hanno partecipato alla prima. Quando la moglie della superstar francese Alain Delion Arteoli, Renault, è venuta a guidare su un sedile del passeggero attraverso gli Champs-Elysees sull’EP 110, erano quasi le condizioni dei Beatles e sono state necessarie diverse centinaia di guardie di sicurezza per monitorare l’incidente a Place de la Defense.

Michael Schumacher è il cliente più importante che ha testato varie vetture supersportive nell’ambito di un test comparativo di una rivista automobilistica. Il fuoriclasse tedesco della Formula 1 è rimasto particolarmente colpito dalla EP110, che considerava la migliore vettura di sempre.

– Michael è venuto subito a Cambogalliano e ha acquistato una Super Sport gialla con interni GT blu. Non ha chiesto sconti: ovviamente era un fan, ricorda Arteoli.

Ogni proprietario può configurare individualmente il proprio EP110.

Ma sfortunatamente per Arteoli, il tempo è cambiato molto velocemente.

Sebbene tutto intorno all’EP110 fosse molto eccitante, le nuvole scure erano sempre basse all’orizzonte. Era una crisi finanziaria globale, gli americani hanno sperimentato gli effetti della Guerra del Golfo e lo yen si è apprezzato con il collasso dell’economia italiana.

READ  Roslyn Social introduce il menu sushi in stile italiano

Con la contrazione del mercato e il crollo delle vendite, Artioli ha anche investito in Lotus e ha accumulato più debiti e i problemi con i fornitori sono continuati.

Dopo 39 anni di sogni e sette anni di duro lavoro, il progetto Bugatti è crollato il 23 settembre 1995. A quel punto, erano riusciti a mettere insieme 128 auto e lui ha dovuto dichiarare bancarotta.

Arteoli ha pagato i suoi 220 dipendenti fino all’ultimo giorno.

– Lo staff ha capito le sensazioni di Bugatti. Questo è ciò che ha reso l’EP110 così speciale ed è stato uno shock perdere tutto, dice.

– Questa è una giornata terribile per tutti noi.

La nuova supercar quasi finita, l’EP 112 a 4 porte non riusciva nemmeno a sentirla.

– Auto incredibile, un piacere da guidare, V12 6-0 litri installato dietro l’asse anteriore. Il telaio è in fibra di carbonio e le sospensioni interne sono leggere. Ha guidato come un co-kart, ha ricordato Arteoli.

Ma la leggenda della Bugatti non si fermò a lungo perché nel 1998 il gruppo Volkswagen ne acquisì i diritti tramite Audi.

Nel 1909, decisero rapidamente di riportare Bugatti nella città francese di Molsheim, dove Ettore Bugatti aveva costruito la sua prima auto con il proprio nome.

Da allora, Attlee in Alsazia ha sviluppato alcune delle migliori supercar che il mondo abbia mai visto, con nomi speciali come Veyron, Chiron, Divo, Chiron Pur Sport e EB110-Sentodici.

Romano Arteoli apprezza sicuramente quel nome perché rispetta semplicemente l’auto di Arteoli. Sentotic significa italiano e significa semplicemente 110.

Sentiti libero di leggere l’immagine delle due auto qui (nuova sopra), e di più sulla Sentodici e molte altre nuove auto nell’ultimo anno tramite i link qui sotto.

Leggi anche: