Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’umore a Wall Street è peggiorato: l’indice tecnologico Nasdaq è sceso di oltre il due percento

Dopo i rapporti sui progressi nelle negoziazioni tra Russia e Ucraina, le borse europee, così come i contratti futures collegati ai principali indici azionari statunitensi, hanno fatto un’apparizione notevole venerdì pomeriggio.

Wall Street ha aperto in rialzo, ma dopo la giornata di negoziazione l’umore è peggiorato. Ecco come i mercati azionari statunitensi hanno chiuso l’ultimo giorno di negoziazione della settimana:

  • Il Dow Jones Industrial Average, che è composto da 30 titoli presumibilmente importanti accuratamente selezionati, è sceso dello 0,69%.
  • L’indice Standard & Poor’s 500, che comprende 500 delle più grandi società quotate negli Stati Uniti, è sceso dell’1,3%
  • L’indice Nasdaq Composite, che è dominato dalle società tecnologiche, è sceso del 2,18%.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso per la quinta settimana consecutiva. Gli indici S&P 500 e Nasdaq Composite sono scesi per tre settimane consecutive. Il prezzo del petrolio si sta dirigendo verso un aumento del 3% dopo una settimana turbolenta con una serie di sanzioni contro le esportazioni petrolifere russe.

divieto di importazione

Il presidente Joe Biden ha annunciato venerdì che gli Stati Uniti ritireranno lo status della Russia come partner commerciale privilegiato. Allo stesso tempo, è stato annunciato un divieto per l’importazione di molti prodotti russi, tra cui vodka, diamanti e frutti di mare.

L’abolizione dello status della Russia come partner commerciale privilegiato consente l’imposizione di dazi sulle merci importate dalla Russia.

L’Unione Europea ei paesi del G7 dovrebbero fare lo stesso.

La Russia si è classificata al 26° posto tra i maggiori partner commerciali degli Stati Uniti nel 2019, secondo la CNBC. Le esportazioni della Russia negli Stati Uniti nel 2019 sono state di 29 miliardi di dollari, principalmente prodotti petroliferi e di gas. All’inizio di questa settimana gli Stati Uniti hanno imposto un divieto alle importazioni di petrolio, gas e altre fonti energetiche russe.

READ  Volkswagen ID. Buzz - Ottiene 4WD

‘progresso positivo’

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato venerdì che ci sono stati “progressi positivi” nei colloqui tra Russia e Ucraina.

– Si registrano progressi positivi nei colloqui. Putin ha detto al suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko durante un incontro a Mosca che queste sono le note che ho ricevuto dai nostri negoziatori.

“Ora i negoziati si svolgono quasi quotidianamente”, ha aggiunto Putin.

I due presidenti si incontreranno venerdì per discutere degli sviluppi in Ucraina. La Bielorussia si è schierata con la Russia dallo scoppio della guerra il 24 febbraio.

Le delegazioni russa e ucraina si sono incontrate tre volte in Bielorussia per cercare di risolvere il conflitto. Quando giovedì i ministri degli esteri di Russia e Ucraina si sono incontrati in Turchia, non è stato raggiunto un accordo di cessate il fuoco, ma hanno convenuto che i colloqui dovrebbero continuare in Bielorussia.

Tuttavia, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha risposto dicendo che non ci sono stati progressi nei negoziati, ha scritto Bloomberg News venerdì sera.

Il prezzo del petrolio continua a fluttuare e viene scambiato venerdì sera a 111,4 dollari al barile, con un aumento del 2% rispetto al prezzo di chiusura di giovedì.

Prezzi alti al cielo

Giovedì sono arrivate le cifre di febbraio sull’inflazione negli Stati Uniti, l’economia più importante del mondo. Il risultato ha mostrato un aumento dei prezzi del 7,9 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, l’aumento dei prezzi più alto dal gennaio 1982, ma anche alquanto in linea con le stime precedenti. Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha detto alla CNBC che si aspetta che i prezzi più alti siano una realtà negli Stati Uniti per almeno un altro anno.

READ  Bodo Glimt, Roma | Una foto di Glimt che umilia Roma. Ora dovrebbe essere in cima alla tua lista dei desideri: - Extreme

La Federal Reserve statunitense (Fed) giovedì ha completato i suoi acquisti di supporto di titoli, il cosiddetto quantitative easing. La Federal Reserve ha sostenuto, in varia misura, titoli di Stato e obbligazioni ipotecarie sin dalla crisi finanziaria del 2008 con l’obiettivo di aiutare l’economia, contribuendo a un aumento dei prezzi delle attività e a una minore volatilità dei mercati. Solo durante la pandemia, la Fed ha acquistato titoli per migliaia di miliardi di dollari.

La Fed terrà una riunione sui tassi il 15-16. marzo, quando dovrebbe aumentare i tassi di interesse allo 0,25 per cento dall’attuale livello zero. Successivamente, si prevede che nel 2022 e nel 2023 aumenteranno i tassi di interesse per battere l’accelerazione dell’inflazione. L’obiettivo dichiarato della banca centrale è mantenere l’inflazione al 2% nel tempo. (Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.