Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L'autorità norvegese per la protezione dei dati chiede alla polizia di fornire una panoramica dello spazio norvegese

L'autorità norvegese per la protezione dei dati chiede alla polizia di fornire una panoramica dello spazio norvegese

Il quotidiano Aftenposten ha rivelato che la polizia ha intervistato più di 650 norvegesi di origine rom. La questione è ora sul tavolo dell'autorità danese per la protezione dei dati.

La versione breve

Il quotidiano Aftenposten ha rivelato che la polizia ha intervistato più di 650 norvegesi appartenenti alla minoranza rom in Norvegia. La panoramica si estende a tutti e quattro Roma norvegeseRoma norvegeseI Rom norvegesi, precedentemente chiamati Zingari, sono un gruppo etnico arrivato in Norvegia negli anni '70 dell'Ottocento. Nel 1998 hanno ottenuto lo status di minoranza nazionale. Chi è sopravvissuto all'Olocausto. Nella panoramica ci sono anche bambini e persone morte.

– Credo che questa sia un'attività illegale e debba essere fermata immediatamente, dice l'avvocato Mette Yvonne Larsen. Dirige il gruppo di difesa presso l'Ordine degli avvocati norvegese.

La panoramica della polizia si basava su 14 persone con ruoli in procedimenti penali in corso. La polizia afferma che i restanti 641 sono familiari stretti o “altre persone”.

La panoramica contiene la data di nascita, il numero di previdenza sociale, il nome completo e l'indirizzo di 88 persone. 567 registrati con sigla, età, comune di residenza e numero di procedimenti penali.

– Tali registrazioni o indagini non possono essere effettuate senza uno scopo legittimo e devono, in linea di principio, riguardare l'indagine su una questione penale specifica. Larsen dice che questo segue la legge sulla registrazione della polizia.

Anche l'avvocato John Wessel-AS ritiene che ci sia motivo di mettere in dubbio la legittimità della panoramica della sala di polizia, sulla base di quanto affermato nell'articolo dell'Aftenposten.

– In questo caso sembra molto dubbio che i requisiti della legge sul registro di polizia siano stati soddisfatti, perché l'elaborazione riguarda la mappatura di intere famiglie, per diverse generazioni, basandosi, tra l'altro, sul fatto che si tratta di rom.

Risponde alla mappatura dei gruppi etnici

I rom sono una delle cinque minoranze nazionali norvegesi. Mette la questione sotto una luce più importante per gli avvocati.

“Reagisco con forza al fatto che questa registrazione sia collegata a un gruppo etnico specifico, un gruppo di persone che in precedenza hanno subito maltrattamenti e maltrattamenti nella nostra società”, afferma Larsen.

Leggi anche

C'è un motivo per essere così testardi riguardo alla registrazione della stanza

La polizia ha costantemente negato di aver creato un registro razziale o un profilo razziale, scrivendo che la revisione si basa su un crimine.

La legge sulla registrazione della polizia conferisce alla polizia il diritto di registrare informazioni, tra le altre cose, per combattere la criminalità, compreso se siano collegate a un ambiente criminale.

Ma quando si tratta di trattare dati personali sull'”origine razziale o etnica”, sono necessari requisiti rigorosi affinché la polizia possa farlo.

– Potrebbero aver iniziato con la criminalità come punto di partenza, ma poi è diventato un'indagine su un gruppo etnico. Questa non è un'indagine sulla criminalità, ma sulla popolazione rom in quanto tale, spiega Wessel-As.

Wessel-Aas ritiene che l'autorità norvegese per la protezione dei dati dovrebbe esaminare attentamente la panoramica della stanza. E dovrebbero.

Autorità norvegese per la protezione dei dati: appare come un registro

– Creare una panoramica completa di 650 persone. Questo sembra essere un record della popolazione rom in Norvegia, afferma Marien Fagan, direttrice del dipartimento legale dell'autorità norvegese per la protezione dei dati.

Si occupa di casi relativi al trattamento dei dati personali da parte della polizia. Si conferma che l'autorità norvegese per la protezione dei dati ha ricevuto un'indagine sulla mappatura dell'ambiente spaziale.

Sulla base di ciò e delle informazioni emerse nell'Aftenposten, l'autorità norvegese per la protezione dei dati esaminerà se il processo di mappatura condotto dalla polizia è legale o meno.

Fagan afferma che l'autorità norvegese per la protezione dei dati chiederà ora spiegazioni al distretto di polizia orientale.

Il distretto di polizia orientale non ha condotto alcuna valutazione scritta sulla legalità dell'ottenimento delle informazioni. Questo è uno degli aspetti che l'autorità norvegese per la protezione dei dati è interessata ad indagare.

– In caso di trattamento intensivo di dati personali, devono sempre essere effettuate valutazioni approfondite. Ciò è particolarmente vero quando si trattano “categorie speciali di dati personali” come la razza, ha scritto Fagan.

Rifiuta le critiche

“C’è voluto lavoro una base In una selezione di casi penali concreti, è stata ampliata con informazioni su di essi diversificato un crimine. In questo modo saremo in grado di ottenere una panoramica concreta del quadro generale della criminalità”, ha scritto in una e-mail Thomas Sterk, capo ad interim dell'Unità congiunta di intelligence, prevenzione e investigazione del distretto di polizia orientale.

READ  Perché qualcuno indossa ancora una maschera facciale? - Dagsavisen

Ha anche affermato che altri membri della famiglia avevano un numero “allarmante” di casi penali.

Stærk del distretto di polizia orientale conferma di ritenere che la revisione sia in linea con la legge.

“La nostra valutazione era, e continua ad essere, che questo particolare trattamento è conforme ai requisiti del Police Record Act sul trattamento dei dati personali”, ha scritto.

“Questa era una panoramica basata sulla criminalità, non sulla razza.”

Scrive che il distretto di polizia accoglie con favore la revisione da parte dell'autorità danese per la protezione dei dati.

“Accogliamo con favore anche il dibattito sui nostri metodi e strumenti, non ultimo il dibattito sulla prevenzione e l’isolamento della criminalità”.