Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

100 anni con Moto Gucci

Gli italiani sono famosi per molte cose, una delle quali è essere i creatori di motociclette ridicolmente belle e potenti. Moto Gucci è stato un importante contributore per oltre 100 anni. Non è un compito facile, ma Moto Gucci non è un’azienda. Solo la storia della loro creazione ti darà l’interesse e lo sforzo per creare un marchio famoso.

Tre amici, l’ingegnere aeronautico Carlo Gucci, il pilota decorato Giorgio Barodi e l’esperto pilota Giovanni Raveli si sono ispirati alle macchine e alle gare motociclistiche. Il trio ha lavorato insieme al Corpo dell’Aviazione della Regia Marina Italiana e Gucci ha proposto a Barodi e Ravelly, che hanno accettato con entusiasmo di entrare nella cabina della motocicletta dopo la fine della prima guerra mondiale. Ravelly morì durante un volo di prova nel 1919 e due suoi amici vollero onorare la sua memoria come simbolo dell’aviazione militare. Da allora, l’aquila è stata il simbolo di Moto Gucci per gli aerei navali italiani.

La guida perfetta

Nello stesso anno in cui morì, G.P. Il prototipo (dai personaggi Gucci-Parody) è stato introdotto, ma non è entrato in produzione a causa degli alti costi di produzione, poiché conteneva diverse tecnologie aeronautiche, inclusa la doppia tecnologia. Tuttavia, il prototipo aveva delle possibilità e il 15 marzo 1921 fu creata la “Società Anonima Moto Gucci”. I fondatori dell’azienda sono il famoso armatore genovese Emanuel Vitorio Barodi, il figlio volante Giorgio Partio e l’amico, tecnico aeronautico Carlo Gucci.

Dopo un po’, Moto Gucci ha definito la versione base della GPU quella predefinita (vedi cosa hanno fatto lì?). La prima moto ad avere un logo dell’orecchio con il marchio Moto Gucci è stata quella predefinita. È alimentato da un motore monocilindrico da 500 cc, 8 CV montato orizzontalmente, abbinato a un cambio a 3 velocità. L’azienda italiana ne realizzò solo 17 nel primo anno e vendette dal 1921 al 1924.

Un’altra importante motocicletta della Moto Gucci fu la GT500, soprannominata “Norvegia” per celebrare il volo dell’aereo italiano, che assicurò ogni primo viaggio al Polo Nord. Dal 1928 la GT500 ha utilizzato la stessa trasmissione della Normal, con freni e sospensioni migliorati. Più specificamente, la sospensione posteriore era ora un sistema a spirale.

Aziende concorrenti e giornalisti hanno rimosso la motocicletta perché la tecnologia non era stata dimostrata al momento. Quello che ha fatto Moto Gucci per risolvere questo problema è fantastico. Giuseppe Gucci, fratello del fondatore Carlo Gucci, ha percorso 6000 km intorno al Circolo Polare Artico in GT500 Norvegia. Ha pedalato attraverso la Germania e la Danimarca e ha raggiunto in sicurezza il Northern Cape in Norvegia. Questo viaggio non solo dimostrò che tutti i Neanderthal erano pazzi, ma dimostrò anche l’affidabilità della motocicletta.

Undici anni dopo, nel 1939, la Moto Gucci passò alla divisione più leggeri con l’Aaron 250. Ha continuato a utilizzare una struttura del motore montata orizzontalmente, ma è stata ridotta a 250 cc. Questa moto si è guadagnata la reputazione di essere sportiva e leggera, ed è da oltre 15 anni la moto più venduta in Italia. Era così interessante che dopo la seconda guerra mondiale fu venduta come una torta calda chiamata bici a bassa capacità economica.

Moto Gucci è stata la prima azienda motociclistica a iniziare a utilizzare un tunnel d’aria..

