Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Giornale italiano: l’UE non prolungherà gli accordi con AstraZeneca e Johnson & Johnson

Il Giornale italiano Si riferisce a informazioni provenienti da una fonte anonima del Ministero della Salute italiano.

A quanto pare, c’è un accordo tra la Commissione europea e diversi paesi dell’UE per eliminare i vaccini dopo un quarto d’ora sulla base della cosiddetta tecnologia del vettore del virus. Produce sia il vaccino AstraZeneca che il vaccino Johnson & Johnson, noto anche come vaccino Johnson.

Quindi il piano non è quello di estendere i contratti con le società collegate il prossimo anno.

– Solo prestito AstraZeneca

Rari coaguli di sangue tra coloro che hanno ricevuto entrambi i vaccini hanno causato preoccupazione in molti paesi. In molti luoghi, il vaccino estrogeno viene somministrato solo a persone di una certa età e la Norvegia ha interrotto qualsiasi utilizzo del vaccino. Gli Stati Uniti hanno smesso di usare il vaccino Johnson & Johnson.

Dopo che La Stompa ha rilasciato le sue informazioni mercoledì, il coordinatore svedese del vaccino Richard Bergstrom ha detto all’agenzia di stampa DT che finora era stata presa solo una ferma decisione di non prolungare il contratto con AstraZeneca.

Tuttavia, lo sfondo non dovrebbe essere una questione di coaguli di sangue, ma l’incertezza sulle consegne da parte dell’azienda.

Aggiornamento richiesto

Bergström sottolinea anche che l’aggiornamento del vaccino virus vettore a nuovi ceppi del virus corona è impegnativo.

Sia il successo originale di Bergstrom che di La Stampa, l’UE vorrebbe concentrarsi sui cosiddetti vaccini MRNA. I vaccini per Pfizer / Biotech e Moderna rientrano in questa categoria.

Anche il vaccino contro lo Sputnik russo si basa sulla tecnologia del vettore del virus, ma non è approvato dall’Agenzia dell’Unione europea per i prodotti farmaceutici (EMA).

READ  "Nuovo Buffon" batte record leggendario:

La Norvegia fa parte del sistema di immunizzazione dell’Unione Europea, quindi segue le decisioni dell’EMA e della Commissione Europea sui vari vaccini.

(© NPK)