Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

La stagflazione spaventa gli investitori | finansavisin

L’inflazione annuale dei prezzi al consumo nell’Eurozona ha stabilito nuovi record per sei mesi consecutivi. Ad aprile era del 7,5%, rispetto al 7,4 e all’1,6% rispettivamente di un mese e un anno prima. Venerdì, è stato anche annunciato che un obiettivo per i prezzi effettivamente pagati dai consumatori statunitensi (“deflazione delle spese per consumi personali”) è aumentato del 6,6% in un anno, più che in qualsiasi momento dal gennaio 1982.

Allo stesso tempo, la crescita del PIL sta rallentando. I dati preliminari mostrano che l’economia statunitense si è contratta dell’1,4% nel primo trimestre, mentre la creazione di valore nell’eurozona è aumentata di un debole 0,2%. Gli economisti chiamano “stagflazione” la combinazione di alta inflazione e miserabile crescita del PIL e tali condizioni sono raramente ideali per gli investitori del mercato azionario. L’S&P 500 è già in calo del 10% quest’anno, mentre l’Euro Stoxx 600 ha perso il 7%.

Tuttavia, il fatto che gli analisti abbiano abbassato le stime degli utili per così tanto tempo significa che molte società continuano a fornire numeri sorprendentemente buoni per il primo trimestre. Il colosso chimico tedesco BASF ha annunciato venerdì che gli utili massimi e minimi hanno superato le aspettative, così come il produttore di farmaci AstraZeneca. Alle 4 del mattino, il prezzo delle azioni della prima società era praticamente invariato, mentre le azioni di AstraZeneca erano aumentate dell’1% in valore.

Per il gruppo energetico italiano Eni, l’aumento dei prezzi è stato di circa l’1 per cento. I guadagni sono stati leggermente peggiori del previsto, ma i prezzi estremamente elevati del petrolio e del gas hanno contribuito a superare le stime di consenso di oltre il 20%.

READ  431.000 nuovi posti di lavoro creati negli Stati Uniti a marzo - E24

Negli Stati Uniti, il Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, ha lasciato il suo mese peggiore da marzo 2020, in calo del 10%. L’intermediazione online Robinhood, nota per i suoi clienti giovani e avversi al rischio, è stata particolarmente colpita da questo sviluppo. La società ha riportato entrate deludenti, meno utenti e un deficit sorprendentemente ampio nel primo trimestre giovedì sera.

Ironia della sorte, l’80 percento delle società S&P 500 che finora hanno fornito conti recenti hanno realizzato più profitti del previsto durante questo periodo. Tuttavia, giganti dell’IT come Amazon e Intel hanno intimidito gli investitori con una prospettiva inaspettatamente negativa per il resto dell’anno. Venerdì pomeriggio, il primo è sceso di circa il 13%, mentre il prezzo del produttore di chip è sceso del 6%.