Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ci vorranno anni prima che Equinor tragga vantaggio dagli investimenti rinnovabili – E24

Equinor sta investendo pesantemente nell’energia rinnovabile e il CEO è convinto che l’azienda alla fine farà soldi. – Probabilmente ci vorranno alcuni anni, dice l’analista.

Questo è il parco eolico offshore britannico Dudgeon di Equinor.

Darren Staples/Reuters

Inserito: Inserito:

A giugno, Equinor ha annunciato un importante investimento nelle energie rinnovabili, con investimenti totali di circa 200 miliardi di NOK fino al 2026 (vedi riquadro).

Tuttavia, finora, Equinor sta perdendo denaro nel gestire il business delle rinnovabili.

Il CEO di Equinor Anders Opedal prevede numeri negativi nei prossimi anni, esclusi i trimestri in cui l’azienda si vende su progetti.

“Siamo in una fase di crescita nelle rinnovabili e nei prossimi anni non prevediamo risultati trimestrali positivi a meno che non effettuiamo transazioni, che fanno parte del nostro modello di business”, ha detto Obedal quando ha presentato i numeri del secondo trimestre dell’azienda questo settimana.

Equinor gestisce una serie di parchi eolici offshore nel Regno Unito, dove sta anche realizzando il progetto più grande del mondo, Dogger Bank. Equinor si è anche aggiudicata contratti per diversi nuovi progetti, inclusi diversi importanti progetti al di fuori di New York e il progetto Baltyk in Polonia (vedi tabella sotto).

L’azienda partecipa anche a un concorso per mettere in sicurezza aree in Asta Scotwind In Scozia e in La lotta per la terra Nelle regioni norvegesi a sud del Mare del Nord II e dell’Utsera settentrionale.

Capo di Equinor Anders Opedal.

Torsten ragazzo

Leggi anche

Equinor ha raggiunto il risultato dell’anno scorso

Enorme differenza di numeri

I primi due rapporti trimestrali di Equinor con numeri separati per il business delle energie rinnovabili hanno mostrato una discrepanza significativa:

  • Nel primo trimestre, il business delle rinnovabili ha prodotto un risultato rivisto di 1,34 miliardi di dollari, dopo che Equinor ha venduto parti dei suoi progetti eolici offshore a BP ed Eni.
  • Nel secondo trimestre, la società ha riportato un risultato rettificato di meno 31 milioni di dollari.

Obedal sottolinea che il motivo per cui le imprese rinnovabili stanno esaurendo è che sono ancora in costruzione. Costa soldi per garantire la terra e sviluppare progetti.

Il nostro obiettivo ora è costruire un portafoglio più ampio. Ora abbiamo un certo numero di progetti in corso e probabilmente avremo un portafoglio molto più ampio prima che generi un flusso di cassa positivo dalle operazioni, dice Obedal a E24.

Leggi anche

Boom del petrolio Equinor: – Siamo pronti per la volatilità

Il CEO osserva che Equinor si concentra sull’ingresso anticipato in nuove aree, sullo sviluppo di progetti e quindi sulla realizzazione di dismissioni strategiche quando l’azienda vede che può creare valore.

– Ciò significa che ci aspettiamo risultati generalmente positivi dalla nostra rinnovata unità, afferma Obidal.

“Abbiamo scelto di riportare l’unità rinnovabile trimestre per trimestre, e quindi ci sarà naturalmente una certa volatilità, e nei trimestri che non abbiamo venduto, i costi di investimento supereranno i ricavi della produzione attuale”, aggiunge.

– Quindi questa attività diventa come una società in costruzione, cioè non è redditizia finché la costruzione non è completata?

La nostra unità rinnovabile è come una società in crescita, afferma il direttore di Equinor.

Sebbene il business delle rinnovabili abbia avuto un risultato negativo nel secondo trimestre, Equinor ha realizzato un buon profitto dalle sue vendite. Tra le altre cose, Equinor ha venduto metà dei progetti Empire Wind e Beacon Wind a BP per un importo di licenze pari a 12 volte quello che Equinor aveva originariamente fornito loro.

Ad oggi, Equinor ha venduto 2,3 miliardi di dollari in attività rinnovabili e Guadagni pubblicati 1,7 miliardi di dollari.

Leggi anche

CEO di Equinor: – Il mercato del gas è molto forte

– Potrebbero volerci alcuni anni

L’analista Theodor Sven-Nielsen di Sparebank1 Markets crede che Equinor guadagnerà dai venti offshore, ma che ci vorrà tempo.

– Probabilmente ci vorranno alcuni anni. La capacità di Equinor sarà di 12-16 gigawatt entro il 2030, quindi possiamo sperare che inizi a fluttuare un po’ fino al 2030, afferma Sveen-Nilsen a E24.

La produzione dei progetti di Equinor non dovrebbe aumentare fino alla metà di questo decennio.

– L’azienda vedrà una forte crescita della produzione di elettricità solo quando Dogger Bank inizierà la produzione nel 2024. Quando Empire Wind sarà operativa anche negli Stati Uniti nel 2025, la produzione raggiungerà i 2,5 TWh per trimestre, quasi dieci volte la produzione nel secondo anno. Poi il cielo inizia a piovere, dice Sven Nielsen.

L’analista petrolifero Teodor Sveen-Nilsen presso Sparebank1 Markets.

Marius Lorentzen / E24

Leggi anche

Miglior trimestre Equinor sullo scaffale norvegese dal 2014

Valore 60-80 miliardi

I ricavi del business delle rinnovabili fino ad oggi costituiscono una quota molto piccola del fatturato totale di Equinor. Il business rappresenta ancora grandi valori.

Se Equinor dovesse separarsi dal business delle rinnovabili e quotarlo, potrebbe avere una capitalizzazione di mercato di 60-80 miliardi di NOK e diventare uno dei più grandi della Borsa di Oslo, stimano gli analisti.

– L’elenco delle unità rinnovabili potrebbe avere un senso, ma non credo che lo farà. Il business delle rinnovabili è attualmente in una fase molto diversa del ciclo di vita rispetto, ad esempio, a Statoil Fuel & Retail quando è stata scissa e quotata in borsa nel 2010, afferma Sveen-Nilsen.

– L’output dell’unità rinnovabile darà a Equinor un punteggio più debole secondo il Framework dell’UE per gli investimenti verdi, il rating. Equinor è anche una società in gran parte controllata dal management, ed è più divertente per il management guidare una grande azienda che una più piccola, quindi è parlare contro una divisione, dice.

Sven Nielsen sottolinea che il vantaggio dell’energia rinnovabile è che molti progetti hanno prezzi garantiti e che i ricavi sono più stabili dei ricavi da petrolio e gas. Sono inoltre necessari meno investimenti per mantenere la produzione nel tempo rispetto a un giacimento petrolifero, dove, tra l’altro, devono essere perforati nuovi pozzi.

Lo svantaggio è che l’energia rinnovabile ha un rendimento per corona investito molto più basso rispetto a petrolio e gas. Quindi penso che dovremmo aspettarci molto nel futuro che Equinor guadagnerà molto meno denaro di quanto ha investito oggi. Dice che il ritorno sul capitale impiegato diminuirà nel tempo.

READ  Il mercato azionario scende dopo enormi investimenti | Finansavisen