Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

problema democratico | lotta di classe

Il giornalista scientifico Björn Vasnes critica NRK per la mancanza di copertura scientifica. – È un peccato che il canale statale non abbia giornalisti con esperienza specializzata, afferma Vasnes.

Mi manca NRK avere giornalisti con una conoscenza di argomenti importanti nel quadro delle notizie come il clima e l’energia, dice l’autore e giornalista scientifico Björn Vasnes.

La pubblicazione di ricerca è stata inserita di recente all’ordine del giorno. Tra le altre cose, il Comitato Kierulf, che sta dietro al rapporto “Libertà di parola accademica”, ha sottolineato che i ricercatori norvegesi dovrebbero raggiungere di più. Vasnes ritiene che NRK in particolare avrebbe dovuto investire di più nell’editoria scientifica.

Né Dagsrevyen né i giornalisti della redazione lo stanno coprendo adeguatamente. Peccato, dice Vasnes, che anche il canale statale non abbia giornalisti con competenze specializzate.

– È un problema democratico che impedisce al pubblico norvegese di essere adeguatamente informato.

– Scarica redazioni

Negli anni ’90, Vasnes ha co-fondato il programma scientifico “Schrödinger’s Cat” su NRK. A quel tempo, l’emittente aveva una specie di redazione scientifica, pensò.

Alla fine i giornalisti hanno smesso di produrre i numeri stessi. È appena diventato un centro editoriale per i programmi della BBC.

Da allora, il rating per il giornalismo di ricerca è stato abbassato, secondo il giornalista scientifico.

Aftenposten e Bergens Tidende hanno entrambi chiuso le loro redazioni scientifiche negli anni ’90, afferma Vasnes, che ha una rubrica regolare su Klassekampen.

vedi miglioramento

Hilde Sandvik, ex editore di cultura e dibattito presso Bergens Tidende (BT), conferma che il giornale ha una propria redazione di ricerca.

Eravamo molto interessati alla pubblicazione e alla costruzione di un rapporto con il mondo accademico, afferma l’ex editore di cultura e dibattito.

Allo stesso tempo, Bjorn Vasnes non vuole stravolgere troppo la situazione.

Abbiamo visto un miglioramento durante la pandemia di Corona, dice, riferendosi al moderatore di Corona di NRK Hallvard Sandberg, che è diventato una delle voci esperte più utilizzate della pandemia nelle trasmissioni di lunga data di “Dagsrevyen”.

Vasnes ritiene che il fatto che i giornalisti di NRK abbiano trascorso del tempo a familiarizzare con il materiale abbia contribuito a una copertura migliore e più affidabile del materiale.

Se avessero avuto alle spalle una redazione scientifica, i giornalisti sarebbero stati in grado di valutare meglio quali esperti portare e valutare la continuità.

esperti arbitrari

Da parte sua, il giornalista dell’NRK Hallvard Sandberg ha respinto il fatto che i giornalisti dell’NRK soffrano di mancanza di competenza.

“Non mi sento a mio agio in questa critica, abbiamo professionalizzato la nostra copertura climatica creando un gruppo climatico separato”, dice.

Stiamo vedendo meno giornalisti esperti come te?

Tutti i giornalisti, compreso te come giornalista culturale, dovrebbero specializzarsi. Come broker corona, dice Sandberg, sono finito su una sedia ben esposta.

Dice che NRK ha imparato molto dall’inizio della pandemia ed è diventato più consapevole della scelta di fonti esperte, in particolare professionisti che presentano proposte difficili e controverse.

Stiamo migliorando nel valutare se le nostre fonti hanno il peso accademico per resistere a tali critiche. Quindi dobbiamo guardare il titolo, l’istruzione e non ultimo ciò che hanno pubblicato.

READ  Le auto elettriche danno alla gente comune l'accesso alla potenza delle auto da corsa - NRK Oslo og Viken - Notizie locali, TV e radio

È facile scegliere un ricercatore che abbia già commentato lo stesso argomento, ma non deve necessariamente avere un’esperienza specialistica in questo campo. Ne stiamo diventando più consapevoli, dice Sandberg.

Marius Tetley, l’editore dell’oggetto della divisione notizie di NRK, non è d’accordo con le descrizioni di Vasnes.

“NRK Nyheter ha molti giornalisti esperti che riferiscono su argomenti complessi nell’immagine delle notizie. Quando si parla di energia e clima, penso che il critico si stia perdendo la sua analisi. Abbiamo le nostre redazioni sul clima a Bergen e Oslo che sono pienamente operative in questo campo. Gli editori forniscono casi sia per il web, la radio e la televisione”, scrive Tetlie in una e-mail.

Domande dell’uomo della strada

Il professore di giornalismo di Oslomet, Harald Hornmoen, ritiene che il lavoro di un giornalista ricercatore sia quello di porre domande dal punto di vista di un laico.

—Il giorno in cui chiedi a un giornalista un dottorato in biologia molecolare di parlare con un biologo molecolare, sei sulla strada sbagliata, dice Hornmoen, dottore in giornalismo di ricerca.

A differenza di Vassnes, non crede che la prima virtù di un giornalista scientifico sia la competenza specialistica nel campo.

Si tratta di vedere la scienza e di collocarla in un contesto sociale. Hornmoen afferma che la ricerca richiede buoni giornalisti che siano critici nei confronti delle loro fonti e osino porre domande critiche.