Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Presidente bielorusso sorpreso dal ritardo della guerra – NRK Urix – Notizie e documentari esteri

– Voglio sottolinearlo di nuovo. Sento che questo processo ha richiesto tempo.

Lo dice il presidente bielorusso in uno Intervista di 90 minuti Con l’agenzia di stampa americana AP.

Sono passati due mesi e mezzo da quando Alexander Lukashenko ha permesso alle forze russe di attraversare il suo paese per attaccare la vicina Ucraina.

Sempre difendendo l’invasione, crede che sia stata Kiev a provocare Mosca. Semplicemente non pensava che ci sarebbe voluto così tanto tempo.

– Ma non sono abbastanza informato per dire che tutto è andato secondo i piani, dice Lukashenko.

Un’immagine da un video distribuito dal ministero della Difesa russo che mostra un’esercitazione militare congiunta tra soldati bielorussi e russi in Bielorussia il 4 febbraio. Dopo 20 giorni, i soldati russi hanno attaccato l’Ucraina, alcuni di loro sono passati dalla Bielorussia.

Foto: DISPOSIZIONE / AFP

Attacco nucleare inaccettabile all’Ucraina

Il presidente della Bielorussia afferma che solo il suo paese sostiene la Russia, mentre circa 50 paesi sostengono l’Ucraina.

Allo stesso tempo, è completamente contrario all’uso di armi nucleari in Ucraina.

– Non accettabile perché è proprio accanto a noi. Non siamo dall’altra parte del mare, come gli Stati Uniti, dice Lukashenko.

Esprime preoccupazione per il futuro del mondo intero nel possibile uso di armi nucleari.

– Se la Russia sia capace di questo è una domanda che dovresti porre alla leadership russa.

Alexander Lukashenko è sorpreso che la guerra in Ucraina stia impiegando così tanto tempo.

È chiaro che Alexander Lukashenko non conosce in dettaglio i piani della Russia.

Foto: Marcus Schreiber/Associated Press

Le autorità russe hanno rifiutato di escludere l’uso di armi nucleari.

A febbraio Vladimir Putin Ha chiesto al ministro della Difesa del Paese di mettere le armi nucleari nella cosiddetta “prontezza al combattimento”.

Il paese ha il maggior numero di testate nucleari al mondo. Secondo l’Istituto svedese di ricerca sulla pace Sipri, la Russia ha 6.255 testate contro 5.550 testate statunitensi.

Nelle settimane precedenti l’attacco all’Ucraina, le forze russe e bielorusse si sono addestrate insieme in Bielorussia.

Subito dopo l’attacco all’Ucraina, la Bielorussia ha tenuto un referendum in cui il popolo, secondo le autorità, ha votato a favore di un emendamento costituzionale Le armi nucleari russe sono consentite nel paese.

Immagine da un video fornito dal Ministero della Difesa russo.  La foto mostrerà un lancio di missili durante un'esercitazione congiunta delle forze russe e bielorusse in Bielorussia il 17 febbraio.  Una settimana prima che la Russia attaccasse l'Ucraina.

Immagine da un video fornito dal Ministero della Difesa russo. La foto mostrerà un lancio di missili durante un’esercitazione congiunta delle forze russe e bielorusse in Bielorussia il 17 febbraio. Una settimana prima che la Russia attaccasse l’Ucraina.

Foto: – / AFP

La chiamiamo guerra e preghiamo per la pace

Mentre il presidente russo descrive la guerra in Ucraina come una “operazione militare speciale”, il suo omologo bielorusso descrive l’invasione come una guerra.

Lukashenko crede che la Russia non possa per definizione perdere questa guerra.

Ha anche espresso che lui stesso voleva la pace.

– Siamo categoricamente contrari a ogni guerra.

Lukashenko afferma anche di aver fatto molto per raggiungere la pace. Afferma che è stato grazie a lui che sono iniziati i negoziati tra Ucraina e Russia.

Lunedì 7 marzo le delegazioni russa e ucraina si sono incontrate per colloqui in Bielorussia.

Lunedì 7 marzo le delegazioni russa e ucraina si sono incontrate per colloqui in Bielorussia.

Foto: PISCINA

Nonostante i numerosi cicli di negoziati, gli attacchi russi all’Ucraina sono continuati.

fedele fratellino di Putin

Lukashenko, 67 anni, è al potere in Bielorussia da 28 anni. Ha detto che chiama Vladimir Putin, 69 anni, suo fratello maggiore.

Secondo Lukashenko, non c’è nessun altro leader mondiale che abbia un rapporto più stretto con Putin, più aperto o amichevole di lui.

Le relazioni sono state particolarmente strette da quando nel 2020 Lukashenko aveva bisogno dell’aiuto di Putin per adottare misure drastiche proteste di massa contro il suo governo dopo quelle che erano considerate elezioni presidenziali truccate.

Il comportamento brutale contro i manifestanti ha portato a critiche internazionali, sanzioni e legami ancora più stretti con la Russia.

Lukashenko e Putin lasceranno una conferenza stampa a Mosca il 18 febbraio.  Meno di una settimana prima dell'attacco all'Ucraina, Putin ha negato di avere piani per un'invasione.

Lukashenko e Putin lasceranno una conferenza stampa a Mosca il 18 febbraio. Meno di una settimana prima dell’attacco all’Ucraina, Putin ha negato di avere piani per un’invasione.

Foto: Sergei Guneyev / AP

Dai la colpa agli Stati Uniti

Ora il sostegno all’attacco della Russia all’Ucraina ha portato a nuove sanzioni contro la Bielorussia. Tra l’altro, l’Unione Europea ha imposto sanzioni alle banche e al settore finanziario.

La Norvegia si è unita giovedì Le ultime misure adottate dall’Unione Europea all’inizio di aprile.

La prossima settimana verranno imposte anche nuove sanzioni. Si parla di divieto al trasporto di merci bielorusse sulle strade norvegesi.

Lukashenko, da parte sua, ritiene che l’Occidente, in particolare gli Stati Uniti, sia responsabile della guerra in Ucraina.

Gli Stati Uniti vogliono cogliere l’attimo, legarvi i loro alleati e far precipitare la Russia in guerra con l’Ucraina. Afferma che il loro obiettivo è prendersi cura della Russia prima e dopo la Cina.

Alexander Lukashenko si prepara per un'intervista con l'Associated Press.

Alexander Lukashenko si prepara per un’intervista con l’Associated Press.

Foto: Marcus Schreiber/Associated Press

READ  Si dice che gli oppositori del vaccino abbiano utilizzato l'app di messaggistica per tracciare gli omicidi di politici. Mercoledì è intervenuta la polizia di una città tedesca.