Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Questo è ciò che gli imprenditori pensano di dover fare – E24

La Norvegia ha perso il trono come paese in cui è facile avviare un’attività in proprio. E24 ha parlato con tre imprenditori dei passi che possono essere adottati nella politica norvegese per aumentare le opportunità di start-up.

Inserito: Inserito:

Il sondaggio annuale Abelia mostra che la Norvegia è scesa dai livelli precedenti, perdendo il titolo di miglior paese imprenditoriale del mondo.

La percezione che le possibilità di avviare un’impresa in Norvegia siano buone è diminuita dal 70 percento al 57 percento nel sondaggio tra gli imprenditori.

Con il nostro nuovo quarto posto, i paesi vicini ci hanno superato, con la Danimarca al terzo posto insieme all’Estonia e la Svezia al primo posto.

Sebbene consideriamo l’ambiente imprenditoriale in Norvegia molto promettente, non aiuta se altri paesi hanno migliori opportunità. Questa è l’opinione del presidente di Abelia Øystein E. Søreide.

Per i norvegesi è ora più difficile avviare un’attività in proprio, conferma Oystein E. Soered, CEO di Abelia.

L’indagine fa parte della scala di ristrutturazione, che viene implementata da NyAnalyse per conto di Abelia.

Questo è il sesto anno consecutivo in cui viene condotto il sondaggio e vi hanno partecipato imprenditori di 29 paesi.

Dov’è la promessa pionieristica dei conservatori o del partito laburista?

La Norvegia è tradizionalmente un paese in cui è più facile avviare un’attività in proprio, rispetto ad altri paesi, osserva Sored.

– Ora sembra che siamo ritardati.

Leggi anche

Fondatore di Oda contro l’accordo di Witzøe con l’imposta sul patrimonio: – Eticamente sconsiderato

Sored crede che la politica abbia un ruolo nella nuova posizione del paese nel sondaggio.

In primo luogo, il governo ha lasciato cadere la palla su un completo rinnovamento dei suoi strumenti di avvio e crescita, una revisione che ha in gran parte avuto una lotta di potere burocratica al centro piuttosto che una prospettiva dell’utente, dice.

In secondo luogo, molte feste dormono a ore. Nessun politico dice di no a scattare una foto con un imprenditore, ma dov’è la promessa pionieristica dei conservatori o dei laburisti?

Leggi anche

La crescita del numero di “unicorni” è in calo: – È tempo di affari adesso

Un anno record per gli imprenditori norvegesi

La pandemia ha contribuito al fiorire di nuove imprese.

I dati dei registri di Brønnøysund mostrano che 27.189 società per azioni di nuova registrazione sono state registrate in Norvegia tra marzo e dicembre, rispetto alle 24.155 dello stesso periodo del 2019.

Sored afferma che le crisi, come una pandemia, sono per molti un innesco che aumenta la motivazione per iniziare qualcosa da soli.

– Nonostante ci sia stato un “boom imprenditoriale” in Norvegia lo scorso anno, non aiuta molto con questo sondaggio, dato che stiamo confrontando con altri paesi che potrebbero aver notato un boom maggiore o maggiore nell’ambiente imprenditoriale.

Nell’anno della crisi 2020, circa 3.000 persone hanno chiesto assistenza finanziaria generale per le loro startup.

I dati di Innovation Norway mostrano che l’azienda statale ha fornito un sostegno tre volte maggiore alle aziende imprenditoriali lo scorso anno rispetto all’anno precedente.

Una piccola economia aperta come la Norvegia non aiuta a fare bene, quando i paesi con cui competiamo fanno meglio, afferma Abelia il suo capo.

Leggi anche

Diverse aziende avviate durante l’epidemia: – Realizza il sogno

– Le leggi e le normative nazionali cambiano molto lentamente

Karl Munthe-Kas, fondatore di Oda, ritiene che tre misure nella politica norvegese possano aiutare a creare un ambiente imprenditoriale norvegese in cui le opportunità di iniziare sono maggiori.

Il fondatore di Oda Karl Munthe-Kas non è estraneo a cosa significhi avviare un’attività in proprio in Norvegia.

Pertanto, crede che i cambiamenti nella politica possano aiutare a riportare la Norvegia al primo posto.

– Un organismo di concorrenza più attivo e attivo. Dice che molta innovazione è bloccata da attori affermati che hanno rapporti con i loro fornitori e si trattano favorevolmente.

Ciò fornisce maggiori barriere all’ingresso sul mercato per le nuove aziende con modelli di business più innovativi ed efficienti.

Il fondatore di Oda ritiene inoltre che le leggi e i regolamenti del paese stiano cambiando molto lentamente in linea con le nuove tecnologie.

– Un esempio per noi è la legislazione sull’alcol, che è stata scritta pensando alle vendite effettive, ma non ha senso nelle situazioni digitali.

Continua a leggere E24 +

Studenti entusiasti e decadenti: – C’è un enorme interesse

La capitale giusta al momento giusto

Innanzitutto, afferma Merete Nygaard, fondatrice della società di tecnologia legale Lexolve, gli imprenditori norvegesi hanno bisogno di accedere al capitale giusto al momento giusto.

– Si tratta di due cose. In primo luogo, il capitale giusto riguarda l’investitore giusto. Un investitore, non solo un investitore. C’è bisogno di investitori intelligenti che possano contribuire con consigli ed esperienza, dice Nygaard a E24.

Merete Nygaard ha fondato la società di tecnologia legale Lexolve nel 2017.

