Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Idee eretiche sull’inflazione

Ancora una volta lo spettro dell’inflazione perseguita il mondo dopo un lungo periodo di inattività.

Cambridge: In passato, i responsabili politici erano più propensi a preoccuparsi della deflazione. I vecchi dibattiti su come ripristinare la stabilità dei prezzi stanno riprendendo slancio.

Se la tua reazione spinale ti fa sostenere immediatamente una di queste azioni mentre rifiuti l’altra senza nemmeno pensarci, dovresti ripensarci.

I politici dovrebbero mettere in gioco i freni monetari e fiscali tagliando la spesa pubblica e aumentando i tassi di interesse, il modo tradizionale di combattere l’inflazione? O dovrebbero andare nella direzione opposta sconto Tassi di interesse, come ha fatto la Banca centrale turca su istruzione del presidente Recep Tayyip Erdogan?

Oppure i responsabili politici dovrebbero intervenire in modo più diretto attraverso il controllo dei prezzi o reprimendo le grandi società che hanno il potere di fissare i prezzi, come nel caso di alcuni Stati Uniti. economisti e storici richiesto?

Se la tua reazione spinale ti fa sostenere immediatamente una di queste azioni mentre rifiuti l’altra senza nemmeno pensarci, dovresti ripensarci. L’argomento dell’economia non è una scienza delle regole fisse. Circostanze diverse richiedono misure diverse. L’unica risposta economica corretta alla domanda su quale misura utilizzare è: “Dipende”.

Questo è il motivo per cui è inappropriato deridere idee sull’inflazione che sono passate di moda e riferirsi alla credenza in queste idee come “negazione scientifica”.

Le soluzioni convenzionali all’inflazione hanno spesso effetti collaterali costosi (come fallimenti e aumento della disoccupazione) e non hanno sempre prodotto il risultato desiderato con sufficiente rapidità. Il controllo dei prezzi funzionava occasionalmente, ad esempio in tempo di guerra.

E quando l’inflazione elevata è causata principalmente dalle aspettative piuttosto che dai “fondamentali”, i controlli temporanei su salari e prezzi possono aiutare a coordinare la fissazione dei prezzi in modo che si muova verso un equilibrio caratterizzato da una bassa inflazione. Tali pacchetti di misure “non convenzionali”. un lavoro Negli anni Ottanta in Israele e in alcuni paesi dell’America Latina.

READ  India: - Razze dopo le affermazioni di Corona Gurus

Anche l’idea che bassi tassi di interesse possano ridurre l’inflazione non è necessariamente assurda. Uno direzione scolastica In economia, rifiutata dagli economisti convenzionali di oggi, l’inflazione è collegata a fattori di spinta dei costi. Un fattore sono i tassi di interesse più elevati (che aumentano il costo del capitale circolante).

Il modo in cui i tassi di interesse elevati portano a un’inflazione più elevata è chiamato “effetto Cavallo”, dal nome dell’ex ministro delle finanze argentino Domingo Cavallo, che ne scrisse nella sua tesi di dottorato ad Harvard nel 1977. (Ironia della sorte, Cavallo ricorse a un antagonista completamente diverso: l’inflazione strategia – Basata su tassi di cambio fissi e possibilità di piena conversione valutaria – quando divenne ministro delle finanze negli anni ’90 in Argentina, paese che soffriva da tempo di un’inflazione elevata). Supporto beta parziale in alcuni casi.

Il miglior argomento contro la fissazione dei prezzi non è che questo sia “incoerente con la scienza”, ma che non è necessario prendere in considerazione misure così drastiche fino a nuovo avviso.

Questo è il motivo per cui è inappropriato deridere le idee sull’inflazione che sono passate di moda e riferirsi a credere in queste idee come “negazione scientifica” – simile alla negazione dei vaccini coronarici – come lo è per alcuni. Eminenti economisti Finisco. Quando una particolare affermazione sul mondo reale non sembra essere d’accordo con la teoria attuale, spesso induce un giovane e intelligente economista a dimostrare che l’affermazione può essere effettivamente giustificata in determinate circostanze. vera scienza economica contestuale, non globale.

Cosa potrebbe significare oggi un approccio contestuale all’inflazione?

