Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Hyundai Ioniq 6 ha un’autonomia di oltre 600 km

La maggior parte dei dettagli ora sono ufficiali.

La Hyundai Ioniq 6 è una berlina che misura 4,86 ​​metri di lunghezza e si trova all'incirca a metà strada tra la Tesla Model 3 e la Model S in termini di dimensioni.  Una caratteristica è che puoi utilizzare la porta di ricarica dell'auto per alimentare altri dispositivi.

Il design è stato mostrato un paio di settimane fa, ma Hyundai è ora pronta con maggiori dettagli sulla sua prossima berlina elettrica Ioniq 6.

Forse la cosa più importante di tutte: la capacità della batteria raggiungerà 77,4 kWh, il che darà un’autonomia nelle versioni più durature (leggi: trazione posteriore) fino a 610 chilometri dopo il WLTP. Certo, questa è ancora solo una stima, ma se dovessimo prendere come base i lanci precedenti, la cifra sarebbe probabilmente di almeno 610 km adottando il tipo di auto.

È più della versione Tesla Model 3 di gamma più ampia, che è 602 chilometri dopo il WLTP, ma la grande differenza è che l’autonomia della Tesla è per un veicolo a trazione integrale. Quindi non è Hyundai. La BMW i4, l’altra competizione attuale, percorre 590 chilometri nella versione eDrive 40, anche senza trazione integrale.

La capacità della batteria di soli 77,4 kWh non sorprende in quanto è anche il pacco batteria presente nella nuova versione di Ioniq 5 e nella sua gamma gemella Kias EV6.

Leggi anche

Kia con un enorme salto di prezzo sull’EV6: – Ti aspetteresti che la maggior parte delle persone segua

Tuttavia, Hyundai lancia anche una versione con una batteria più piccola da 53 kWh.

READ  Diventiamo tutti ottimi sostenitori

L’autonomia per questo non è stata ancora determinata, ma Hyundai è tentato di consumare meno di 14 kWh/100 km secondo il WLTP nella versione con la batteria più piccola, cerchi da 18 pollici e trazione posteriore. Ciò dovrebbe significare un’autonomia di almeno 400 km, e possibilmente fino a 450. (i dati di consumo WLTP includono la perdita di carica e quindi non possono essere utilizzati per calcolare direttamente l’autonomia).

Pertanto, l’auto è disponibile con batteria grande e piccola, trazione integrale e trazione posteriore. La versione più potente ottiene 325 CV, 605 Nm di coppia e 0-100 km/h in 5,1 secondi.

Hyundai Norvegia non includeva in precedenza il pacco batteria più piccolo sulla Ioniq 5 e vendeva l’auto solo con quasi tutta l’attrezzatura inclusa. Il PR e Product Manager Øyvind Knudsen ha detto a Tek che i livelli di batteria e equipaggiamento devono ancora essere chiariti per lo Ioniq 6, ma che “è naturale per noi seguire la nostra strategia tipica che è semplice e chiara anche sullo Ioniq 6”.

Proprio come Ioniq 5, Ioniq 6 ha la cosiddetta architettura 800V, che fornirà una ricarica molto rapida su caricabatterie compatibili. Il 10-80 percento dovrebbe essere in grado di camminare entro 18 minuti. Hyundai non menziona la potenza massima di ricarica, ma per Ioniq 5 è stato dimostrato che arriva fino a 240 kW. La combinazione di ricarica a lungo raggio e ricarica fulminea dovrebbe fornire a un’auto un tempo molto breve alle stazioni di ricarica rispetto alla maggior parte delle altre.

READ  - Abbiamo avuto un problema anche prima di omikron - E24

Ioniq 6 supporta anche V2L, il che significa che può fornire alimentazione ad altri dispositivi e possibilmente auto, sia da una presa elettrica sotto il sedile posteriore o direttamente dalla porta di ricarica tramite un adattatore.

A parte questo, l’auto è lunga solo 4,86 ​​metri, quindi si trova a metà strada tra la Tesla Model 3 e la Model S. Tornando sulla Ioniq 6, Hyundai afferma che i sedili sono più sottili del 30 percento rispetto ai tradizionali sedili delle auto per sfruttare al massimo lo spazio possibile nell’abitacolo.

Lo spazio nell’abitacolo era esattamente qualcosa che abbiamo menzionato in termini positivi quando abbiamo visto lo Ioniq 6 a maggio. Soprattutto sul sedile posteriore c’è molto spazio per le gambe, e in effetti anche abbastanza spazio in altezza che, con 183 cm, posso sedermi con la schiena dritta. Tuttavia, Hyundai non è ancora pronta con il volume del bagagliaio, ma almeno sappiamo che l’auto avrà un po’ più di bagagliaio oltre allo spazio posteriore.

Il peso del trailer non è chiaro, ma Knudsen afferma che l’auto “dopo tutti i segni del sole” avrà l’opportunità di trainare un rimorchio e sarà anche molto competitiva in quest’area.

Dietro il volante, hai uno schermo di infotainment da 12 pollici e un cruscotto da 12 pollici davanti a te e sono supportati sia Apple CarPlay che Android Auto.

Il sistema audio è fornito da Bose, con un totale di otto altoparlanti incluso un subwoofer. L’abitacolo sarà progettato pensando alle “ali” delle ali degli aerei, poiché Hyundai ha schermi integrati che mostrano le immagini delle telecamere laterali dell’auto piuttosto che gli specchietti. Se perdi il rumore del motore durante la guida, Hyundai ha anche aggiunto un’opzione di rumore del motore sintetico, come sappiamo anche da un certo numero di altre auto elettriche.

Oltre a questo, la Ioniq 6 ha la possibilità di avere la maggior parte di ciò che Hyundai ha da offrire in termini di tecnologie di assistenza e sicurezza, incluso il cosiddetto “assistente allo sterzo evasivo”, in cui l’auto prende il sopravvento e si ribalta in situazioni potenzialmente pericolose. L’auto può anche aiutarti a parcheggiare tramite l’assistente al parcheggio integrato, che può anche essere controllato a distanza utilizzando la chiave dell’auto.

La produzione di Ioniq 6 dovrebbe iniziare nell’autunno del 2022, mentre le prime consegne ai clienti verranno effettuate in questo lato del nuovo anno. Tuttavia, il più grande arriverà nel 2023. Il prezzo non è ancora noto, ma possiamo presumere che non sarà molto lontano dal prezzo di Ioniq 5, che parte oggi esattamente da mezzo milione, almeno con il pacco batteria più grande .

Nota: Hyundai annuncia anche un’altra notizia venerdì di questa settimana. Questo sarà il primo modello di marca N completamente elettrico di Hyundai incentrato sulle prestazioni.

Leggi anche

BMW riscalda i suoi posti di servizio in abbonamento