Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Afghanistan, Kabul | L’ex primo ministro svedese Carl Bildt prende una linea dura contro Jens Stoltenberg:

Karl Bildt critica e accusa il presidente Joe Biden e il presidente della NATO Jens Stoltenberg di incolpare gli afghani per il drammatico esito della presenza militare di 20 anni.


La rapida acquisizione dei talebani ha colto di sorpresa il mondo. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden incolpa ancora una volta molti afgani stessi per il controllo dei talebani, e il capo della NATO Jens Stoltenberg afferma che sono i leader afghani che hanno fallito.

Questo è ciò che fa rispondere l’ex primo ministro svedese Carl Bildt.

“Vedo che sia il presidente degli Stati Uniti che la razza di Stoltenberg stanno incolpando gli afgani. Non ha assolutamente senso”, ha scritto Bildt. Twitter mercoledì mattina presto.

Leggi anche: Il professore di storia parla dell’accordo di Trump con i talebani

Inoltre, Bildt fa riferimento a una citazione di uno Cronaca sul Washington Post Scritto da Condoleezza Rice. Rice è stato Segretario di Stato degli Stati Uniti dal 2005 al 2009 e consigliere per la sicurezza nazionale negli Stati Uniti dal 2001 al 2005.

“Non sorprende che le forze di sicurezza afghane abbiano perso il loro spirito combattivo quando i talebani li hanno avvertiti che gli Stati Uniti avrebbero fallito e li avrebbero abbandonati”, ha scritto Bildt.

Il fallimento dei leader afghani

Bildt si riferirà probabilmente ai commenti del presidente della NATO Jens Stoltenberg in una conferenza stampa martedì sera.

– La leadership politica non è in grado di opporsi ai talebani e garantire la soluzione pacifica che il popolo afghano desidera. Questo fallimento della leadership, ha detto Stoltenberg, ha portato alla tragedia a cui stiamo assistendo ora.

READ  Record di temperatura in Spagna: - Svenimento

Allo stesso tempo, è necessaria anche una valutazione onesta dell’impegno della NATO. Stoltenberg ha affermato che, nonostante investimenti e sacrifici significativi, l’incidente è avvenuto rapidamente e all’improvviso.

Il presidente Biden non ha mostrato segni di autocritica quando ha parlato alla nazione americana lunedì.

Leggi anche: Il capo dei media afgani a Kabul ha detto: – È possibile che i talebani si taglino le mani e colpiscano i traditori

No, non hanno scelto i talebani

Nell’articolo, la Rice scrive che “all’indomani della caduta di Kabul, è emersa una narrativa (romanzo) corrotta e altamente non plausibile: che incolpano gli afgani per come tutto è finito – che le forze di sicurezza afghane hanno fallito, che il governo afghano ha fallito , che il popolo afghano ha fallito”.

“Il presidente Biden ha detto nel suo discorso di lunedì: ‘Abbiamo dato loro ogni opportunità per decidere il loro futuro’, come se gli afghani in qualche modo avessero scelto i talebani”, ha scritto Rice.

Leggi anche: La Norvegia rafforza l’ospedale da campo in Afghanistan – invia personale aggiuntivo a Kabul

“No, non hanno scelto i talebani. Hanno combattuto e sono morti fianco a fianco con noi, aiutandoci a indebolire al-Qaeda. Lavorare con gli afghani e i nostri alleati ci ha dato il tempo di costruire una presenza antiterrorismo in tutto il mondo e di attrezzarci per combattere il terrorismo in casa, che ci tiene al sicuro”.

Carl Bildt è un ex leader dei moderati e primo ministro della Svezia dal 1991 al 1994. È stato anche ministro degli affari esteri dal 2006 al 2014.

Condoleezza Rice era uno dei consiglieri più stretti dell’ex presidente George W. Bush, quando decise nel 2001 di governare i talebani in Afghanistan a seguito degli attacchi terroristici negli Stati Uniti. Osama bin Laden e al-Qaeda si nascosero in Afghanistan a quel tempo con la benedizione dei talebani. Anche la NATO è venuta sul sito e ha partecipato all’operazione militare, poiché gli attacchi terroristici dell’11 settembre hanno innescato il rilascio dell’articolo 5 della NATO.

READ  Recensione: Tom Egeland, "The Silver Coins" - La meravigliosa soluzione del ragionamento di Gesù


Fatti sui progressi dei talebani

* Gli Stati Uniti e la NATO hanno iniziato il loro ritiro dall’Afghanistan a maggio.

Allo stesso tempo, i talebani hanno lanciato una grande offensiva e hanno preso il controllo dell’85 per cento del paese a luglio.

– A luglio, i ribelli hanno preso il controllo di valichi di frontiera strategicamente importanti con Tagikistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Iran e Pakistan.

* Poi è stata la volta dei centri amministrativi in ​​34 governatorati del Paese.

Il 15 agosto i talebani hanno conquistato la capitale, Kabul, e il palazzo presidenziale. Il presidente Ashraf Ghani ha lasciato il Paese lo stesso giorno.

Fonte: NTB


Fatti sulla guerra in Afghanistan

Nell’ottobre 2001, poche settimane dopo gli attacchi dell’11 settembre, gli Stati Uniti e altri paesi occidentali aiutarono una coalizione di signori della guerra e insorti a prendere il potere a Kabul.

Lo sfondo era che al-Qaeda, che era dietro gli attacchi terroristici, aveva la sua base nel paese allora controllato dai talebani.

Gli Stati Uniti e la NATO avevano al massimo più di 150.000 soldati in Afghanistan. Hanno terminato le loro operazioni di combattimento nel 2014 e gli ultimi soldati stranieri usciranno entro settembre di quest’anno.

La Norvegia ha recentemente contribuito con poco meno di 100 persone alla forza guidata dalla NATO. Tutte le forze norvegesi sono state ritirate.

* Il 34% degli afghani viveva al di sotto della soglia di povertà nel 2012, ma la Banca Mondiale stima che oggi sia il 72%.

Si stima che la guerra abbia ucciso almeno 160.000 persone dal 2001, di cui almeno 43.000 civili.

*Secondo le Nazioni Unite, circa 2,5 milioni di afgani sono registrati come rifugiati, ma si stima che altri 1,5 milioni di afgani vivano come rifugiati non registrati in Pakistan.

READ  - Hanno detto che l'edificio non era in cattivo stato - VG

* Negli ultimi mesi i talebani hanno preso il controllo di ampie parti della campagna afghana e dei valichi di frontiera con i paesi vicini.

* Nelle ultime settimane, i talebani hanno anche preso il controllo della maggior parte dei capoluoghi di provincia prima di catturare la capitale, Kabul, domenica 15 agosto.

Fonte: NTB