Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ci deve essere un equilibrio

Ci deve essere un potere adeguato in ogni momento, afferma Anders Opedal, CEO di Equinor.

Con inverni freddi consecutivi in ​​Asia ed Europa, gas in calo dalla Russia e il passaggio a forme di energia meno stabili e verdi in molti paesi, le forniture di elettricità sono state duramente colpite negli ultimi mesi. Ciò ha spinto i prezzi dell’elettricità a livelli record sia in Norvegia che in Europa.

Ciò ha portato al principale avvertimento di Equinor che la situazione potrebbe peggiorare se si fosse ripreso. meno Petrolio e gas purché non si accumulino Adeguato Energia rinnovabile:

Programmi TV 2: ecco perché il costo dell’elettricità è così alto

rivolta popolare

– Ora c’è poca energia. E nella transizione verde, mentre investi di più nelle energie rinnovabili, devi anche assicurarti di avere abbastanza petrolio e gas. Devi trovare il giusto equilibrio per investire in petrolio e gas, mentre allo stesso tempo aumentare le energie rinnovabili, Obedal dice su Barry Business TV 2.

Ritiene che l’aumento di potenza che abbiamo visto in Norvegia quest’inverno possa essere solo un preludio a ciò che potrebbe accadere se ci fosse un ulteriore squilibrio nell’approvvigionamento energetico. Ad esempio, potrebbero esserci rivolte popolari in tutta Europa, dove molti governi non hanno i soldi per aiutare la popolazione con la bolletta dell’elettricità:

Il movimento Yellow West (Gilets Jaunes), che ha protestato contro l’aumento dei prezzi del carburante in Francia. Qui a Lione nel 2019. Foto: JEAN-PHILIPPE KSIAZEK / AFP

Ricordiamo i “gilet gialli” in Francia quando i prezzi dell’energia erano troppo alti. Lo stiamo vedendo in Inghilterra, dice Obidal, con i prezzi del gas che diventano troppo alti, quindi l’industria deve licenziare le persone.

– Ora stai parlando a nome e per conto dell’industria petrolifera e del gas, e come argomento contro i partiti ambientalisti e altri oppositori del petrolio, non puoi fissare una scadenza, non eliminare gradualmente troppo rapidamente?

– È proprio questo il punto. Ci stiamo muovendo verso un mondo in cui c’è più energia rinnovabile. Tutti sono d’accordo su questo. Ma il percorso e trovare il giusto equilibrio sarà molto importante, dice.

casa calda vs ambiente

Il sostegno alla transizione verde si sta indebolendo ora con l’aumento dei prezzi dell’elettricità? Forse le persone preferirebbero una casa calda all’obiettivo di forme di energia verdi?

– Sì, quindi è molto importante avere abbastanza energia, in modo da non causare enormi fluttuazioni dei prezzi dell’elettricità o del gas per i consumatori. Quindi puoi riscaldare la tua casa, mentre ci muoviamo verso gli obiettivi climatici, afferma il presidente di Equinor.

forza del vento

Obidal ha assunto la carica di CEO di Equinor nel novembre dello scorso anno e si è posta l’obiettivo di rendere il gigante del petrolio e del gas più sostenibile. L’azienda sta ora investendo sempre di più in forme di energia verde, come l’energia eolica.

Secondo il piano, le turbine eoliche offshore galleggianti saranno utilizzate anche per elettrificare le piattaforme petrolifere e del gas sulla piattaforma norvegese, riducendo così le emissioni di anidride carbonica della Norvegia.

– Ma molti credono che l’eolico offshore sarà costoso e forse non redditizio?

– Sì, e poi c’è molta tecnologia che all’inizio era molto costosa. E poi, man mano che cresce, diventa competitivo. Man mano che ottieni più progetti, costruisci parchi eolici più grandi e acquisisci più esperienza, cercherai sempre opportunità che riducano i costi, afferma.

– Ma sarà redditizio?

– Sì, sarà redditizio. Deve essere redditizio. Consideriamo l’eolico offshore una delle forme rinnovabili di cui il mondo ha bisogno. Obedal afferma che molti paesi hanno una vasta linea costiera e la capacità di utilizzare aree offshore per la produzione di energia è importante per molti paesi.

uccelli e pesci

Anche i piani di sviluppo su larga scala per i parchi eolici offshore hanno ricevuto feedback critici. Si teme che grandi turbine eoliche galleggianti possano rappresentare una minaccia per l’avifauna e per la riproduzione dei pesci in mare.

– Hai una conoscenza sufficiente delle conseguenze delle turbine eoliche offshore?

– Dobbiamo lavorare con quello. Dobbiamo capire come influisce sull’ambiente. Ma abbiamo 10 anni di esperienza con le turbine eoliche nel Regno Unito e lì abbiamo svolto il monitoraggio ambientale. Non abbiamo tutte le risposte ora, ma raccoglieremo le conoscenze necessarie per prendere le decisioni giuste, afferma Anders Obedal.

Guarda l’intervista completa con il capo di Equinor al Bare Business questo fine settimana su TV 2 Nyhetskanalen, o in qualsiasi momento Qui su TV 2 Play.

READ  Ospita 10.000 prigionieri