Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dure battaglie sanguinarie – VG

L’acciaieria di Mariupol è l’ultimo sito della città ancora sotto il controllo ucraino. Mercoledì verranno segnalati nuovi attacchi.

Inserito:

Giornale Pravda Mercoledì ha annunciato che le forze di terra russe avevano fatto nuove avanzate verso Azovstal e che erano entrate nell’area delle acciaierie. Ciò è stato successivamente confermato dalle autorità ucraine.

“Sono battaglie sanguinose dure in corso in questo momento”, ha detto il leader dei difensori ucraini in città, secondo Reuters.

Il sindaco di Mariupolsa ha dichiarato mercoledì che non è stato possibile contattare le forze ucraine presso l’acciaieria e che c’erano ancora circa 30 bambini civili in attesa di essere evacuati.

Ma il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba afferma che gli ucraini stanno ancora attaccando la loro terra contro le forze russe, secondo CNN.

Come Ilya Ponomarenko, giornalista del Kyiv Independent, ha scritto che gli attacchi sono stati respinti:

Entro e non oltre martedì Diversi media ucraini hanno riferito che le forze russe stavano per prendere d’assalto l’acciaieria, Che da metà aprile è l’ultima posizione fortificata degli ucraini in città.

Le autorità russe finora hanno negato le accuse di attacchi al suolo. D’altra parte, l’agenzia di stampa statale (RIA) ha riferito che sono stati effettuati numerosi attacchi aerei contro l’acciaieria. Reuters.

La Russia afferma inoltre che aprirà corridoi umanitari dall’acciaieria giovedì, venerdì e sabato, secondo Interfax. Ciò non è stato confermato dall’Ucraina.

‘L’ultimo apparato a Mariupol’: difensori e civili ucraini si sono rifugiati nei tunnel sotto le acciaierie per più di due mesi.

Bleert

Per più di due mesi fino a 2.000 soldati ucraini e 1.000 civili si sono rifugiati Nella oscura rete di tunnel sotterranei che passano sotto l’Azovstal. Qui, però, sono immuni da oltre 60 giorni Mancanza di luce diurna, cibo e acqua.

READ  Giornalista russo assassinato in Ucraina

Tuttavia, non è chiaro quante persone siano state uccise o ferite durante l’assedio russo Un ufficiale ucraino aveva precedentemente affermato che 600 soldati erano rimasti feriti.

Lo ha detto mercoledì sera il presidente ucraino Volodymyr Zelensky Secondo quanto riferito, 156 civili si sono ripresi in sicurezza dopo essere stati evacuati dalle acciaierie martedì, Con l’assistenza di diverse parti, comprese le Nazioni Unite e la Croce Rossa Internazionale.

Evacuati: negli ultimi giorni dall’Azovstal sono stati evacuati fino a diverse centinaia di civili. Eccone alcuni in una coda di profughi nella città di Zaporizhzhya, situata a circa 200 chilometri a nord-ovest di Mariupol.

Azovstal è una delle più grandi acciaierie d’Europa e si estende su un’incredibile area di 11 milioni di metri quadrati.

Le acciaierie iniziarono ad operare nel 1933 durante l’era sovietica, ma furono chiuse durante l’occupazione tedesca di Mariupol. Nel 1943, l’impianto fu ricostruito dopo che i sovietici ripresero il controllo.

I tunnel, in cui si rifugiarono gli ucraini durante la Guerra Fredda, sono stati costruiti e devono essere progettati per resistere a una guerra nucleare.

secondo Il New York Times Azovstal produceva più di quattro milioni di tonnellate di acciaio all’anno, fino a quando la Russia non ha invaso il paese.