Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Le autorità russe sono dietro la liquidazione della Cecenia – NRK Urix – Notizie documentarie straniere

Zelimkhan Khangoshvili era di origine cecena, ma aveva un nome e una nazionalità georgiani. Veniva dalla valle di Pankisi in Georgia, l’area al confine con la Cecenia.

Khangoshevli partecipò come leader alla guerra contro la Russia da parte dei separatisti nella seconda guerra cecena.

Quella guerra fu iniziata dall’allora primo ministro Vladimir Putin nel 1999. L’obiettivo era porre fine ai sogni di secessione dei musulmani ceceni una volta per tutte.

Il comandante Zelimkhan Khangoshvili (a destra) con il comandante in capo dei separatisti ceceni Aslan Maskhadov (a sinistra). La data è sconosciuta, probabilmente dal periodo autunnale 1999-2004.

Foto: Tamta Mikeladze

Il 23 agosto 2019, il suo passato ha superato Khangoshvili. Ucciso a morte in un parco di Berlino.

La vittima è arrivata in Germania con la moglie e quattro figli come richiedente asilo nel 2016.

Assassino di falsa identità

L’assassinio è come tirarlo fuori da un romanzo di spionaggio.

Khangoshvili era nella moschea e ha camminato attraverso il parco Klein-Tiergarten a Berlino.

Un ciclista gli ha sparato due volte alla testa con una Glock 26 attutita. Un testimone ha visto l’autore del reato gettare la bicicletta, la pistola e la parrucca nel fiume poco dopo.

La polizia ha consentito l’arresto di un russo con documenti falsi.

Vadim Krasikov, condannato per l'omicidio di Vadim Khangoshvili.

Vadim Krasikov, noto anche come Vadim Sokolov, è stato condannato all’ergastolo. Il giudice ha detto che ha “responsabilità particolarmente grave per l’omicidio”.

“Vadim Sokolov” era in realtà Vadim Krasikov, originario dell’allora Repubblica sovietica del Kazakistan.

e Dei testimoni al processo di Berlino, Krasikov ha ammesso di essere suo cognato, scrive il famoso sito web nodo caucasico.

Il testimone Alexander V ha detto che Krasikov stava lavorando in una “unità di sabotaggio nelle forze armate russe”. Si dice anche che conosca Putin, almeno lo ha incontrato al poligono di tiro.

Nominato dall’FSB

Per poco più di un anno, dal 2014 al 2015, Krasikov è stato ricercato dalla Russia tramite l’Interpol, Secondo i pericolosi giornalisti del quotidiano online Bellingcat.

C’era un video di un ciclista che sparava e uccideva un uomo d’affari nella parte posteriore della testa.

Secondo Bellingcat, è stato lo stesso uomo che ha ucciso Khangoshvili a Berlino.

Gli investigatori sul luogo dell'assassinio di Khangoshvili il 23 agosto 2019.

Investigatori della scena del crimine in un parco di Berlino il 23 agosto 2019.

Foto: Christoph Soder/AFP

Ma nel luglio 2015 la ricerca russa di Krasikov è stata ingiustificatamente ritirata.

Allo stesso tempo, la maggior parte delle tracce del ricercato è scomparsa dai database russi.

Ma una foto della domanda di Sokolov per un visto Schengen e una vecchia foto archiviata della patente di Krasikov indicano che si tratta dello stesso uomo.

Tali cambiamenti di identità nelle banche dati ufficiali indicano che il successore del KGB, l’FSB, era coinvolto.

Era terrorismo di stato

Anche il giudice Olaf Arnoldi a Berlino era di questa opinione. Nella sua giustificazione odierna, ha affermato che le autorità russe avevano ordinato la liquidazione per rappresaglia contro uno degli oppositori del governo russo.

– Era terrorismo di stato, Arnoldi.

E l’autore del reato Vadim Krasikov è stato condannato all’ergastolo, senza possibilità di rilascio spontaneo dopo 15 anni, cosa comune in Germania.

Un tribunale di Berlino ha condannato Vadim Krasikov per l'omicidio di Tornik Kavtarashvili nel 2019.

Un tribunale di Berlino ha condannato all’ergastolo il russo Vadim Krasikov per l’omicidio del cittadino georgiano nel 2019.

Foto: Christophe Gatau/AFP

Gravejournalistene i Bellingcat Trova metadati Dal programma telefonico, Krasikov era in frequenti contatti con il “gruppo Penant” di ex ufficiali Spitznaz nei mesi precedenti l’assassinio.

Spetznaz è un termine collettivo per le forze speciali militari della Russia.

Negli anni ’80, Vimpel è stato coinvolto in tutto, dai rapimenti ai colpi di stato e agli omicidi all’estero.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, Vympel fu ribattezzata V Divisione e fu utilizzata nella guerra contro i ceceni che combatterono per la secessione.

Zelimkhan Khangoshvili proveniva dal distretto di Doisi nella valle di Pankisi, in Georgia, dominata dai musulmani. Da lì, la strada per la Cecenia con il capoluogo di provincia Grozny non è stata lunga. Un certo numero di ceceni e combattenti stranieri dal Medio Oriente sono entrati in Cecenia attraverso la valle di Pankisi.

espulsione di diplomatici

Dopo il verdetto, il ministro degli Esteri, Annalena Barbock, ha affermato che l’uccisione è stata eseguita per ordine dello Stato e che costituisce una grave violazione della legge e della sovranità tedesca.

Due diplomatici russi furono immediatamente espulsi e l’ambasciatore tedesco fu convocato al tappeto.

Il ministro degli Esteri Annalina Barbuk dopo la caduta odierna della sentenza contro Krasikov.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalina Barbock ha accusato la leadership russa dell’omicidio di Khangoshvili a Berlino.

Foto: Annibale Hanschke/AFP

L’ambasciata russa a Berlino afferma che la sentenza è “soggettiva” e afferma che è “politicamente motivata”.

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ho chiamato prima Una vittima di omicidio “feroce” e “assetata di sangue”.

Come leader dei separatisti ceceni, il suo ruolo era combattere i soldati del governo russo.

La richiesta di uno stato ceceno indipendente non ha ricevuto alcun sostegno dai paesi occidentali.

Oggi, la quasi-Repubblica cecena è governata da una mano quasi dittatrice di Ramzan Kadyrov. È presidente e primo ministro allo stesso tempo.

Il presidente russo Vladimir Putin presenta un regalo fatto di una zanna gigante al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman mentre il presidente ceceno Ramzan Kadyrov osserva a Riyadh.

Il presidente Vladimir Putin (al centro) con Ramzan Kadyrov (a destra) in visita ufficiale al principe ereditario Mohammed bin Salman in Arabia Saudita. 14 ottobre 2019.

Foto: Sputnik / Reuters

Ha una grande libertà d’azione quando si tratta di trattare con la legge e l’ordine. Ma è fedele al presidente Putin.

READ  Nove bambini e un ragazzo di 29 anni che vengono improvvisamente separati dalle loro comunità negli Stati Uniti