Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ucraina – Vittoria ucraina: – Penso sia possibile

– Se me lo avessi chiesto un mese fa, non avrei pensato che una vittoria ucraina fosse possibile.

“Ma ora penso che sia una possibilità”, dice il tenente generale Arne Burd Dalhaug a Dagbladet.

Il commento arriva il giorno dopo che il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ha affermato che quasi due terzi dei residenti della città sono tornati dopo essere fuggiti dalle ostilità.

– Prima della guerra, 3,5 milioni di persone vivevano a Kiev. Quasi due terzi di loro se ne sono andati, ha detto Klitschko durante una conferenza stampa martedì.

– buone notizie

Secondo il presidente Volodymyr Zelensky, le forze ucraine hanno ripreso il controllo di diversi villaggi nella regione di Kharkiv.

– Le nostre truppe ci hanno dato buone notizie dalla regione di Kharkiv. In un discorso di martedì, Zelensky ha affermato che gli occupanti verranno gradualmente rimossi da Kharkiv, secondo quanto riferito. Guardiano.

Esperienza: il tenente generale Arne Bard Dalhaug ha servito come osservatore civile dell’OSCE in Ucraina nel 2016-2018. Foto: Forze armate.
Mostra di più

Ora c’è ottimismo in Ucraina, dice Dallhog, che è diventato più pronunciato negli ultimi giorni.

– Ciò è dovuto principalmente ai notevoli progressi a Kharkiv, dove hanno preso molta terra. Aggiunge che le truppe sono ora a dieci chilometri dal confine russo, il che potrebbe minacciare le forniture russe a Izyum.

– riuscito

Secondo il think tank statunitense ISW (Institute for the Study of War), il contrattacco ucraino nella regione di Kharkiv ha avuto un tale successo che era probabile che le forze russe sarebbero state spinte al confine.

Il governatore di Luhansk Serhiy Haiday ha dichiarato mercoledì che le forze russe hanno fallito nel tentativo di assaltare le città di Robyzhny, Nizhnyi, Toshkivka e Orikhov nella regione. Scrive per il quotidiano ucraino locale Uniano.

Rischi per la vita: Lo svedese Ken Blomqvist guida un’ambulanza in Ucraina. Insieme alla sua squadra norvegese, rischia la vita ogni giorno. Video: speciale. Reporter: Maja Wenberg Cliff.
Mostra di più

– Nonostante l’offensiva lanciata dai russi nelle ultime settimane, poco è cambiato sulle facciate del Donbass, spiega Dalhaug.

Il tenente generale nota anche che le riserve russe non sono grandi.

I russi saranno espulsi

Lo dice il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba in un’intervista a Financial Times L’Ucraina sta ora modernizzando i suoi obiettivi di guerra.

Kuleba spiega al giornale che nei primi mesi di guerra la vittoria dell’Ucraina sarà il ritiro delle truppe russe nei territori occupati prima dello scoppio della guerra il 24 febbraio.

– Ma ora, se siamo abbastanza forti militarmente e vinciamo la battaglia del Donbass, la nostra vittoria in questa guerra sarà la liberazione del resto delle nostre terre, dice.

In altre parole; Il piano è di espellere completamente i russi dal Paese.

I ministri degli Esteri sottolineano che ciò richiede che l’Occidente continui a fornire armi all’Ucraina.

La nuova legge di Biden

Il progresso è dovuto anche all’arrivo di grandi forniture di armi che sono già arrivate in Ucraina, afferma Dalhaug, riferendosi alla nuova legislazione di Biden.

Lunedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato una nuova legge e legge sulla locazione, consentendo agli Stati Uniti di prendere in prestito o noleggiare attrezzature militari all’Ucraina e ad altri paesi dell’Europa orientale colpiti dalla guerra.

Il prezzo del gioco non è economico. Ma il presidente ha detto che cedere all’aggressione costa di più.

Biden ha anche chiesto al Congresso di approvare una nuova sovvenzione di 33 miliardi di dollari – 320 miliardi di dollari – per sostenere l’Ucraina.

Bruciando a: Il tenente generale Arne Bord Dalhaug parla della guerra in Ucraina e della celebrazione russa del Giorno della Vittoria il 9 maggio.
Mostra di più

La Germania avanza

C’è anche un aumento costante delle sanzioni dell’Occidente contro la Russia, il che indica che l’Ucraina ha molto sostegno, osserva Dalhaug.

Dice che ora è chiaro che la Germania ha intensificato il suo sostegno all’Ucraina.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalina Barbock ha dichiarato durante una visita nella capitale ucraina che la Germania sta riaprendo la sua ambasciata a Kiev.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba Barbuk ha ringraziato la Germania per aver cambiato la sua politica nei confronti di Mosca, aprendo un boicottaggio del petrolio russo e inviando armi ed equipaggiamento militare in Ucraina.

“La Germania ha cambiato posizione riguardo alle spedizioni di armi in Ucraina e il primo ministro Olaf Scholz ha annunciato l’inizio di una nuova politica nei confronti della Russia”, ha affermato Kuleba.

– Nessun motivo per fermarsi

Sebbene ci sia ottimismo in Ucraina, dovuto a diversi fattori, ciò non significa che non possa tornare, assicura Dalhaug. Sottolinea che se vince l’Ucraina, non è certo che la Russia rimarrà in territorio ucraino.

– Se le truppe russe vengono riportate al confine del Donbass, dove si trovavano prima del 24 febbraio, non vedo alcun motivo per fermarsi lì.

Secondo Dahlhog, la grande domanda è cosa succede alla Crimea.

– Se si verifica questo scenario, la Crimea sarà l’ultima ad essere abbandonata, ritiene il tenente generale.

READ  - Tipo di gioco - VG