Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Si dice che Assange sia stato picchiato in prigione

Secondo un quotidiano britannico, il fondatore di WikiLeaks Julian Assange ha ricevuto un piccolo colpo in prigione alla fine di ottobre e da allora è in cura.

Julian Assange ha subito un lieve ictus in carcere il 27 ottobre, con conseguente caduta delle palpebre, perdita di memoria e segni di danni neurologici.

La battaglia del 27 ottobre ha provocato abbassamento delle palpebre, amnesia e segni di danni neurologici, scrive posta la domenica.

La fidanzata di Assange, Stella Morris, afferma di essere stato picchiato lo stesso giorno in cui un tribunale britannico ha avviato un appello degli Stati Uniti per estradarlo.

Il 10 dicembre il tribunale ha accolto il ricorso negli Stati Uniti e ha autorizzato l’estradizione del 50enne. Negli Stati Uniti, rimane pendente un’accusa globale, comprese le violazioni dell’US Espionage Act.

avvertimento

Maurice e Assange hanno due figli insieme. Le autorità britanniche hanno recentemente ottenuto il permesso di sposarsi, ma non è stata fissata alcuna data del matrimonio. Ora teme che il colpo serva da avvertimento e che ci sia un pericolo per la sua salute.

– Dovrebbe essere rilasciato. Beh, lei twitta.

“Sono stati gli scacchi eterni, partita dopo partita, dell’intensa pressione che ha causato la battaglia di Julian il 27 ottobre”, ha scritto.

Gli avvocati di Assange affermano che il caso di estradizione non è stato risolto e che porteranno il suo caso all’Alta Corte britannica.

In arresto

Nel 2012 il fondatore di WikiLeaks si è rifugiato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra per evitare l’estradizione in Svezia, dove era ricercato per stupro.

READ  Il primo aereo norvegese in partenza dall'Afghanistan - VG

Sette anni dopo, l’Ecuador ha ritirato la protezione e la polizia britannica lo ha allontanato dall’ambasciata. Lo stesso giorno, gli Stati Uniti hanno annunciato un’accusa globale.

La Svezia ha archiviato il caso contro Assange, che ora è detenuto nel Regno Unito, in attesa di una decisione definitiva sulla richiesta di estradizione degli Stati Uniti.