Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Continua la cerimonia di premiazione per Yara: vendite superiori a sei miliardi di dollari nel secondo trimestre

Poche aziende norvegesi sono state più centrali nell’attuale crisi di materie prime, forniture e cibo della gigantesca azienda norvegese di fertilizzanti. L’azienda, colpita dall’aumento dei prezzi delle materie prime cruciali per la produzione, in particolare del gas, all’inizio di marzo è stata costretta a tagliare la produzione in due stabilimenti in Francia e in Italia.

Allo stesso tempo, il gigante dei fertilizzanti è stato costretto a tagliare i legami con alcuni dei maggiori fornitori russi di fertilizzanti. Ma la crisi ha anche portato a un aumento dei prezzi dei fertilizzanti.

E ha contribuito a dare a Yara 1,2 miliardi di dollari di utile ante imposte nel primo trimestre.

Nel secondo trimestre, il fatturato è stato di 6,4 miliardi di dollari, rispetto ai 3,9 miliardi di dollari dello stesso trimestre dello scorso anno. L’utile prima delle tasse è terminato a 921 milioni di dollari, rispetto ai 706 milioni di dollari del secondo trimestre del 2021.

Gli analisti hanno realizzato un utile ante imposte di 1,1 miliardi di dollari, su un fatturato di 6,4 miliardi di dollari, secondo le stime ottenute da Bloomberg.

L’aumento dei prezzi e gli ottimi risultati delle società al di fuori dell’Europa hanno compensato i maggiori costi del gas in Europa e i minori volumi di vendita, ha scritto la società in una nota alla borsa.

L’attività di Yara è solida e vorrei ringraziare l’intera organizzazione per un altro grande sforzo in un mercato volatile”, afferma Svein Tore Holsether, CEO di Yara.

Nel secondo trimestre è stato pagato un dividendo totale di 796 milioni di dollari ed è stato annunciato che il Consiglio di amministrazione avrebbe preso in considerazione pagamenti aggiuntivi agli azionisti in relazione ai numeri del terzo trimestre.

READ  Gli inglesi hanno aperto l'esplorazione di petrolio e gas in quasi 900 blocchi - E24

Le azioni di Yara sono scese di circa l’uno per cento dall’inizio alla Borsa di Oslo martedì mattina.

Il mercato resta una sfida

I prezzi elevati finora nel 2022 si riflettono chiaramente nei numeri semestrali del gigante dei fertilizzanti. Nei primi sei mesi dell’anno, i ricavi hanno chiuso a 12,4 miliardi di dollari, rispetto a poco più di 7 miliardi di dollari nella prima metà dello scorso anno.

Nello stesso periodo, l’utile prima delle tasse quest’anno è stato di 2,2 miliardi di dollari, rispetto ai 752 milioni di dollari del 2021.

“Le condizioni di mercato di fondo di Yara sono buone, con la produzione alimentare e la catena del valore alimentare che continuano a essere in cima all’agenda globale. Tuttavia, una combinazione di domanda stagionale e inferiore nell’emisfero settentrionale e aumento dei prezzi del gas in Europa stanno portando a un significativo arresto produzione di azoto in Europa, inclusa That’s Yara Company”.

È stato riferito che Yara ha temporaneamente sospeso la produzione in diversi stabilimenti con una capacità annua di 1,3 milioni di tonnellate di ammoniaca e 1,7 milioni di tonnellate di prodotti finiti.

La società ha scritto nel rapporto trimestrale che permangono condizioni di mercato instabili e che si stanno adottando misure significative per “migliorare le operazioni”.

Nel terzo trimestre, Yara prevede che i costi spot del gas saranno circa 1,1 miliardi di dollari in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

tagliare le materie prime russe

Gli uffici di Yara a Kiev sono stati colpiti da un missile russo pochi giorni dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Nelle settimane successive, il colosso norvegese era nel mezzo di pressioni morali ed economiche su come trattare con i suoi fornitori russi che avevano stretti legami con il Cremlino, mentre l’azienda dipendeva dalle materie prime russe.

READ  Wall Street si sta dirigendo verso un forte calo dall'inizio - E24

A marzo, è diventato chiaro che i proprietari dietro alcuni dei maggiori produttori mondiali di materie prime erano nell’elenco delle sanzioni dell’Unione Europea, costringendo Yara a tagliare i legami con i partner commerciali russi dell’azienda.

Questo era Andrei Guzhev, il proprietario della società russa PhosAgro, uno dei maggiori fornitori di fosfati di Yara. Inoltre, sono stati aggiunti all’elenco Andrey Melnichenko dietro il gigante russo dei fertilizzanti EuroChem e l’oligarca russo/bielorusso Dmitry Mazepin, proprietario del produttore di potassio Uralchem ​​​​e Uralkali.

Per produrre un fertilizzante completo, Yara fa affidamento su materie prime di fosfato, potassio e azoto. Il quaranta per cento della fornitura mondiale di materie prime di potassio proviene da Russia e Bielorussia.

Dopo aver completato gli acquisti di potassio dalla Bielorussia e aver interrotto gli acquisti da due dei suoi maggiori fornitori russi, il CEO di Yara Svein Tore Holsether ha confermato a metà marzo che era impossibile trovare sostituti per esso a breve termine.

Siamo globali e tra i maggiori acquirenti di prodotti al mondo, provengono direttamente dalle nostre dimensioni. Ora stiamo lavorando per trovare tutti gli altri posti dove possiamo ottenere prodotti.

Allora era più preoccupato per il mondo che per Yara.

Ci sono centinaia di milioni di persone che dipendono dal cibo che viene prodotto in Russia, o che viene prodotto come risultato di minerali e fertilizzanti russi.(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori condizioni vedere qui.

READ  Articolo: Il lato oscuro del successo dell'auto elettrica norvegese