Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Sono orgoglioso di Zelenskyj – VG

Ucraini famosi: Andrey Shevchenko (a sinistra) e Volodymyr Zelensky.

Forse il calciatore più famoso in Ucraina, Andriy Shevchenko (45), dice di aver pensato più volte di andare al fronte e combattere per il suo paese. Le lacrime vengono quando parla di guerra.

Inserito:

– Sì, ci ho pensato tante volte, ma probabilmente la cosa migliore è usare i miei contatti, gestire gli aiuti umanitari, creare programmi e comunicare con enti di beneficenza, dice il noto attaccante di Milan, Chelsea e Dynamo Kyiv.

Insieme ai suoi fratelli nel pugilato Klitschko, al nuotatore con l’asta Sergei Bubka e al nuoto Yana Klochkova, è stato l’atleta più famoso in Ucraina dall’indipendenza del paese nel 1991.

– Sono orgoglioso del presidente Zelensky! In una situazione molto difficile, si è alzato in piedi, ha unito le persone e ha mostrato grande coraggio. Non ha lasciato il paese, ma è rimasto qui. E questo è stato un grande segno, un messaggio a tutti che l’Ucraina si alzerà e resisterà all’ingiustizia. Secondo l’agenzia di stampa, penso che questo sia un grande leader per tutti noi Uniano.

Indovina cosa stava succedendo

Volodymyr Zelensky ha dato il tono all’inizio della guerra quando gli americani gli hanno offerto di volare dalla capitale in difficoltà, Kiev. La sua risposta è stata: “Ho bisogno di munizioni, non di trasporto”.

Dice la star del calcio in un’altra intervista, anch’essa riprodotta Unianoche era ossessionato da ciò che stava accadendo quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014.

– Praticamente non ho comunicato con la stampa russa, avevo la premonizione che questo fosse solo l’inizio. Ma dice che non credevo si potesse fare un passo del genere.

READ  Premier League inglese, Brentford | Eriksen è tornato in campo

Shiva dice di avere un atteggiamento negativo nei confronti dello “scienziato russo” ora.

– Nessuna azione può giustificare ciò che hanno fatto al popolo ucraino. Questa non è solo guerra, questo è genocidio.

Lacrime in TV

E Andrei Shevchenko rivela anche di aver pianto più volte, soprattutto all’inizio della guerra.

– Penso che tutti si sentissero così. C’era incertezza e nervosismo. Era una pressione enorme per tutti.

In un’intervista alla tv italiana Qualche giorno fa, non riusciva a trattenere le lacrime.

Dopo la sua carriera attiva, Andrei Shevchenko è stato allenatore della nazionale ucraina e allenatore del club di Genova. Ora ha deciso che avrebbe lasciato il lavoro di allenatore fino alla fine della guerra.

Anche la sua vita politica è molto breve alle sue spalle. Shevchenko si è candidato alle elezioni parlamentari del 2012, ma il suo partito ha ricevuto solo l’1,58% dei voti e non era rappresentato nella Verkhovna Rada.