Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Non ci sarà una grande ondata di rifugiati dall’Afghanistan – VG

afflusso di rifugiati? Sylvie Listauge non ha una buona base per dire che “garantiamo” di vedere un nuovo afflusso di richiedenti asilo afgani, ha scritto l’editorialista. La foto mostra i rifugiati afgani al confine tra Afghanistan e Iran la scorsa settimana.

Dopo che i talebani hanno preso il potere, il FRP ha avvertito di una nuova ondata di asilo, ma non c’è motivo di temere una ripetizione della crisi migratoria del 2015.

Inserito:

Questa è storia. Il verbale esprime la posizione dello scrittore. Puoi inviare articoli e post a VG qui.

silo tarako, Autore e consulente presso Agenda Tankesmien

“Ci sarà un afflusso di asilo ora, che è garantito”, ha detto Sylvie Listauge, leader del Rally for Democracy il 16 agosto, il giorno dopo che i talebani hanno preso il potere a Kabul. Tenendo conto della crisi dell’immigrazione del 2015, Listhaug non è l’unico preoccupato che si ripeta ora solo sei anni dopo.

Ma ci sono tre fattori principali che indicano che è improbabile che avremo un grande afflusso di afgani in Norvegia. Uno è che le rotte del contrabbando dall’Afghanistan all’Europa sono diventate più difficili. Il secondo è che l’UE ha introdotto procedure che richiedono a tutti di registrarsi in Grecia prima che venga distribuito tra i paesi dell’UE.

Il terzo è che la Norvegia ha da tempo una pratica rigorosa nei confronti dei richiedenti asilo afgani e quindi non è molto popolare come destinazione di asilo tra gli afgani.

Leggi anche

Aerei norvegesi hanno evacuato bambini afgani in Norvegia

1. La Turchia sta costruendo un muro di confine

L’Afghanistan è uno dei paesi al mondo con il più alto tasso di immigrazione. Il Paese è povero e ha un numero crescente di giovani. Nelle zone rurali non ci sono molte opportunità per i giovani afgani. Molti di loro cercano opportunità economiche nelle città. La pressione sulle città è spesso dovuta anche alla scarsa sicurezza nelle province. In altre parole, la demografia, la povertà ei conflitti sono interconnessi e costituiscono i principali motori della migrazione. Le persone più capaci, che hanno soldi per pagare i trafficanti di esseri umani o che hanno parenti all’estero, sono riuscite a migrare nei paesi occidentali mentre la maggior parte si sposta all’interno o nei vicini Pakistan e Iran.

READ  Ecco le prime foto di Aung San Suu Kyi dal colpo di stato militare - VG

Le rotte di contrabbando più comuni verso l’Europa occidentale sono l’Iran, la Turchia e la Grecia. È un percorso costoso e impegnativo che può richiedere da diverse settimane a diversi mesi o anni. Per entrare nell’area Schengen è necessario essere in possesso di un visto o richiedere asilo. Gli afgani sono da tempo uno dei più grandi gruppi di rifugiati in Europa.

La presa del potere da parte dei talebani il 15 agosto ha creato un nuovo slancio per l’emigrazione, ma anche la rotta del contrabbando è diventata più difficile. L’Iran ha un confine di 900 km con l’Afghanistan che è impossibile controllare efficacemente, ma le autorità iraniane stanno indicando il ritorno di nuovi profughi afgani non appena le condizioni lo permetteranno.

L’Iran ospita già più di 700.000 rifugiati afgani registrati. Alcuni di questi potrebbero prendere in considerazione l’opportunità ora di viaggiare in Europa, ma la Turchia sta costruendo un muro di 243 chilometri per arginare il flusso dall’Iran. Esistono già 156 km di costruzione. C’è un alto muro di cemento con filo spinato in cima. I turchi non sono ospitali con gli afghani come lo erano con i siriani. Le autorità turche hanno ora inviato migliaia di guardie di frontiera nell’area e il presidente Erdogan ha dichiarato che il muro sarà presto completato.

Leggi anche

Una donna afgana ha dato alla luce un bambino su un aereo di evacuazione

2. La Grecia non sarà una porta

Ci sono più di 120.000 rifugiati afgani registrati in Turchia, così come centinaia di migliaia di immigrati illegali afgani che hanno trovato la loro strada negli ultimi decenni. Durante la crisi migratoria del 2015, ben 850.000 rifugiati e migranti hanno attraversato il confine tra Turchia e Grecia. Gli afgani erano il secondo gruppo più numeroso dopo i siriani.