Non da ultimo, c’è bisogno di investitori esperti che comprendano il ciclo di vita e possano far parte dell’intero viaggio. Lo sviluppo della tecnologia è costoso e se sviluppi una tecnologia avanzata come noi, hai bisogno di investitori a lungo termine.

Nygaard sottolinea che si tratta anche di mettere il capitale in tempo, quando ne hai più bisogno.

Per molti imprenditori può essere più facile raccogliere capitali nella fase iniziale, o dopo la fase di crescita, piuttosto che nel periodo intermedio che spesso le aziende hanno quando hanno dimostrato il loro potenziale.

– Per questa fase, non c’è molto capitale di rischio in Norvegia – da alcuni questa presenza è chiamata la “Valle della Morte”, dice Nygaard.

– Per quanto riguarda Lexolve, l’abbiamo sicuramente saputo molte volte, poiché è stato dispendioso in termini di tempo e risorse per trovare questo tipo di capitale.

Leggi anche

I conservatori vogliono dare ai dipendenti a tempo indeterminato il diritto a un permesso imprenditoriale per sei mesi

Le barriere organizzative all’innovazione devono essere rimosse

– Abelia ha documentato che ci sono pochissimi tecnologi in questo paese, notato anche da Lexolve, nello stato di Nygaard.

Nella battaglia del talento, ci piace competere con le grandi aziende che possono offrire stipendi che non abbiamo possibilità di eguagliare. Dipendiamo da buoni ingegneri del software per avere successo e non abbiamo tempo di aspettare finché non abbiamo tempo per insegnare di più.

Ho basato questo sul fatto che Lexolve vuole portare più talenti a livello internazionale.

La procedura per questa giornata può essere stressante e richiedere molto tempo, e spero che possiamo rendere più facile la concessione dei visti ai talenti internazionali di cui abbiamo bisogno.

Ultimo ma non meno importante, Nygaard sottolinea i “grovigli burocratici” che devono essere risolti se è più facile iniziare qualcosa di proprio in Norvegia.

Lo stato dovrebbe prendere accordi per rimuovere gli ostacoli normativi all’innovazione, afferma Nygaard, in linea con Munthe-Kaas.

Da parte sua, ad esempio, il monopolio legale ostacola una vera innovazione nel settore legale, e sono lieto che questo autunno il parlamento norvegese esamini un disegno di legge per rimuovere il monopolio legale, che è un passo nella giusta direzione.

Continua a leggere E24 +

Il sogno dell’imprenditore: – Mi ha ispirato e ho pensato che fosse qualcosa che posso gestire anche io

Disponibilità del pubblico a testare nuovi prodotti

Waseem Rashid, fondatore della società di tecnologia immobiliare Orbit Technologies, sottolinea che la Norvegia deve stabilire una cultura con spazio per tentativi ed errori nell’interazione tra il settore pubblico e quello privato.

Waseem Rashid è il fondatore della società di tecnologia immobiliare Orbit Technologies.

Un esempio di tale misura potrebbe essere la creazione di “banchi di prova” in cui le aziende tecnologiche lavorano con attori pubblici per sviluppare la tecnologia insieme agli utenti, afferma.

– In questo modo garantiamo anche la partecipazione degli utenti della tecnologia, non ultimo che la tecnologia si adatti alle loro esigenze.

Allo stesso tempo, afferma Rashid, gli appalti pubblici e gli accordi standard dovrebbero promuovere buoni modelli di collaborazione e soluzioni innovative.

In Orbit, abbiamo sviluppato una soluzione basata su abbonamento in cui aziende e clienti possono abbonarsi a uno spazio ufficio.

Questa è una soluzione molto rilevante in cui la flessibilità di lavorare ovunque è in cima all’agenda per molti dipendenti del settore privato, ma anche nel settore pubblico e non da ultimo nell’agenda politica.

Leggi anche

Il dilemma culturale del fondatore

Il regime fiscale delle opzioni deve essere completamente rinnovato

C’è un grande accordo tra i tre imprenditori sulla necessità di apportare modifiche anche al regime di tassazione delle opzioni, che ritengono un ostacolo per i nuovi imprenditori.

Se la produttività norvegese deve aumentare nei prossimi anni, le piccole imprese di oggi devono avere l’opportunità di diventare le macchine da esportazione di domani. Le piccole imprese non possono competere con le aziende in base alla sicurezza del lavoro, ai salari e ad altri bonus, afferma Rashid.

– Pertanto, abbiamo bisogno di altri incentivi che ci rendano attraenti come datori di lavoro, e il regime fiscale opzionale è un tale incentivo.

Rashid afferma che il sistema di tassazione delle opzioni era sia poco pratico che complesso e che il dipendente doveva pagare le tasse il giorno in cui l’accordo di stock option è stato riscattato.

Ciò significa che il dipendente, oltre a pagare le azioni, deve pagare anche l’imposta sull’aumento di valore durante il periodo di opzione. È visto come poco attraente per molti.

All’inizio di quest’anno, è stata avanzata la proposta di non pagare l’imposta a favore di un’opzione fino a quando non si ottiene effettivamente un guadagno per pagare l’imposta con essa.

È un grande passo nella giusta direzione, anche perché è ora, dice Rashid.

Renderà le startup norvegesi e le aziende in via di sviluppo più competitive, garantendo allo stesso tempo lo sviluppo di nuove imprese e posti di lavoro in Norvegia.

READ  – Det generelle rådet er å sitte stille – E24