Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Factory Checked – Trovate 29 milioni di dosi di vaccino

Le autorità italiane hanno trovato quasi 30 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca in una fabbrica in Italia.

Scrive per il quotidiano italiano La Stampa.

La scoperta è stata fatta in collegamento con un monitor commissionato dalla Commissione Europea, che voleva sapere dove andavano le dosi prodotte nei Paesi Bassi.

Guarda come AstraZeneca risponde maggiormente al caso.

– oltraggioso

Secondo il quotidiano, si sospettava che le dosi dovessero essere esportate nel Regno Unito. Ma secondo la polizia italiana, le dosi erano già in viaggio verso il Belgio.

Il coordinatore svedese del vaccino Richard Bergstrom ha detto prima che TV 4 ne venisse a conoscenza che era oltraggioso che le dosi apparentemente andassero nel Regno Unito e che era normale che i paesi dell’UE usassero le dosi da soli.

La Commissione europea ha annunciato, mercoledì, di sostenere controlli più severi sull’esportazione di vaccini prodotti nell’Unione europea per le prossime sei settimane. Scrive per l’agenzia di stampa AP.

Distribuzione ingiusta

La ragione per l’introduzione di controlli più severi sulle esportazioni è ciò che l’Unione europea vede come un’ingiusta distribuzione delle dosi di vaccino tra l’UE e il Regno Unito. L’Unione europea ritiene che, sebbene essi stessi abbiano consentito l’esportazione di vaccini nel Regno Unito, non hanno ricevuto nulla in cambio.

Allo stesso tempo, il numero di persone vaccinate nel Regno Unito è aumentato costantemente, mentre è stato più lento nell’Unione europea.

“Dobbiamo garantire che le vaccinazioni necessarie e tempestive siano consegnate ai cittadini dell’Unione europea”, ha detto mercoledì il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

– Ogni giorno è importante, ha aggiunto.

READ  Jens-Peter Haug ha segnato il suo primo gol con il Milan

– completamente sbagliato

Bergstrom ha detto ai media svedesi che credeva fosse normale che le dosi trovate in Italia rimanessero in Europa.

– Che non possiamo ottenere una parte delle diverse quote di produzione, sulla base della solidarietà, pensiamo che questo sia completamente sbagliato. Il coordinatore del vaccino di TV 4 ha detto, per mantenere quello che sta succedendo in Europa, penso che sia perfettamente ragionevole.

Il canale televisivo svedese chiede anche se questo significhi che i vaccini possono essere collocati nelle armi europee.

– Si, esattamente. Ha detto che era una gradita aggiunta.

Ecco come risponde AstraZeneca

Vogliamo chiarire alcune affermazioni imprecise sulle dosi di vaccino nella struttura di Anagni, ha scritto in un comunicato a TV 2 la direttrice stampa Christina Malberg Hagerstrand.

Dice che al momento non ci sono piani di esportazione, ad eccezione dei paesi COVAX.

Ci sono 13 milioni di dosi di vaccini che attendono il controllo di qualità da inviare a COVAX come parte del nostro impegno a fornire milioni di dosi ai paesi a basso reddito, afferma l’addetto stampa.

Il produttore del vaccino ha inoltre dichiarato che i vaccini sono stati prodotti al di fuori dell’Unione Europea e portati nello stabilimento di Anagni per essere confezionati in fiale.

Altri 16 milioni di dosi sono in attesa di controllo di qualità prima di essere inviate in Europa. Quasi 10 milioni di dosi saranno consegnate ai paesi dell’Unione europea durante l’ultima settimana di marzo e aprile, quando le dosi sono state approvate per il rilascio dopo il controllo di qualità, afferma Malmberg Hägerstrand.

Crede che “sia sbagliato descriverlo come un magazzino”.

READ  Il classico Korona diventa un bestseller - NRK Kultur og underholding

Il processo di produzione dei vaccini è molto complesso e richiede tempo. In particolare, dovresti aspettare che le dosi di vaccino monitorino l’approvazione dopo che il riempimento della fiala è completo, afferma il funzionario della stampa.

Combattere la stessa epidemia

Von der Leyen conferma che nelle ultime sei settimane l’Unione Europea ha consentito l’esportazione di circa 41 milioni di dosi di vaccino in 33 paesi, ed è quindi un pioniere nella cooperazione internazionale nella distribuzione dei vaccini.

In anticipo, ci si aspettava che l’Unione europea aumentasse le esportazioni di vaccini, qualcosa che il primo ministro britannico Boris Johnson ha aspramente criticato. Tra le altre cose, l’Unione Europea è stata accusata di “nazionalismo vaccinale”.

“Stiamo combattendo la stessa epidemia in tutto il continente europeo”, ha detto Johnson in una conferenza stampa martedì sera.