Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Aker BP ed Equinor svilupperanno due giacimenti petroliferi per 14,5 miliardi di NOK – E24

Oggi i giganti del petrolio hanno presentato i piani di sviluppo al Ministero del Petrolio e dell’Energia. Equinor-topp afferma che l’ambizione ora è trasformare lo scaffale norvegese. Le aziende giganti stanno assistendo a riduzioni significative delle emissioni.

SCOMMESSE: Equinor si sta espandendo per circa 6,5 ​​miliardi di NOK nel Mare di Norvegia, mentre Aker BP sta investendo otto miliardi nel giacimento di Alvheim. Qui vicino alla piattaforma nel campo di Grane nel Mare del Nord.

Equinore / Øyvind Hagen

Inserito:

Equinor e i suoi partner Petoro, Vår Energi e TotalEnergies hanno deciso di espandere la scoperta di Lavrans e la scoperta di Kristin Q, che fanno parte del campo di Kristin, e sembra comunicato stampa Mercoledì.

Il comunicato stampa afferma che Equinor ha assegnato contratti per un valore di circa 2,2 miliardi di NOK in relazione a progetti di sviluppo nel Mare di Norvegia e investirà circa 6,5 ​​miliardi di NOK nella prima fase di sviluppo.

Allo stesso tempo, Aker BP e i partner di licenza ConocoPhillips e Lundin Energy hanno presentato al Ministero del petrolio e dell’energia un piano di sviluppo per il satellite Kobra Øst/Gekko nel campo di Alvheim, secondo Messaggio Dalla società.

Aker BP si sta espandendo per aiutare a prolungare la vita utile del campo di Alvheim, nonché aumentare la produzione e ridurre i costi unitari. Il progetto sembra prevedere investimenti per circa 8 miliardi di corone norvegesi, e potrebbe prevedere il recupero delle suddette riserve scoperte di circa 40 milioni di barili di petrolio equivalente.

La produzione dei progetti dovrebbe iniziare nel 2024.

Leggi anche

Equinor inizia la collaborazione con US Steel sulla cattura dell’idrogeno e del carbonio

Trasformerà lo scaffale norvegese

La decisione di espandere Christine Sur fornirà un valore significativo alla comunità e ai proprietari. Stiamo facendo buon uso delle risorse e delle infrastrutture esistenti, contribuendo allo stesso tempo all’ulteriore sviluppo del Mare di Norvegia, afferma Arne Sigve Nylund, Executive Vice President of Projects, Drilling and Procurement di Equinor.

La produzione dei due giacimenti sarà collegata alla piattaforma Christine. Il serbatoio Christine è entrato in produzione nel 2005, mentre la scoperta di Lavran risale al 1995. La piattaforma Christine ha una vita tecnica stimata del 2034.

“La nostra ambizione è trasformare la piattaforma continentale norvegese in modo da poter continuare a creare valore significativo, contribuendo allo stesso tempo a consentire alla Norvegia di raggiungere gli obiettivi di Parigi”, afferma Kjetil Hove, Executive Vice President Exploration and Production Norway presso Equinor .

Prolungare la vita utile utilizzando l’infrastruttura che abbiamo sullo scaffale norvegese per lo sviluppo dei satelliti è molto importante e fornisce una buona redditività e basse emissioni di CO2, continua.

Ambizioni: Kjetil Hove ed Equinor vogliono trasformare la piattaforma continentale norvegese e vedono una buona redditività e basse emissioni di CO2.

John Engmundsen

“Sviluppo illimitato”

Come Equinor, Aker BP vede riduzioni significative delle emissioni e scrive che si aspetta che le emissioni di CO2 per barile si dimezzino e la produzione di petrolio dal giacimento di Alvheim raddoppierà quando Kobra Øst/Gekko entrerà in produzione.

Inoltre, sembra che i risultati “creeranno un valore economico significativo sia per i licenziatari che per la società norvegese” con contributi all'”aumento dell’attività e dell’occupazione nell’industria dei fornitori”.

La società ha anche scritto che vede uno “sviluppo illimitato” nell’area di Alfheim e che questo sviluppo ha la flessibilità per essere in grado di sviluppare diverse altre scoperte nell’area.

Il progetto è un buon esempio di come le modifiche temporanee al sistema di tassazione del petrolio adottate nel giugno dello scorso anno abbiano creato attività sullo scaffale norvegese, afferma Karl Jonny Hersvik, CEO di Aker BP.

Il Segretario di Stato presso il Ministero del Petrolio e dell’Energia, Tony C. Teller, ha proseguito l’attività dell’azienda nella regione di Alfheim.

Lo sviluppo di Kobra Øst e Gekko è un’altra prova tangibile del pensiero a lungo termine della regione che contribuisce all’utilizzo delle infrastrutture esistenti e all’aumento dell’uso delle risorse standard, afferma Dopo aver ricevuto i piani di sviluppo.

Aker BP aveva precedentemente annunciato investimenti fino a 135 miliardi di NOK sulla piattaforma norvegese fino al 2028, comprese le scoperte di Kobra Øst/Gekko.

Karl Jonny Hirsvik è il CEO di Aker BP.

Ole Berg-Rest / NTB Scanpix

Segretario di Stato: – Musica nelle mie orecchie

Teller, “sono contento che i licenziatari abbiano trovato buone soluzioni per l’area prima per la piattaforma Kristen”.

Ritiene che “soluzioni come questa siano una parte importante del futuro sullo scaffale norvegese” e osserva che lo sviluppo di Christine Sur riguarda il buon uso delle risorse e l’utilizzo delle infrastrutture esistenti”.

La prima fase di Kristin Sør include un nuovo telaio del fondale marino su Lavrans, mentre a Kristin Q verrà riutilizzato il telaio del fondale già installato, a quanto pare.

È prevista la perforazione di quattro pozzi a Lavran e uno a Christine Keough. Il primo è “potenziale di alto valore”, ma si tratta di un serbatoio complesso con caratteristiche produttive incerte.

È musica nelle mie orecchie perché consente di utilizzare meglio le risorse e creare il massimo valore possibile, afferma il Segretario di Stato.

Leggi anche

Nybø assumerà la proprietà di Equinor: – Ci sarà una maggiore distanza

Leggi anche

Equinor espanderà questi 28 campi: un campo canadese potrebbe stabilire un nuovo record

READ  Oda ha raccolto miliardi - I dipendenti hanno investito 50 milioni.