L’inflazione odierna negli Stati Uniti e in molte altre economie avanzate è molto diversa da quella di fine anni ’70. Non è né cronico (ancora) né guidato da vortici di salari, prezzi e standardizzazione arretrata.

READ  Il razzo spaziale è esploso. Tuttavia, il test ha avuto successo

Sembra che vi siano pressioni inflazionistiche finora Derivano da fattori temporanei, come la riallocazione della spesa relativa alla pandemia dai servizi ai beni e dalle interruzioni nelle catene di approvvigionamento e produzione. La politica monetaria e fiscale espansiva ha contribuito all’aumento delle entrate. Ma anche queste misure sono temporanee. L’alternativa era una significativa riduzione dell’occupazione e del tenore di vita.

A volte, come nel caso della Turchia, l’argomento economico ortodosso è quello giusto.

Pertanto, nelle circostanze attuali, i responsabili politici dei paesi sviluppati non dovrebbero reagire in modo eccessivo agli alti tassi di inflazione. come lo storico Adam Toze lui ha sottolineatoL’inflazione transitoria dovrebbe essere affrontata con una risposta disciplinata, sia attraverso la regolamentazione che la politica monetaria.

Il miglior argomento contro la fissazione dei prezzi non è che questo sia “incoerente con la scienza”, ma che non è necessario prendere in considerazione misure così drastiche fino a nuovo avviso. Si dovrebbe essere altrettanto attenti quando si valuta una procedura convenzionale: le banche centrali dovrebbero esaminare la situazione prima di aumentare i tassi di interesse.

Che dire dell’affermazione di Erdogan secondo cui l’inflazione elevata è il risultato, non la causa, di tassi di interesse elevati? La sua affermazione è sempre stata discutibile, dati gli squilibri macroeconomici su larga scala della Turchia che si sono accumulati nel tempo.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Foto: UNAOC/Flickr cc

Sebbene non possiamo determinare in anticipo se queste argomentazioni reggono, i fatti alla fine ci permetteranno di distinguere tra teorie che hanno senso e teorie che non hanno senso in un dato contesto. Nel caso della Turchia, le prove indicano chiaramente una tendenza dopo che i responsabili politici hanno intrapreso l’esperimento di Erdogan.

READ  - Sarà sempre il suo posto - Dagsavisen

In particolare: nonostante la Banca Centrale Turca abbia abbassato il tasso di riferimento – il tasso di interesse direttamente controllato dalle autorità monetarie – i tassi di interesse di mercato hanno continuato a salire. Depositanti e risparmiatori hanno chiesto tassi di interesse più elevati, il che ha portato a un tasso di credito più elevato per i mutuatari.

Ciò mina l’affermazione secondo cui tassi di interesse chiave più bassi possono ridurre efficacemente i costi di produzione delle imprese. Ciò indica che tassi di interesse più elevati riflettono problemi più fondamentali nell’economia, incertezza sulla politica economica e aspettative di un’inflazione più elevata in futuro.

Gli economisti dovrebbero essere modesti quando raccomandano (o rifiutano) varie strategie anti-inflazione.

A volte, come nel caso della Turchia, l’argomento economico ortodosso è quello giusto. Gli esperimenti che deviano dalla politica tradizionale possono costare molto. Ma questo non significa che ci siano regole universali in economia o che il punto di vista prevalente tra gli economisti tradizionali debba determinare la formulazione della politica.

Se l’avesse fatto, alcune delle innovazioni più creative della storia – come il New Deal negli Stati Uniti e la politica commerciale nell’Asia orientale del dopoguerra – non si sarebbero verificate.

Il quadro dominante della politica monetaria oggi è legato all’obiettivo dell’inflazione. Questo obiettivo è di per sé una conseguenza delle particolari condizioni politiche ed economiche che hanno prevalso in Nuova Zelanda negli anni ’80. il Non si adattava bene La teoria della politica monetaria prevalente all’epoca.

Gli economisti dovrebbero essere modesti quando raccomandano (o rifiutano) varie strategie anti-inflazione. E mentre i responsabili politici devono considerare prove e argomentazioni economiche, dovrebbero essere cauti quando i consulenti economici sembrano essere eccessivamente prevenuti.

Tradotto da Marius Gustafson

Copyright: Project Syndicate, 2022.
www.project-syndicate.org