READ  Trump parla nel suo primo incontro pubblico da quando ha lasciato la Casa Bianca - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Né l’Unione Europea né la Grecia vogliono che ciò accada di nuovo. Oltre all’accordo sulla migrazione UE-Turchia, che mira a prevenire un’altra importante migrazione, le autorità greche hanno adottato molte altre misure per proteggere i propri confini. Tra le altre cose, hanno costruito un nuovo muro d’acciaio nel punto di attraversamento più utilizzato lungo il fiume Maritsa che separa la Turchia e la Grecia. Questo muro ha lo stesso tipo di costruzione del muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Il governo greco ha inoltre dichiarato la Turchia un paese terzo sicuro per gli afghani e ora afferma che lo farà Non Essere una porta verso una nuova ondata di asilo in Europa.

Ci sono già decine di migliaia di afgani in Grecia che sognano di viaggiare nei paesi europei dove hanno migliori prospettive future. Ma è chiusa anche la strada balcanica. Inoltre, l’Unione Europea ha stabilito procedure di registrazione efficaci in Grecia, il che significa che i richiedenti asilo non possono decidere da soli dove vogliono richiedere asilo in Europa. L’UE sta cercando di trovare soluzioni attraverso una ripartizione più ordinata degli oneri.

Leggi anche

Il crollo dell’Afghanistan: riporterà i richiedenti asilo

3. La Norvegia non è molto attraente tra gli afghani

Nonostante tutte queste barriere, qualcuno riuscirà sempre a trovare buchi che gli permetteranno di entrare nei ricchi paesi dell’Europa occidentale. Stiamo parlando di uomini afgani disperati che sono sottoposti a pressioni estreme e sono disposti a rischiare la vita per raggiungere i loro obiettivi. Tuttavia, questa volta non ce ne saranno centinaia di migliaia.

Quando gli afgani lasciano la Grecia per la prima volta, Germania, Francia e Svezia sono i paesi preferiti. Secondo gli afghani con cui ho parlato, la Norvegia è in fondo alla lista delle destinazioni preferite per l’asilo. Questo nonostante le buone condizioni di accoglienza ei piani di welfare. La Norvegia si è giustamente guadagnata la reputazione di essere tra i paesi più severi per i richiedenti asilo afghani. Non solo perché è difficile restare qui, ma anche perché la Norvegia è stata particolarmente efficace nell’effettuare i rimpatri in Afghanistan. Niente ha un effetto di segnale più forte dei rendimenti effettivi.

READ  Attacco del Congresso - Pence ha chiesto aiuto

In altre parole, Sylvie Listauge non ha una buona base per dire che siamo “garantiti” di vedere un nuovo afflusso di richiedenti asilo afgani. Ma ha ragione sul fatto che i segnali inviati dai politici norvegesi possano avere un senso. Non è un caso, ad esempio, che la Svezia fosse più attraente della Danimarca durante la crisi migratoria del 2015, anche se i paesi sono abbastanza simili.

Non è vero che il Partito Laburista sta inviando segnali che potrebbero portare a un nuovo afflusso di rifugiati. Quello di cui stanno parlando i principali partiti norvegesi ora è di far entrare gli afgani che hanno lavorato con le forze norvegesi e che sono stati smascherati dal nuovo regime talebano. Questi devono essere presi all’interno della quota di rifugiati già approvata. È responsabilità del governo garantire che i rifugiati siano accolti in modo sicuro. Che il PST era coinvolto e che le autorità hanno assicurato che nessuno che potesse minacciare la sicurezza della nazione sarebbe stato ammesso.

La guerra in Afghanistan può essere finita, ma non sono scomparse altre condizioni strutturali che spingono le persone a fuggire, come la crescita demografica e la povertà. Con il regime talebano, la situazione dei diritti umani nelle città si deteriorerà, specialmente per le donne e i difensori dei diritti umani. Hanno ancora bisogno della nostra solidarietà e protezione.

Il sistema delle quote è per i rifugiati individualmente a rischio, mentre gli aiuti e l’assistenza umanitaria devono ora essere organizzati in modo che i comuni afgani, non i talebani, ne traggano beneficio.