Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Espen Skjönberg muore, all’età di 98 anni – NRK Cultura e intrattenimento

In una e-mail a NTB sabato mattina, il nipote di Espen Skjønberg, Jeppe Skjønberg, ha scritto che suo nonno ha dormito profondamente venerdì notte.

– È molto triste che uno dei nostri più grandi attori sia morto. Espen era davvero una leggenda, con un’impressionante carriera nel teatro e nel cinema. Ci ha regalato tanti bei momenti e li porteremo con noi”, ha scritto il ministro della Cultura Annette Tretbergstoen in un messaggio di testo a NRK.

– È con grande tristezza che abbiamo ricevuto la notizia della morte di Espen Schönberg, afferma il regista teatrale Christian Selton al NTB National Theatre.

– Ho conservato la gioia di giocare fino alla fine

La collega attrice Anne-Marie Ottersen descrive Skjønberg come qualcuno che ha sempre voluto tirare fuori il meglio di sé e degli altri.

Ha preteso molto da se stesso e da coloro che lo circondavano. Ma è stato molto divertente suonare con lui, quindi è stata un’esperienza molto interessante per me”, afferma Ottersen, che lavora con Skjønberg al Nationaltheatret dal 1970.

Ottersen dice che Skjønberg ha conservato la gioia di giocare fino alla fine.

– Continua. Leggeva sempre “Pikene med svovelstikken” alla festa nazionale di Natale. Ottersen dice di essere arrivato quasi alla fine.

Probabilmente è considerato uno dei nostri migliori attori. Sono pochi quelli che sono durati così a lungo, a questo livello.

– Grande rispetto

Ellen Horn ha suonato con Skjønberg per molti anni, ma per un po’ è stata anche la sua direttrice al National Theatre.

Ellen Horn era presidente e collega di Skjønberg.

Foto: Terje Bendiksby/NTB

– Se c’era una cosa di cui ero entusiasta, era come diavolo avrei potuto assumere un ruolo così ufficiale come direttore di scena al fianco di Aspen, per il quale avevo così tanto rispetto. Era una di quelle persone che apprezzi davvero, davvero. Horn ricorda, ma è stato lui a darmi potere e sicurezza in modo del tutto naturale.

– Quando ho ottenuto il lavoro, mi ha chiesto di uscire ed è stato di supporto sin dal primo giorno. Ho anche sentito che era un po’ orgoglioso di me. Sono stata la prima regista donna del teatro, e una di quelle che conosceva bene.

– Quella connessione c’era tutto il tempo. Ho un grande rispetto per lui. È una grande, grande perdita per il teatro e le arti dello spettacolo norvegesi, afferma Horn.

Cleveland: È ora di ringraziare

Con la morte di Espen Skjönberg, è morto un gigante. Ha fatto molto e creato molte esperienze meravigliose in fiction teatrali, cinematografiche e televisive, Dice l’artista ed ex ministro della Cultura Åse Cleveland a NRK.

Si potrebbe dire che è sempre triste quando qualcuno muore, ma con il lavoro di una vita che si lascia alle spalle, sento che oggi è soprattutto un momento di gratitudine e non ultimo di tanti ricordi forti.

Anne Marie Ottersen e Liz Feldstad

Anne Marie Ottersen e Lise Fjeldstad considerano Skjønberg uno dei migliori nel suo genere.

Foto: Håkon Mosvold Larsen/NTB

L’attrice Lise Fjeldstad descrive Espen Skjønberg come un grande attore. Ma anche un attore pericoloso:

– Perché eri seduto nell’auditorium e Aspen era sul palco – sì, allora non eri seduto comodamente, sdraiato. No, allora ero seduto su spilli e aghi. Perché può succedere di tutto.
Era anche un attore molto impegnato, dice Fjeldstad, che spesso arrivava due ore prima di uno spettacolo e provava il suo ruolo nella sua interezza ogni notte. E pensi che sia stato fantastico lavorare con lui.

– Se giochi con lui, significa stare all’erta e mettere in valigia tutto ciò che hai. Perché può succedere di tutto. E così ho fatto. Bisognava ricevere, rispondere e parare. Ed è stato divertente. E vivo. Davvero teatro dal vivo.

Fjeldstad ha incontrato Skjønberg solo poche settimane fa.

Aspen era brillante come essere umano. Ti colpisco. Ti ho colpito fino alla fine, come dici tu.

attore bambino

Espen Schönberg è nato a Oslo il 7 aprile 1924. È nato in una famiglia di attori. Sia sua madre, Henny, che suo padre, Eugen Schönberg, erano attori.

Ha fatto il suo debutto cinematografico come attore bambino nel 1932 e ha lavorato al National Theatre nel 1946.

Era anche il “Big Old Man” al Radioteateret. Skjønberg ha contribuito a creare fiction radiofoniche per oltre 60 anni.

“Il teatro radiofonico e un po’ di cinema erano tra i pochi lavori che abbiamo avuto negli anni immediatamente successivi alla fine della guerra, quando ero giovane”, ha detto Espen Schönberg in una foto radiofonica dell’ottobre 2011.

zona sbiancante

Lo conosciamo anche da una serie di produzioni Fjernsynsteatret e da diversi lungometraggi.

Foto: NRK/NRK/Archivio

Espen Skjønberg iniziò la sua carriera al Chat Noir e allo Stavanger Theatre nel 1945. Dopo un periodo al Nationaltheatret dal 1946 al 1949, Skjønberg lavorò all’Oslo Nye Teater per 17 anni, e dopo due anni al Det Norske Teatret tornò al Teatro Nazionale nel 1968.

L’attore è anche apparso nei teatri britannici e americani nei ruoli di Ibsen e Shakespeare.

leggere:


– L’opera più oscura di Shakespeare



Ascolta Espen Skjønberg parlare del ruolo nell'”Otello” di Shakespeare.

Lo conosciamo anche da una serie di produzioni Fjernsynsteatret e da diversi lungometraggi.

“Alberi di Berlino”

Negli anni ’90, Skjønberg ha recitato in “The Seven Sisters Family Saga” di TV2, recitando anche accanto a sua moglie, l’attrice Mona Hovland.

Nel 1999, è diventato un volto familiare per molti bambini con il calendario natalizio NRK “Natale a Blåfjell”.

Nel dramma NRK “Berlinerpoplene” del 2007, Espen Skjønberg era quasi indispensabile. Ha interpretato padre Tormod, un personaggio centrale nei romanzi di Anne B. Raggedy con lo stesso nome.

Skjønberg ha ricevuto numerosi premi per i suoi sforzi come attore.

Recentemente, nel 2015, ha vinto l’Hedda Award come miglior attore non protagonista in una produzione al Nationaltheatret.

leggere: La strada dorata per i “pioppi di Berlino”

READ  Il governo italiano entra in crisi in mezzo allo scoppio dell'epidemia