Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’auto elettrica più speciale del mondo è stata salvata

La versione Isetta stava per scomparire, ma ora la famosa vettura è stata salvata dalla casa tedesca di auto elettriche. E sì, il piccolo mago ora è un’auto elettrica.

Potresti notare la piccola macchina nella foto sopra, ma non sei sicuro da dove l’hai presa? Bene, molto probabilmente dal marchio BMW.

Dietro questa macchina c’era una piccola azienda chiamata Iso Rivolta. L’azienda, tra l’altro, iniziò a produrre frigoriferi, ma poi scoppiò la seconda guerra mondiale. Poi il titolare scoprì che l’azienda avrebbe dovuto avere più gambe su cui stare in piedi, e siccome gli italiani avevano bisogno di veicoli nel dopoguerra, approdarono su una soluzione molto insolita.

All’inizio guidavano una linea leggermente più conservatrice e venivano con le motociclette, ma il proprietario Renzo Revolta vide che c’era un mercato per le auto piccole. Questo, tra l’altro, sfiderebbe la stessa Fiat Topolino, antesignana della Fiat 500.

E quello che ha inventato Izo Revolta è stato qualcosa di molto eccitante. Una piccola auto a tre ruote ha una lunghezza di 2,29 metri e una larghezza di 1,37 metri Il design di tutto può assomigliare a un uovo. Almeno la porta d’ingresso era privata.

Era sopra e, soprattutto, sembrava essere stato preso direttamente dal frigorifero. Ovviamente hanno dei frigoriferi rimasti nel magazzino.

Ambitions portò l’auto al Salone di Torino del 1954, e al suo posto c’era anche una BMW. Il marchio automobilistico tedesco ha lottato violentemente in questo momento, alla ricerca di progetti economici da vendere senza costi esorbitanti. E quando sono inciampati nella posizione di Izu Revolta, si sono improvvisamente fermati.

La banda della BMW si rese presto conto del potenziale di questa piccola e strana creatura e ottenne rapidamente una licenza. L’anno successivo avevano pronta la loro versione e poi chiamarono l’auto la BMW Isetta.

READ  Thorsby dice addio al "modello": - Molto decisivo

Isetta era equipaggiata con un motore monocilindrico da 250 metri cubi con 12 cavalli e il peso dell’intera vettura era inferiore a 500 kg. Questo gruppo ha assicurato che l’auto diventasse la prima auto prodotta in serie a raggiungere un consumo di 0,30 litri per miglio.

La BMW pose fine all’auto nel 1962, ma l’auto è ancora in piedi oggi. Leggi l’affascinante storia dell’Isetta utilizzata come auto di fuga dopo che il Muro di Berlino ha diviso in due la città nel 1961 tramite uno dei link sottostanti.

Artega è stato autorizzato a realizzare un’auto simile del design Isetta che hanno chiamato Karo, e ora vengono applicati motori completamente elettrici. Divenne così un’auto elettrica.

Ma Artega ha avuto grossi problemi finanziari ultimamente, e c’era il pericolo reale che la versione Isetta scomparisse per sempre. Ma il gruppo tedesco ElectricBrands non voleva nulla di tutto ciò. Hanno semplicemente acquisito Artega e continueranno a Caro.

Il gruppo tedesco ha già presentato un’altra piccola, bizzarra creatura completamente elettrica, l’XBus, e puoi leggerlo tramite un altro link qui sotto. Ti promettiamo che non hai mai visto un’auto come XBus prima d’ora!

La versione odierna dell’Isetta si distingue, ovviamente, per il design e l’icona della portiera, è lunga 2,48 metri e larga 1,50. Quindi sì, l’auto può essere parcheggiata sul lato opposto.

Né la gamma né la velocità massima sono cattive. L’ElectricBrands Karo deve essere in grado di percorrere 200 chilometri prima di poter essere ricaricato e la velocità massima è di 90 chilometri all’ora.

ElectricBrands non dice nulla sulle ambizioni internazionali di Karo, ma afferma che mira a produrre fino a 30.000 auto nel suo primo anno, che durerà fino al prossimo anno.

READ  Le scorte di petrolio sono aumentate del 50 percento - 240 percento finora quest'anno

Ovviamente, speriamo che questo appaia anche in Norvegia, perché è più bello della maggior parte delle auto, comprese molte BMW oggi.

Potete vederlo qui sotto, perché queste sono le immagini. E ora non dimenticate l’XBus davvero speciale e la storia della fuga di Isetta, i collegamenti a questi casi si trovano sotto le immagini.

Leggi anche: