Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Skjalg Fjellheim, MDG | Il simbolo rosso della responsabilità nella stampa norvegese

ultima discussione Esprime l’opinione dell’autore.


È un simbolo rosso di responsabilità nella politica norvegese, come scrisse Skjalg Fjellheim in Discussione sulla Norvegia settentrionale E Nettavisen ieri, inoltre, crede che il modello di Oslo per governare la Norvegia sia inconcepibile.

Noi di MDG crediamo che ci sia sicuramente un simbolo rosso di responsabilità nella stampa norvegese quando i principali attori sociali come Nordlys si impegnano nell’auto-spiegazione sia della politica che della scienza.

L’unica cosa responsabile è ascoltare la scienza. Può essere confortante non farlo, quando la scienza ci dice che dobbiamo apportare cambiamenti, che stiamo già assistendo a conseguenze climatiche irreversibili che distruggono le nostre case e che è in gioco il futuro dei nostri figli.

Clicca qui per iscriverti alle newsletter di The Norwegian Discussion

Ma, a differenza di Fjellheim, noi degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio crediamo che sia tempo di fare ciò che i politici devono fare: governare il paese in modo responsabile per conto della gente.

Fjellheim la chiama una città ideale, io la chiamo realistica.

Record di presenze

Le nostre “misure climatiche utopiche” che, secondo Welheim, “non sono progettate per aggregare e unire gli elettori norvegesi attraverso la geografia e l’affiliazione” hanno portato a un sostegno record per i partiti ambientalisti – e soprattutto per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio. L’ultimo sondaggio di Nettavisen ci dà il 7,2% e NRK indica un sondaggio record a Troms al 5%. Inoltre, abbiamo visto una crescita associativa di oltre il 10% solo nelle ultime due settimane.

Quindi abbiamo un supporto standard, non però, ma a causa della nostra posizione chiara e ferma e della nostra richiesta di un nuovo governo: dobbiamo voltare le spalle al petrolio, perché è l’unica cosa giusta da fare. L’alternativa è indirizzarci verso una crisi aperta.

È una politica responsabile?

READ  La vita dei bambini è importante! Stop alla riapertura della scuola!

vento verde in europa

È chiaro che le persone in tutto il paese chiedono politici disposti a prendere l’iniziativa di fronte alla crisi climatica e naturale, ma lo stiamo vedendo anche intorno a noi nel mondo. Le persone sono pronte a fare ciò che è necessario, quando i politici ascoltano i professionisti e osano guidare.

Leggi anche: I tagli alle esportazioni di petrolio della Norvegia sono certamente costosi, mentre l’impatto climatico è dubbio

Danimarca, Francia e Nuova Zelanda hanno già deciso di interrompere le trivellazioni petrolifere. Ora il partito laburista britannico smetterà di trivellare per il petrolio. E mentre i partiti grigi qui sulla montagna fanno a gara per offrire più sgravi fiscali possibili all’industria petrolifera, l’Unione europea ha accantonato un terzo del suo piano di ricostruzione. Misure climatiche e nuovi lavori verdi.

Soffia un vento verde in Europa e ora il vento inizia a muovere anche i norvegesi. Sempre più elettori norvegesi avranno politici che passano dalla parola ai fatti. Per questo cresciamo.

La crisi climatica colpisce tutti, anche nelle zone rurali

Inoltre, l’impostazione di una politica climatica contro la politica della regione si mordicchia la coda. Le persone nelle aree rurali sono sempre più colpite dal maltempo. Con le crescenti conseguenze del cambiamento climatico e l’accelerazione della crisi naturale, agricoltori, cacciatori e allevatori di renne lotteranno anche per raccogliere la natura per fornire cibo sia per la loro tavola che per quella degli altri. Questo, a sua volta, renderà difficile creare posti di lavoro locali e stabilirsi ovunque in questo meraviglioso paese.

L’Obiettivo di Sviluppo del Millennio è un partito che vuole dare priorità e priorità alle persone nelle contee. La crisi climatica e naturale arriva sia che tu viva in una città o in un villaggio, ma le azioni per fermarla e proteggerci dalle peggiori conseguenze devono, ovviamente, essere diverse. È possibile ridurre le emissioni e sviluppare le regioni allo stesso tempo – e abbiamo una politica per entrambi, perché una buona politica regionale è una buona politica climatica e viceversa.

READ  Come l'intelligenza artificiale risolve alcuni dei problemi più difficili di Internet

scenario fgelheim

Poi c’era il nostro benessere.

Lo scenario di Fjellheim secondo cui rimarremo con grandi gruppi di popolazioni povere alcaline se implementiamo le misure climatiche tanto necessarie non è condiviso da molti economisti. L’ultima volta è stato Victor Norman, un ex professore dell’NHH e ministro del Partito Conservatore, che crede che dovremmo Domani chiudere l’industria petrolifera. Crede che sia questo cambiamento che garantirà posti di lavoro e reddito negli anni a venire, senza dubbio nel passato e dimenticando di guardare al futuro.

Siamo diventati ministri dei tassi d’interesse

Tanto per citare prima di tutto un dato importante: le entrate fiscali del petrolio non entrano nel bilancio dello Stato. Questo reddito va direttamente al Fondo Petrolifero.

Le entrate petrolifere aggiunte al fondo petrolifero superano di poco i 200 miliardi di NOK all’anno. In confronto, il Fondo Petrolifero ha generato un rendimento di quasi 1.000 miliardi di NOK solo nella prima metà di quest’anno. Sono diventati tassi di interesse e non si vive più di petrolio, ma del rendimento del fondo petrolifero.

La preoccupazione di Fjellheim per il nostro benessere, forse dovrebbe invece affrontare i 33 miliardi di tagli alle tasse che questo governo ha così generosamente distribuito. Sono le entrate che vengono direttamente detratte dal bilancio e per le quali il governo deve trovare copertura. È una vera minaccia per i nostri benefici sociali.

La disuguaglianza deve essere risolta a spese della tassazione – non attraverso la pompa di benzina, e almeno non attraverso l’inasprimento della crisi climatica e naturale.

Data di scadenza

E no, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio non dovrebbero aprire il rubinetto del petrolio dall’oggi al domani e capovolgere la società.

READ  McKayla Arsenault '22 si unisce a UNE Norte come Fellow in GIS e comunicazioni

Vogliamo un’uscita graduale su larga scala, pianificata e graduale dall’industria petrolifera. Quindi abbiamo l’opportunità di trasferire la conoscenza, la tecnologia e il capitale che l’industria rappresenta alle nuove opportunità che costituiscono il futuro della Norvegia.

Leggi di più dalla discussione norvegese

Stiamo parlando di passare dal petrolio all’eolico offshore, passando dalla costruzione di navi di rifornimento alla costruzione di navi a emissioni zero e passando da ciò che usiamo conoscenza, tecnologia e capitale per fare oggi alle innovazioni che ci attendono.

posto di lavoro

Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio non creeranno migliaia di posti di lavoro: aiuteremo a creare migliaia di posti di lavoro nel lavoro sostenibile. Una business community che non dipende dagli alti prezzi del petrolio per girare le ruote. Una business community in cui non si rischia una grave crisi se i prezzi del petrolio scendono, come abbiamo visto nel 2014 quando in breve tempo sono stati persi oltre 34.000 posti di lavoro. Una business community che fa squadra con la natura e il nostro futuro.

Ora abbiamo l’opportunità di controllare il futuro dello stato sociale e dei nostri figli. Manterremo lo stato sociale agendo ora e assicurandoci di avere una transizione senza intoppi, a beneficio dei dipendenti, delle imprese e del futuro.

Quindi crediamo che il “modello Oslo”, con il Partito Laburista, il Partito Popolare Socialista, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e il Partito Rosso come partito di sostegno, fornirà la migliore politica ambientale. Siamo fermi e ne siamo orgogliosi, perché la nostra politica è costruita sulle fondamenta della scienza. E perché ci assumiamo la responsabilità.