Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il capo di Equinor avverte di turbolenze sul mercato, tagli al petrolio: “nel peggiore dei casi” potrebbe invertire la svolta verde

I prezzi del gas e dell’elettricità sono tesi da mesi e anche i prezzi del petrolio sono diminuiti negli ultimi giorni dopo che i timori per la nuova variabile del virus Corona hanno preso piede nei mercati globali. Allo stesso tempo, il mondo deve essere in grado di ridurre le emissioni su una scala mai vista prima per rallentare il cambiamento climatico.

Questo è lo scenario complesso in cui la compagnia petrolifera e del gas, nonché il futuro gigante energetico Equinor, organizzano la sua conferenza annuale autunnale a Oslo martedì.

Anders Obedal, CEO di Equinor, che ha ricoperto la carica da poco più di un anno, ha usato il suo discorso all’élite energetica presente per lanciare un forte avvertimento che le turbolenze del mercato e i tagli improvvisi nella produzione di petrolio e gas potrebbero danneggiare la transizione verde.

Lo scenario preoccupante è che questa fluttuazione e questo squilibrio potrebbero diventare la nuova normalità, potenzialmente arrestando – o nel peggiore dei casi invertendo – la transizione energetica. Obedal dice nel suo discorso, dobbiamo quindi affrontare la continua trasformazione dell’energia in maniera saggia e coordinata.

Avrà bisogno di petrolio, soprattutto di gas

Solo negli ultimi mesi abbiamo visto prezzi dell’energia che non vedevamo da molti anni e che hanno avuto un impatto enorme su persone e imprese. Questo illustra il pericolo che affrontiamo in un cambiamento sbilanciato. Penso che si possa dire che un mondo con carenza di energia non è socialmente sostenibile. Crea volatilità in molti mercati, aumenta le paure sociali e crea incertezza politica. Ciò solleva preoccupazioni sulla sicurezza energetica, aggiunge Obidal, e sta portando alcuni paesi a ricominciare a gestire centrali elettriche a carbone.

READ  Le elezioni in Somaliland danno speranza alla diaspora in Norvegia | Ingeborg Vardwin
Alla conferenza autunnale di Equinor: il direttore del Fondo petrolifero Nikolai Tangin (a sinistra), Anders Obedal e il ministro del petrolio e dell'energia Mart Magus Persen.

Alla conferenza autunnale di Equinor: il direttore del Fondo petrolifero Nikolai Tangin (a sinistra), Anders Obedal e il ministro del petrolio e dell’energia Mart Magus Persen. (Foto: Elaine Holland)

Ritiene che tutto ciò dimostri quanto sia importante non soffocare la produzione di petrolio e gas troppo rapidamente per aver cura di accelerare la transizione energetica.

Ciò che vediamo nei mercati e il suo effetto sulla società è una chiara indicazione di cosa accadrà se riduciamo unilateralmente l’offerta mentre la domanda di energia continua ad aumentare. È un chiaro segnale che dobbiamo scalare soluzioni rinnovabili e altre soluzioni a basse emissioni di carbonio a velocità record. Ma è anche un segnale che avremo bisogno di petrolio, e soprattutto di gas, per molti anni a venire, con emissioni il più basse possibile, per garantire una transizione stabile ed equilibrata, dice Obedal.

Mette anche in guardia contro le tendenze al protezionismo, che secondo lui potrebbero avere conseguenze negative per un cambiamento verde.

– Quello che mi preoccupa è che negli ultimi anni abbiamo assistito a una tendenza che è passata dal desiderio di libero scambio e scambio a una maggiore polarizzazione e protezionismo. In tutto il mondo, dice Obidal, prevalgono i cosiddetti “interessi nazionali prima di tutto”, indipendentemente dai sistemi politici e dai colori.

Ciò può rallentare il necessario scambio di conoscenze, esperienze e tecnologie e aumentare i costi. Ma ciò che è ancora più preoccupante: può rallentare la trasmissione di energia.

Il CEO di Equinor Anders Opedal (al centro).  Il CEO di Yara Svein Tore Holsether (a destra).

Il CEO di Equinor Anders Opedal (al centro). Il CEO di Yara Svein Tore Holsether (a destra). (Foto: Elaine Holland, Elaine Hoyland)

Capo dell’AIE: avrò bisogno del petrolio norvegese, ma…

Il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia IEA, Fatih Birol, è stato un protagonista della conferenza Equinor nel teatro norvegese. Ma quest’anno, gli ascoltatori hanno dovuto accettare un video preregistrato, forse perché il vertice sull’energia con sede a Parigi ha incontrato il presidente francese Emmanuel Macron.

Di recente, nel 2018, Birol ha affermato dal palco che “il mondo ha bisogno di ogni goccia di petrolio norvegese e di ogni singola goccia di gas norvegese esistente”. Da allora, l’Agenzia internazionale per l’energia ha pubblicato una roadmap climatica verso un mondo a emissioni zero nel 2050. Questa primavera ha fatto scalpore nell’industria petrolifera norvegese: in uno scenario del genere, non c’è bisogno di nuovi progetti di petrolio e gas o di esplorazione , ritiene l’agenzia.

Nel suo messaggio del martedì, Birol dice:

Il mondo avrà ancora bisogno del petrolio e del gas norvegesi, che sono più puliti, più sicuri e un buon partner. Birol afferma che la quantità di petrolio e gas di cui abbiamo bisogno dalla Norvegia, come per altri produttori, è probabilmente inferiore a quella di oggi.

Ma allo stesso tempo ribadisce il messaggio contenuto nella roadmap: servono investimenti in petrolio e gas, ma solo per giacimenti esistenti e progetti già approvati. Apparentemente, questo è in contrasto con ciò che sta accadendo sullo scaffale norvegese in futuro, dove si prevede che il pacchetto della tassa sul petrolio porterà a una frana nelle approvazioni di nuovi progetti il ​​prossimo anno e dove si cercano attivamente nuove risorse.

Obidal non è d’accordo.

Hai esplorazione, poi esplorazione. La nostra principale strategia di esplorazione consiste nel cercare vicino all’infrastruttura esistente. Ciò significa che stiamo utilizzando i nostri giacimenti esistenti, le condutture e tutta l’infrastruttura per cui è stata pagata. Ciò significa che abbiamo una buona gestione delle risorse e rimuoviamo tutte le riserve dallo scaffale.

– Pensi che questo rientri nella definizione dell’AIE dei campi esistenti?

– Assolutamente. Si tratta di portare tutte le risorse vicino ai campi esistenti.

Anche il ministro del petrolio e dell’energia Martje Magus Persen ritiene che i piani della Norvegia stiano resistendo.

Martedì il ministro del petrolio e dell'energia Marte Mjøs Persen alla conferenza di Equinor.

Martedì il ministro del petrolio e dell’energia Marte Mjøs Persen alla conferenza di Equinor. (Foto: Elaine Holland)

È abbastanza ovvio che la domanda di petrolio e gas è ciò di cui devi vivere. Ma dice che c’è ancora molta strada da fare e il petrolio e il gas norvegesi svolgono un ruolo molto importante, anche perché le loro emissioni sono basse.

– Possiamo convivere molto bene con la nostra politica che dobbiamo sviluppare, non porre fine all’industria petrolifera.(Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che conduce direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.