Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Oligarca in esilio Mikhail Khodorkovsky: – Teme il successore di Putin

Mikhail Khodorkovsky (58) era l’oligarca più ricco della Russia. In qualità di proprietario e amministratore delegato del colosso petrolifero russo Yukos, ha anche avuto stretti rapporti con il presidente Vladimir Putin.

Tuttavia, finì quando nel 2003 parlò ad alta voce della corruzione in Russia e iniziò a descriversi come un critico del regime russo. L’ex oligarca è stato arrestato e condannato a dieci anni di carcere per quella che le organizzazioni per i diritti umani hanno definito una punizione per aver criticato il Cremlino.

Oggi vive in esilio a Londra ed è uno dei più importanti dissidenti in Russia. È andato in diverse occasioni fortemente contro l’invasione russa dell’Ucraina.

Preoccupato per il seguito

In un’intervista con un inglese indipendente L’oligarca in esilio afferma di ritenere che il sostegno alla guerra tra il popolo russo diminuirà entro due anni. Crede che la storia russa abbia dimostrato che i regimi che perdono la guerra saranno in grossi guai entro due anni.

Crede che sia difficile determinare se questo significherà la fine di Putin. Crede che anche se Putin verrà estromesso dal potere, non sarà necessariamente una buona notizia per l’Occidente.

Questo è forse uno dei miei più grandi interessi. Il popolo russo vuole un buon zar. E l’Occidente vuole un buon Cesare. Ma in Russia, un buon zar è sempre un imperialista. Khodorkovsky dice che l’unico modo per distruggere la mentalità imperialista del potere russo è cambiare il regime.

A Kiev: La Norvegia sta aumentando il suo sostegno all’Ucraina di 10 miliardi di NOK in due anni. I fondi saranno destinati agli aiuti umanitari, alla ricostruzione del Paese, alle armi e al supporto operativo alle autorità. Video: Marie Rossland / Dagbladet.
Mostra di più

speculazione

Durante la guerra in Ucraina, la speculazione era diffusa sul fatto che la presidenza di Putin potesse presto diventare un ricordo del passato. L’ex ministro degli Esteri Sergei Lavrov Ha negato che Putin fosse malato.

READ  Desiderio molto più grande di reinsediare i rifugiati ora rispetto al 2015 - NRK Norvegia - Una panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Lo hanno riferito sia l’intelligence britannica che quella americana La lotta interna all’élite dirigente russa, che Putin avrebbe dovuto provare alla luce della sua cerchia ristrettache, per paura, lo ha preso in giro per ciò che stava effettivamente accadendo in Ucraina.

Da parte sua, l’intelligence ucraina lo ha ripetutamente affermato L’élite al potere attorno a Putin sta pianificando un colpo di statoE che il capo dell’intelligence, Alexander Bortnikov, vicino a Putin da diversi anni, sia una possibile alternativa.

Non è rimasto molto tempo

Già a marzo, Khodorkovsky ha dichiarato che la guerra in Ucraina sarebbe andata bene portò alla caduta di Putin.

– Sono convinto che Putin non abbia molto tempo a disposizione. Forse un anno. Ha detto forse tre CNN questa volta.

Anche ad aprile ripetere il messaggio:

La storia russa ci ha insegnato che i regimi che perdono una guerra affrontano un grosso problema entro due anni. “Penso che Putin perderà questa guerra se non vince nel Donbass, e i suoi drammatici errori molto probabilmente lo porteranno a non rimanere per più di due o cinque anni come dittatore”, ha detto Khodorkovsky.