Parlando di macchine piccole ed economiche, anche Moto Gucci voleva far parte di quella mossa. Poiché le motociclette e gli scooter più leggeri divennero più popolari dopo la guerra, l’azienda italiana introdusse un’offerta graduale chiamata Calleto. È stato il modello di maggior successo dell’azienda, vendendo 70.000 unità nei suoi 16 anni di vita.

READ  Il regista Mohamed Jabali torna a Gaza per la prima volta in sette anni: - Gunnar Wilhelmson vuole venire qui

Dopo la seconda guerra mondiale, gli anni ’50 videro un movimento rivoluzionario nell’industria motociclistica. L’azienda italiana è stata la prima ad utilizzare il tunnel dell’aria. Si dice che il vano motore lungo 32 piedi abbia un surplus militare Fiat V-12 da 900 CV. Sia la moto che il conducente possono trarne il meglio quando il vento soffia a 190 km/h. La galleria del vento è fondamentale in questo settore, ma si dice che abbia funzionato. Durante questo periodo, l’azienda ha introdotto diversi motori da corsa con grandi “bidoni della spazzatura”, tra cui un corridore da 500 GB con un motore V8 a 285 km / h.

motociclo

‘Otto’ voltò la testa e vide la moto con motore V8.

Soprannominato Otto (otto in italiano), il motore da competizione V8 da 499cc fu prodotto nel 1955 da 78cv. Questo motore può essere abbinato a un cambio a 4, 5 o 6 marce a seconda della pista. Sebbene questo animale corra su una moto e sia spesso pubblicato sul giro di velocità, il motore complesso e incredibile non gli permetterà di vincere una gara.

La vita è una professione

Otto potrebbe non aver vinto molti premi per la Moto Gucci, ma le sue altre moto sicuramente l’hanno ottenuto. L’azienda italiana vanta 3332 vittorie nelle competizioni ufficiali! Moto Gucci iniziò a costruire motociclette nel 1921 con la prima vittoria sulla Dargah Florio. Stanley Woods, che ha guidato la Moto Gucci, ha vinto anche le classi leggere (250 cc) e senior (500 cc). CC) 1935 Isola di Man D.T. Uno dei motori da corsa di maggior successo di Moto Gucci, il 250 Compressor ha vinto 11 gare solo nel suo primo anno. Si dice che abbia battuto un totale di 34 record in 21 anni. Sì, hai letto quel franchise, che è stato usato come macchina da corsa per 21 anni.

Bruno Rufo ha vinto il primo Campionato del Mondo 250cc nel 1949 presso la fabbrica italiana Moto Gucci. Nel 1951 è diventato il secondo Campione del Mondo 250cc con quattro vittorie nella sua Moto Gucci. Nello stesso anno i piloti Moto Gucci sono arrivati ​​anche secondo, quarto, quinto e sesto. Quando Moto Gucci si ritirò dalle corse nel 1957, il record era di 14 titoli mondiali di velocità e 11 titoli del Tourism Trophy.

Negli anni ’60, Moto Gucci ha introdotto il motore bicilindrico a V da 700 cc utilizzato in modelli popolari come V7 Special, V7 Sport, California e Le Mans. L’attuale gamma dell’azienda comprende V7, V9 e V85 DT e utilizzano tutti lo stesso design moderno del motore V-dual a sezione trasversale, sebbene con una tecnologia più moderna.

Nel dicembre 2004 Moto Gucci entra a far parte del Gruppo Piaggio, colosso delle due ruote. Sfortunatamente, non è noto se Moto Gucci tornerà mai alle sue entusiasmanti radici da corsa, ma la buona notizia è che l’azienda è ancora pienamente consapevole del suo notevole patrimonio. Ancora oggi, le motociclette sono divertenti nella loro unicità e guidano come nessun altro. Per altri 100 anni.

Guarda anche:

20/20: 20 anni con la Honda Active

Happy Vespa Day: festeggia i 75 anni dell’icona